Slider by IWEBIX

29/11/2015 : Nightwish + Arch Enemy + Amorphis (Casalecchio di Reno, BO)

Pubblicato il 2/02/2016 da in Live report | 0 commenti


Visualizzazioni post:305

29/11/2015 : Nightwish + Arch Enemy + Amorphis – Unipol Arena – Casalecchio di Reno (BO)

nightwish_a1_contra.psd

Esordisco dicendo che in un evento di una certa portata come questo gli imprevisti sono certamente prevedibili.
Però in questa occasione, come spiegherò a breve, si è addirittura rasentata la follia. Ritengo sia giusto fare un report che oltre a recensire il lato artistico recensisca anche quello organizzativo.
In Italia ultimamente sto notando molti problemi a riguardo. Ne cito alcuni, ad esempio: Le porte dell’Estragon che si aprono mentre gli Scar Symmetry iniziano a suonare, o peggio ancora gli orari del Deathcrusher Tour totalmente errati. Infatti in quell’occasione molti fan, compreso il sottoscritto, si sono persi l’esibizione dei Voivod.
Situazione simile si ripropone in quel di Casalecchio Di Reno: gli orari annunciati sia sui biglietti che sulle varie pagine ufficiali degli organizzatori sono stati anticipati di 40 minuti.
Molti fan, arrivati da ogni parte dello Stivale per l’esibizione degli Amorphis, sono stati costretti a sentire il concerto dall’esterno dell’arena. Complice di questa spiacevole circostanza sono stati i rigidi e lenti controlli con i metal detector, oltre che il mancato avviso dell’anticipo non comunicato dello show.
L’unica pagina Facebook che riportava il cambio orario è stata quella ufficiale degli Amorphis, i quali attraverso un post delle 15:25 del giorno stesso annunciano: see you tonight at 19:20!
Questa decisione sembra sia stata presa dal tour manager, senza alcun apparente motivo.
Per adesso, ma solo per adesso smetterò di lamentarmi (eh sì perché ce ne saranno altre) e passiamo a recensire il lato artistico della serata.

Nightwish Amorphis Arch Enemy 8

Fortunatamente, essendo riuscito ad entrare circa un minuto dopo l’ inizio degli “sfortunati” AMORPHIS, sono stato in grado di godermi tutto il loro show. “Sfortunati” perché, in tutto questo caos, i primi a rimetterci sono stati proprio loro visto che il pubblico presente durante la loro esibizione era decisamente scarso.
Passiamo al loro show: la band è in gran forma, infatti dall’ultima volta che li ho visti – nel 2010 headliner all’Estragon di Bologna – li trovo tecnicamente migliorati complice anche un album fresco di uscita “Under The Red Cloud” a mio avviso titanico. È infatti con “Death Of A King” che aprono la serata, traccia estratta dal nuovo album che mixa sapientemente voci death metal con ritmi e melodie gothic contornate da atmosfere orientali.
Nonostante i problemi organizzativi, la band finnica non si perde d’animo e prosegue come un treno in corsa. Molti sono i brani estratti dall’ultimo lavoro: seguono “Sacrifice” e “Bad Blood”, nella fase intermedia tocca alla cupa e melanconica “Hopeless Days” estratta dal predecessore “Circle” e nel finale si torna al passato (ma non troppo remoto) con “Silver Bride” e con la consueta “House Of Sleep” posta in chiusura.
Concludendo gli Amorphis non si smentiscono e ci regalano uno show memorabile, seppur di breve durata.
Speriamo per loro e per i  fans meno fortunati di questa sera che le date di marzo siano prive (o quasi) di problemi organizzativi.

Setlist Amorphis:

Death Of A King
Sacrifice
Hopeless Days
Bad Blood
Drowned Maid
Silver Bride
The Four Wise Ones
House Of Sleep

Nightwish Amorphis Arch Enemy 12

Passiamo ora agli ARCH ENEMY, una delle band che più amo del genere “Swedish Death” che, anche se orfani della potenza dell’ugola dell’affascinante Angela Gossow riescono a portare avanti la loro “bandiera” (che più avanti Alissa sventolerà sullo stage sia metaforicamente che letteralmente). La band parte con l’introduzione del nuovo album “War Eternal” per eseguire successivamente non la “first track” di quest’ultimo ma inaugurando lo show con “Yesterday Is Dead And Gone” risalente all’epoca-Gossow. L’impatto scenico è senza precedenti.
Alissa oltre che estremamente bella è un vero e proprio “animale da palco”, la definirei una sorta di ibrido tra Rob Zombie e Bruce Dickinson al femminile. Passiamo subito dopo a “War Eternal”, title-track dell’ ultimo album. Lo show continua alla grande, con tanto di avvistamento di nonnina al mio fianco con sedia personale, che accompagna la nipote al concerto. Ce ne fossero di nonne così!
Seguono “Ravenous”, “Stolen Life”, “You Will Know My Name” e “As The Page Burns”, fino ad arrivare poi a “Under Black Flags We March” dove per l’ appunto Alissa sventola una “black flag” con tanto di simbolo degli Arch Enemy lungo tutto lo stage.
Il concerto termina alla grande con la potentissima “Nemesis” e così gli Arch Enemy escono di scena lasciando il pubblico soddisfatto e carico per lo show dei Nightwish.

Setlist Arch Enemy:

Khaos Overture (Intro)
Yesterday Is Dead And Gone
War Eternal
Ravenous
Stolen Life
You Will Know My Name
As The Pages Burns
Under Black Flags We March
Avalanche
No Gods, No Masters
Nemesis

Nightwish Amorphis Arch Enemy 3

Ecco che i NIGHTWISH fanno il loro ingresso on stage, l’arena è zeppa e il pubblico esplode. Luci, immagini e fuochi pirotecnici: l’impatto visivo è favoloso! Aprono le danze con “Shudder Before The Beautiful”, opener dell’ultimo lavoro “Endless Form Most Beautiful”. La band è decisamente in forma: segue “Yours Is An Empty Hope” sempre estratta dal sopracitato album. A questo punto dello show ci saranno due sorprese, regalate ai fan: una positiva ed una negativa. La positiva è una scaletta che ritorna al passato: infatti con “Ever Dreams” e “Wishmaster” la singer Floor Jansen dà piena dimostrazione del fatto che sia perfettamente in grado di sostituire la storica Tarja e nel contempo non si rimpiange la perdita della voce “piatta” – e poco adatta per questa band – di Anette Olzon.
Veniamo ora alla brutta sorpresa: durante l’esecuzione di questi ultimi brani hanno aperto lo spazio sotto palco per i fotografi, i quali finito il loro lavoro sono stati letteralmente sbattuti fuori dall’arena (tra l’altro senza giacche e giubbotti) e lì è stato comunicato loro che se avessero voluto vedere fino alla fine lo show avrebbero dovuto comprare il biglietto. Non si è capito da chi sia stata presa questa decisione, ma di sicuro si tratta di una grave mancanza di rispetto verso il lavoro dei fotografi. Tra l’altro, lo diciamo per coloro che non sono “addetti ai lavori” come noi, un fotografo non è “lo scroccone che non paga il biglietto”, ma una figura professionale, spesso non pagata, che fa parte di una redazione (sia essa cartacea o online) che per mesi ha contribuito alla buona riuscita e alla promozione dell’evento con la pubblicazione di banner, comunicati stampa e quant’altro.
Dopo questo triste contrattempo andiamo avanti con la setlist del concerto, che segue la promozione del nuovo album con “My Walden”, la melodica “Elan” e “Weak Fantasy”. Musicalmente e visivamente la band dà il meglio di sé e riesce ad intrattenere e coinvolgere il pubblico per più di due ore di concerto. Seguono “Storytime” e “Nemo”, quest’ultima eseguita alla perfezione da tutta la band, che chiude lo show con l’interminabile “The Greatest Show On Earth”, il brano che chiude il nuovo disco, eseguito per intero. Oggettivamente, per chi casualmente come me è arrivato in orario e per chi non era in arena in veste di fotografo, è stata una bella esperienza: vedere tre grandi band sullo stesso stage in un’unica serata.
Peccato per i tanti fan degli Amorphis e per chi, facendo semplicemente il suo lavoro, è stato trattato malamente. Spero vivamente che sia gli organizzatori che i vari tour manager facciano tesoro della situazione e cambino atteggiamento nei prossimi tour. Alla prossima!

Setlist Nightwish:

Shudder Before The Beautiful
Yours Is An Empty Hope
Ever Dreams
Wishmaster
My Walden
The Islander
Elan
Weak Fantasy
7 Days To The Wolves
Storytime
I Want My Tears Back
Nemo
Stargazers
While Your Lips Are Still Red
Ghost Love Score
Last Ride Of The Day
The Greatest Show On Earth

Live report a cura di Francesco Longo. Foto di Sabina Baron.

Amorphis:

Nightwish Amorphis Arch Enemy 9

Nightwish Amorphis Arch Enemy 7

Arch Enemy:

Nightwish Amorphis Arch Enemy 10  Nightwish Amorphis Arch Enemy 14  Nightwish Amorphis Arch Enemy 13  Nightwish Amorphis Arch Enemy 11

Nightwish:

Nightwish Amorphis Arch Enemy 5

Nightwish Amorphis Arch Enemy 6  Nightwish Amorphis Arch Enemy 1

Nightwish Amorphis Arch Enemy 2  Nightwish Amorphis Arch Enemy 4

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *