Energumen – Void Spiritualism (2014)

Titolo: Void Spiritualism
Autore: Energumen
Genere: Black/Death Metal Bestiale
Anno: 2014
Voto del redattore HMW: 6,5
Voto dei lettori:
Ancora nessun voto. Vota adesso!
Please wait...

Visualizzazioni post:721

Energumeno= indemoniato, ossesso, invasato, spiritato oppure bestione, prepotente, prevaricatore, rissoso, violento (dal Dizionario Garzanti).

Mai nome è stato più azzeccato di questo per creare un casino di inaudita ferocia i cui presupposti sono da individuare nel 2010, cioè quando sono stati fondati gli Energumen, un duo svizzero che ci ha messo ben quattro anni per tirare fuori il demo “Void Spiritualism”, uscito in cassetta esattamente nel mese di Aprile 2014. La svedese Blood Harvest, sempre attenta a scovare nuovi talenti azzeccandoci quasi ogni volta, si è così interessata agli Energumen al punto da ristampare recentemente in versione vinilica il demo sopraddetto. Un’opera di bene (o di male?), non c’è che dire, soprattutto pensando che gli Energumen si esprimono con una buona personalità, mostrando al contempo una rara pesantezza.
I nostri suonano di base il mio genere preferito, cioè il black/death bestiale, ma lo declinano in una maniera un po’ strana, sia mischiandolo con del riffing talvolta dissonante e malato come vuole il death metal antico di recente tradizione, sia rendendolo isterico e sempre in movimento. Ne risultano pezzi più complessi della media, soprattutto grazie a un batterista dinamico e dalle trovate talvolta curiose il cui lavoro è però quasi sempre focalizzato sui tempi veloci, compresi i blast-beats, sparando ogni tanto qualche momento doom o più alla “Ritual” (immancabile!) dei Blasphemy. In più c’è un assolo in ogni pezzo, che spesso viene usato per creare un po’ di feedback utile per chiudere in modo brusco e rumoroso le canzoni (come “Invisible Spears Of Abomination”). Il comparto vocale è invece più classico e offre un campionario disumano di grugniti – anche ultra-gutturali – e urla che talvolta vengono utilizzate in contemporanea, rimandando direttamente a gruppi come i Bestial Warlust, Black Witchery e simili.
La proposta degli Energumen è parecchio difficile: anche per via di una produzione sorda e cupa in ogni secondo devi essere concentratissimo, attento a ogni minimo particolare. Oddio, in fondo in fondo, gli Energumen saranno pure complessi ma non è che sprizzino così tanta fantasia, però, come già scritto, mostrano una personalità da apprezzare a prescindere visto anche il genere di riferimento. E quindi, prima di fiondarvi all’acquisto, testate con estrema attenzione la musica degli Energumen perchè se no… “vedrete cose che voi umani non riuscite neanche a immaginare”.

Tracklist:

1 – Self Abortion Ritual
2 – Invisible Spears of Abomination
3 – Ekliptik Manifestation of Dominance

Line-up:

J.FHRR – voce/chitarre/basso
M.RMSR – batteria

BandCamp: http://energumen.bandcamp.com
Etichetta Blood Harvest: http://www.bloodharvest.se

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.