Verde Lauro (studio report)

Visualizzazioni post:8866

VerdeLauro_logo-300x146

Uno studio report è sempre interessante, l’ascolto in anteprima di un nuovo disco e il discutere con un artista sul suo ultimo lavoro sono delle piccole soddisfazioni per un redattore. Ed eccomi pronto (ma ovviamente MAI in orario, nda) alla chiamata presso Elnor Studio del simpaticissimo Mattia Stancioiu, come batterista ma anche produttore, per l’ascolto del disco del progetto Verde Lauro.

E a questo punto bisogna chiarire subito una cosa: si tratta di musica metal e orchestrale ma i testi sono di un certo Francesco. Chi? Ma Petrarca, no? Ricordate i libri e i banchi di scuola?? I testi del disco appartengono al Canzoniere del Petrarca.

Tutto questo nasce e diventa realtà grazie al cantante Fabrizio Sassi, un ottimo cantante che ha scoperto la passione per il Canzoniere intorno al 2005 e ha deciso di creare qualcosa di nuovo ed inaspettato. Per realizzare questo disco ha cercato e trovato come collaboratori musicisti del panorama metallico italiano: Mauro Desideri – orchestrazioni (VeraEuridice), Pier Gonella – chitarra (Necrodeath/Master Castle), Francesco Marras – chitarra (Screaming Shadow), Mattia Stancioiu – batteria (Crown Of Autumn). Ma tutto questo non bastava, ed ecco che sono presenti nei pezzi come cantanti-ospiti Roberto Tiranti, Davide Dell’Orto (Drakkar), Alessandro Del Vecchio (Edge Of Forever), Emanuele Rastelli (Magnifiqat).
Prima dell’ascolto di ogni brano Fabrizio aiuta la nostra memoria scolastica con informazioni sul testo e sull’interpretazione che lui dà alle parole del Petrarca. Tutto questo lo si troverà sul sito dei Verde Lauro, una cosa di cui tener conto assolutamente per capire al meglio cosa si nasconde dietro la musica.

Qui parlerò di Laura come la donna del Petrarca, ma nella mia interpretazione rappresenta tutto ciò per il quale si decide o si è obbligati a spendere il proprio tempo. Nel bene e nel male. Parlerò di  Amore personificandolo [..] L’invito che faccio durante l’ascolto è quello di pensare ad una passione, un desiderio, che non si concede completamente” (Fabrizio)

VerdeLauro-SonoAnimaliAlMondo-300x297

La copertina del disco è stata affidata al pittore Antonello Venditti che ha rappresentato la metafora che contiene “Son Animali Al Mondo”; ci sono persone che assomigliano all’aquila, volano verso le proprie passioni senza accecarsi. Altre assomigliano al gufo, per non rimanere bruciati escono solo la notte. Altre ancora non sanno resistere e, come la falena, convinti di poter gioire nel fuoco si avvicinano e si bruciano per sempre.

Il disco contiene 17 tracce più due bonus orchestrali che erano state registrate tempo fa in altre versioni, sicuramente un lavoro lungo ed impegnato per cui non ha assolutamente senso ora fare una recensione traccia per traccia. Credo sia un disco da scoprire ed ascoltare con la mente e con il cuore; in effetti è qualcosa di molto strano, la musica è un ottimo heavy metal con un sacco di orchestrazioni e possiamo trovare molte diversità di stile tra il modo di suonare dei due chitarristi. Risulta quindi vario ed accattivante il sound di ogni singolo pezzo, impreziosito dai cantanti ospiti che interpretano in modo ottimale ogni parte. L’Elnor Studio conferma nuovamente le sue qualità, ottima registrazione e mixaggio (l’ascolto in anteprima è sul disco prima del mastering).

http://youtu.be/j752oFvJ6S8

Il disco uscirà per la fine di Gennaio 2015 e un release party è previsto il 24 Marzo al Legend Club di Milano, nell’attesa andate a vedere il bel videoclip di “Son Animali Al Mondo”, un piccolo assaggio di un disco da divorare.

Sito ufficiale: www.verdelauro.com
Facebook: https://it-it.facebook.com/pages/Verde-Lauro/151925898195937

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.