Slider by IWEBIX

Longobardeath – Old Time Balabiott (2014)

Pubblicato il 13/02/2015 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: Old Time Balabiott
Autore: Longobardeath
Genere: Thrash Metal / Hard Rock / Folk
Anno: 2014
Voto: 8

Visualizzazioni post:343

Se consideriamo il “folk” come andrebbe effettivamente visto, cioè la messa in musica e il ripescaggio delle vecchie tradizioni e canti popolari, i Longobardeath meriterebbero la palma dei precursori. La banda del simpatico Ul Mik prosegue imperterrita da anni, album dopo album, con una rivisitazione delle vecchie canzoni milanesi “da osteria” arricchite da un moderno piglio rock and roll e thrash metal.
Non fa eccezione il nuovo “Old Time Balabiott”, ennesimo tassello di una ricerca musicale che va avanti guardando all’indietro, per un risultato finale strepitoso e ad altissima gradazione alcolica.
Il nuovo disco presenta una nutrita serie di ospiti – Andy Panigada (Bulldozer), Steve Volta (Perpetual Fire / Pino Scotto Band) e gli horror rockers varesini Killerfreaks – e contiene, oltre alle 18 canzoni standard, due sessioni mp3 con ben due live completi della band, per un complessivo totale di 52 canzoni.
Nella prima parte del disco Ul Mik e soci si dilettano anche in brani di composizione propria come “W La Gnocca Ma Niente Plastica”, “La Tor De Guardia” o “Oreste Selfmademan” (dedicata evidentemente ad un amico onanista), passano il guado con una cover dei Misfits tradotta nel consueto dialetto milanes (“Dai, Dai, Dai, l’è Tardi”) e poi danno il via libera a un gran finale di cinque brani per quasi mezz’ora di musica di canti popolari milanesi e cori da osteria (o da stadio a seconda dei casi) che vi faranno rischiare lo sforamento dell’etilometro ad ogni ascolto!
“Old Time Balabiott” è l’ennesima conferma di quanto sia divertente il combo lombardo e allo stesso tempo di quanto sia forte la volontà di Ul Mik e dei suoi compagni di voler ricordare le tradizioni e i canti dei genitori o dei nonni che a tutt’oggi sembrano destinati all’oblio.
Ultime parole per un consiglio: se passano live dalle vostre parti andateli a vedere, sarà difficile uscirne sobri!

Tracklist:

1. Chi è Che El Dis
2. Ghe Minga Bira alle Hawaii
3. W la Gnocca ma Niente Plastica
4. The Exorciccio
5. La Tor de Guardia
6. Italian Porcorescion 1861
7. Montecarlo Shitting
8. Bevo Bevo
9. Oreste Selfmademan
10. Dai, Dai, Dai, l’è Tardi
11. Astromagutt
12. Technopirlescion
13. Rebambì Discoteque
14. Salute
15. Rustisciada
16. Noi che Fighi Siamo
17. Grapa
18. Bira e Minestrun S.P.A.

Line-up:

Ul Mik – voce
Ul Claudio – basso
Ul Giurgin – batteria
Ul Mirko – chitarra
Moreno – chitarra / percussioni

Sito ufficiale: http://www.longobardeath.it
Facebook: https://it-it.facebook.com/longobardeath
Etichetta Anger Music – http://www.angermusic.it

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *