Slider by IWEBIX

Malsanctum – Metamorbid Fetishization (2015)

Pubblicato il 6/08/2015 da in Demo | 0 commenti

Titolo: Metamorbid Festishization
Autore: Malsanctum
Genere: Black / Funeral Doom Metal
Anno: 2015
Voto: 5

Visualizzazioni post:501

Canada, terra di stupratori della Musica come i Blasphemy e i Revenge e di folli sperimentatori come i Voivod e i Cryptopsy. Nel mezzo c’è pressoché il nulla perché questo Paese sembra nato apposta per le estremizzazioni. E, indovinate un po’?, i canadesi Malsanctum estremizzano tutto ciò per abbracciare questi due poli estremi così da creare una musica atta a distruggere gli estremi livelli di sopportazione dell’ascoltatore, il quale deve alla fine ringraziare la tedesca Iron Bonehead Productions, tanto buona nei confronti dei Malsanctum da aver stampato 300 copie in formato cassetta del loro demo “Metamorbid Fetishization” in data 20 Febbraio 2015. E la cosa assurda… anzi, UNA delle cose assurde è che dei Malsanctum non si sa un’emerita cippa, solo la loro nazionalità (che a questo punto potrebbe essere benissimo fasulla…). E un’altra cosa assurda è che “Metamorbid Fetishization” dura solo 24 minuti circa per… una SOLA canzone! Si salvi chi può…
Giusto, si salvi chi può! O meglio, lasciate ogni speranza o voi ch’entrate. No perché questi 24 minuti sono pura agonia, una vera e propria odissea nella Sofferenza consistente in una specie di funeral doom deviato registrato malissimo in tipico stile “da cantina” e dall’atmosfera così dannata che lo fa avvicinare agli stilemi del black metal. In più, certi riffs rimandano parecchio al death metal pestilenziale degli Incantantion mentre altri sono addirittura arabeggianti con annesse voci pulite ritualistiche. E fate conto poi che il cantato è stato per lo più deturpato di qualsiasi parvenza di umanità tanto che i grugniti (ovviamente lentissimi) sembrano quasi un aspirapolvere infernale e, peggio ancora, la canzone, ricca di tempi ultra-lenti e di passaggi ultra-ossessivi, è più che altro strumentale, lo conferma soprattutto il lunghissimo finale da 7 minuti 7 zeppo SOLTANTO di un feedback angosciante. Boh, ma cos’hanno preso questi (o questo?) per registrare una cosa del genere?
Però c’è un problema di fondo: per quanto i Malsanctum riescano a trasmettere un sacco di inquietudine avendo pure il coraggio di sperimentare un bel po’, alle volte paiono essere troppo auto-indulgenti (e il finale lo dimostra) non sviluppando così per bene certe soluzioni. Insomma, promettenti le intenzioni, mediocri i risultati. Però cacchio, stiamo sempre parlando di 24 minuti di agonia totale!

Tracklist:

1 – Metamorbid Fetishization

Line-up:

Sconosciuta

BandCamp: https://ironboneheadproductions.bandcamp.com/album/malsanctum-metamorbid-fetishization
Etichetta Iron Bonehead Productions: http://www.ironbonehead.de

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *