Morgoth (Marc Grewe)


Visualizzazioni post:1178

Morgoth logo

In occasione della prima data italiana di sempre dei death metallers tedeschi Morgoth, in programma il prossimo 8 novembre a Brescia, abbiamo scambiato due veloci chiacchiere con il loro cantante Marc Grewe. Ecco il resoconto:

Ciao Marc, è un piacere ospitarti sulla nostra webzine! Nel 2014 voi Morgoth siete usciti con il 7″ “God Is Evil”. C’è anche un album in vista, magari già nel 2015?

Ciao a voi! Sì, al momento stiamo registrando un full lenght che uscirà a marzo del prossimo anno!

La copertina del vostro “God Is Evil” sembra molto moderna, anche se il vostro suono è decisamente old school. Come mai questa scelta?

Beh, ci serviva una copertina per un 7″, quindi abbiamo optato per qualcosa di semplice ed emblematico. Credo che ci stia molto bene, soprattutto sulle magliette che abbiamo fatto stampare. Fa il suo effetto!

Morgoth cover

Cosa ascoltano al giorno d’oggi i membri dei Morgoth?

Ascoltiamo un sacco di musica, anche molto varia. Ovviamente il genere che ascoltiamo di più è quello che potremmo definire “dark heavy”, ma siamo di mentalità aperta e ascoltiamo molta roba varia.

Che dischi (o artisti) consigliereste ai giovani che vogliono avvicinarsi al death metal?

Beh, senza dubbio tutti i migliori album death metal sono usciti nel periodo dall’87 al ’91, quindi consiglierei gruppi come i primi Death, i Bolt Thrower, gli Obituary, gli Autopsy, i Morgoth naturalmente ahah, e via dicendo…
Gran parte degli album che sono usciti in quel periodo hanno molto da offrire.

Come vedi le band che suonano death metal al giorno d’oggi? Pensi che si possa giungere ad un buon ricambio generazionale?

In giro ci sono tanti “nuovi” gruppi death metal che valgono. Sono piuttosto giovani, ma hanno imparato la lezione e hanno capito cosa è veramente importante nel death metal… cioè l’emozione e la passione… non necessariamente batteria triggerata e cazzate di tecnica. Quello è il nuovo metal! Il vero death metal non ha bisogno di batterie elettroniche. Gruppi come Skeletal Remains o Deserted Fear se la cavano molto bene! Quindi ci sono un sacco di gruppi bravi e promettenti!

Morgoth flyer Hellbrigade

Vi attendiamo in Italia per la vostra prima volta l’8 novembre prossimo a Brescia. Che cosa vi aspettate? Avete già suonato dal vivo nel nostro Paese, con altre band?

Io ho suonato in Italia col mio altro gruppo, i Power Of Expression, nel 1996… un sacco di tempo fa. Per i Morgoth sarà la prima volta, quindi spero che vada tutto benissimo e che tanta gente venga al concerto a Brescia!

La vostra carriera è molto lunga. Avete da raccontarci qualche aneddoto particolare che vi è successo in occasione di un concerto o di un tour?

Sono successe un sacco di cose divertenti ai primi tempi quando non eravamo sotto un’etichetta. Sarebbero troppe da raccontare… Adesso è tutto più professionale, quindi mancano le divertentissime piccole catastrofi che ti succedevano quando organizzavi quasi tutto da solo.

Morgoth band

L’8 novembre a Brescia suonerete con una band storica del death metal italiano, da poco riformata, gli Electrocution. Li conoscete?

Sì, conosco la loro musica. Non li conosco personalmente, ma immagino che la cosa cambierà tra poche settimane. Non vedo l’ora di vederli live!

Ok ragazzi, l’intervista è finita, grazie di tutto e ci vediamo in Italia all’Hellbrigade Fest! A voi l’ultima parola per i nostri lettori!

Speriamo vivamente di incontrare un sacco di gente al festival e di poter fare quattro chiacchiere dopo il concerto! Non vediamo davvero l’ora di conoscere la scena death metal del Nord Italia!
See you all in the Pits Of Utumno!

Facebook dei Morgoth: https://www.facebook.com/MorgothOfficial
Evento Facebook del festival: https://www.facebook.com/events/552922864807167/

Si ringraziano Vittorio Bruni per la collaborazione e Gloria Mambelli per le rapide traduzioni.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.