Nocturnal Blood – Abnormalities Prevail (2008-2010)

Titolo: Abnormalities Prevail
Autore: Nocturnal Blood
Genere: Bestial Black / Death Metal
Anno: 2008-2010
Voto: 9

Visualizzazioni post:1824

Continua la collaborazione fra la Shaman Of Horrors Offerings e la Hells Headbangers Records. Quest’ultima ha infatti reso disponibile anche su CD e vinile 12’’ “Abnormalities Prevail”, originariamente pubblicato su cassetta a Febbraio 2015 dalla stessa Shaman of Horrors. Ma l’etichetta di Cleveland, Ohio, ha fatto veramente un bell’affare perché con “Abnormalities Prevail” ha avuto la ghiotta occasione di ristampare, salvo le cover, tutti i demo e gli EP dei Nocturnal Blood, progetto solista nato nel 2008 e attivo discograficamente fino al 2010 di quel pazzo immondo di Ghastly Apparition, ora occupato con il suo più recente progetto The Haunting Presence, che avete già conosciuto su queste stesse pagine e che in un certo senso può essere considerato come la continuazione proprio di Nocturnal Blood. E adesso preparatevi a leggere la recensione di un disco contenente ben venti pezzi uno più figo dell’altro!
Nocturnal Blood è sempre stato artefice di un semplice black/death metal bestiale dal riffing oscuro sì di stampo death ma dal minimalista taglio black che può ricordare quello in stile bulldozer dei Demoncy mentre la voce è di base un grugnito bassissimo e “ignorante” riverberato veramente un casino come nemmanco nei Von dei bei tempi andati. La batteria è invece improntata su dei blast-beats animaleschi e caotici che enfatizzano spesso il discorso giocando molto sui piatti ma, per fortuna, talvolta esce fuori qualche tempo medio-lento sia di stampo doom che groovy abile a rendere il suddetto discorso ancora più efficace, seppur sempre attraverso un approccio lineare ma potente.
Ma una delle caratteristiche peculiari di questo progetto è sempre stata la produzione dei suoi dischi maggiori; una produzione molto “caciarona” ma ascoltabile con quella batteria ASSOLUTAMENTE non triggerata, quelle chitarre dal suono grezzo a motosega e da quel cantato riverberato che nel complesso crea un’atmosfera maledetta come poche.
Le caratteristiche sopracitate emergono però con prepotenza a partire dallo split condiviso con i connazionali Sanguis Imperem, cioè “Imperial Impurity” (Nuclear War Now! Prod, 2010). Qui il nostro, al suono delle più classiche e minacciose campane a morto che costituiscono la brevissima intro “Chime The Bells Of Doom”, si scatena introducendo non solo con buona regolarità qualche assolo di chitarra (poi completamente abbandonato nell’album di debutto uscito nello stesso anno) ma anche uno strano cantato inspirato e sussurrato che viene alternato in alcuni pezzi a quello principale insieme a un urlo strozzato da brividi (“Apocalyptic Rites”, dal finale ossessivo ma intensissimo). E gli ultimi quattro pezzi del disco, compresi gli sporchissimi e inediti “Darkness Erupts” e “Morbid Celebration” (entrambi di 2 minuti e 20 circa) continuano sulla falsariga di quelli dello split.
Discorso un po’ diverso per il primissimo demo “True Spirit Of Old…”. Qua il black/death bestiale di Nocturnal Blood era ovviamente ancora in sviluppo ma il nostro tendeva allora ad alternare pezzi veloci e magari grind (come dimostrano i 90 secondi di pura furia di “Pray Evil I Will Cum”) con altri quasi esclusivamente più lenti e doom (come “Masochistic Doom”, totalmente basata su un solo riff). Interessante notare come nel primo demo regnassero sovrane tematiche sessuali viste anche altre canzoni come “Temple Of Masturbation” e “Goat Vulva” (che probabilmente è un omaggio all’omonimo e osceno progetto dei due membri fondatori dei grandi Beherit).
Certo, chi cerca varietà e fantasia oltrechè pulizia del suono è meglio che cambi aria per non venire strangolato ma di sicuro “Abnormalities Prevail” (la cui prima canzone “Forgotten Wisdom Of Darkness” fu registrata nelle stesse sessioni di “True Spirit Of Old…” pur non essendo poi inclusa nel demo) è un must per i patiti del genere che gioiranno ad ascoltare venti pezzi di un progetto che ha trovato virtualmente la fine attraverso la sua ultima produzione, cioè un devastante album d’esordio pubblicato nel 2010 grazie al benestare della Hells Headbangers Records con il quale si aumentò notevolmente la violenza di Nocturnal Blood, il cui progetto continua, come già scritto in apertura, con The Haunting Presence mostrando una furia e un caos perfino maggiori oltrechè un’inedita aura folle non da tutti.
Ma perché su Metal-Archives c’è scritto che Nocturnal Blood è ancora attivo? Bah, misteri dell’Internet…

Tracklist:

“True Spirit of Old…” demo:

1 – Forgotten Wisdom of Darkness
2 – Sexphemous Perversions
3 – Masochistic Doom
4 – Pray Evil I Will Cum
5 – Goat Vulva
6 – Temple of Masturbation
7 – Nocturnal Black Blood

“Nocturnal Crucifixions” EP:

8 – Blood Offering in Desolation
9 – Nocturnal Doom

“Imperial Impurity” split:

10 – Chime the Bells of Doom (intro)
11 – Blasphemy Written in Fornication
12 – Violent Crucifixion
13 – Abnormalities Prevail
14 – Genocide Death Prayer
15 – Apocalyptic Rites
16 – Order of Torment (outro)

“Invocation of Spirits” EP:

17 – Invocation of Spirits
18 – Blood Impurity

Inediti:

19 – Darkness Erupts
20 – Morbid Celebration

Line-up:

Ghastly Apparition – voce/chitarre/basso/batteria

FaceBook
Etichetta Shaman Of Horrors Offerings – http://shamanofhorrors.blogspot.it
Etichetta Hells Headbangers Records – http://www.hellsheadbangers.com

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.