Slider by IWEBIX

Baphomet’s Blood – In Satan We Trust (2016)

Pubblicato il 6/04/2016 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: In Satan We Trust
Autore: Baphomet's Blood
Genere: Speed Metal
Anno: 2016
Voto: 9

Visualizzazioni post:374

Altro gruppo italiano di fila che recensisco. E che gruppo! Sì perché stavolta parliamo dei marchigiani Baphomet’s Blood, delle vecchie conoscenze del nostro portale preferito formate da quattro energumeni (fra cui il batterista dei grandi Blasphemophagher – a proposito, dove cacchio sono finiti? – che qui si cimenta addirittura nel ruolo di cantante/chitarrista; e c’è pure una donzella al basso) che dall’A.D. 2003 infestano la scena metal italiana (e non) dopo aver già acquisito anni fa un certo nome fra i cultori dell’underground più trucido.
Prova ne è il fatto che la tedesca Iron Bonehead Productions abbia pubblicato in data 25 Gennaio 2016 il nuovo disco “In Satan We Trust”, che segue di ben sette anni il terzo album anch’esso pubblicato attraverso la suddetta etichetta.
Bene, cosa bisogna aspettarsi da questo nuovo lavoro? Intanto il primo pezzo in scaletta, cioè “Commando Of The Inverted Cross”, ci fa attendere un casino perché i primi tre minuti circa sono tutta un’intro prima parlata da una donna posseduta e poi addirittura orchestrale. Dopodichè, finalmente i Baphomet’s Blood attaccano… anche se ci fanno attendere ancora un altro po’ perché intanto si dilungano stavolta in una potente intro musicata ma, passati quattro minuti, ecco quello che vi aspetta: una colata di speed/thrash metal (più speed che thrash ma tant’è) ovviamente vecchia scuola perennemente veloce e diretto con la batteria spesso a elicottero, una forte componente epico-melodica mischiata a dei riff di stampo rock’n’roll da paura (ravvisabili specialmente in pezzi magnifici come la titletrack o “Whiskey Rocker”, questa comprendente fra l’altro un’intro e un’outro moooolto contestuali) e a un’atmosfera che spesso incita tremendamente alla rissa, degli assoli anche lunghissimi di caratura eccellente e un comparto vocale debitore del compianto Lemmy rinforzato di qua e di là da dei cori da gang decisamente coinvolgenti. In parole povere, un massacro su tutta la linea talmente da headbanging terminale che la testa, prima o poi, te la stacchi sul serio dopo ben otto pezzi per 40 minuti.
Adesso qualche pignolo obietterà: “ma qui dov’è l’originalità? Dov’è la fantasia?”. Beh, sull’originalità un bel chissenefrega, e sulla fantasia, insomma, avrebbe pure ragione ma alla fine il tutto funziona splendidamente anche perché i nostri riescono a differenziare i vari pezzi con poco, seppur per esempio i cambi di tempo siano (quasi) totalmente assenti, a parte in “Infernal Overdrive” la cui parte centrale è dominata da un potente tempo medio heavy metal. Invece, nella precedente e più anthemica che mai “Triple Six”, i nostri decelerano un po’ (“un po’”, capito?) per creare un pezzo molto à la Venom di ben sei minuti mentre la conclusiva “Eleg” è un favoloso tempo medio rockeggiante parecchio NWOBHM (e anche con degli arrangiamenti da parte del batterista più complessi e inventivi del solito) che non è altro che una cover dei Farao, un misconosciuto gruppo ungherese recentemente riformatosi che fino all’altroieri, da veri metallari ultra-appassionati, credo conoscessero soltanto i Baphomet’s Blood! Ma, grazie ai Farao, i nostri hanno così continuato la loro tradizione di concludere ogni proprio disco con una cover atta a omaggiare un passato heavy metal che oggi è giustamente più vivo che mai.
In soldoni, i Baphomet’s Blood hanno fatto veramente benissimo a farci venire la bava per sette lunghi anni perché “In Satan We Trust” è un disco con i controcazzi d’acciaio, il quale fra l’altro risulta caratterizzato da una produzione sì cristallina e potente eppure graffiante e vecchia scuola oltrechè in un certo senso pure molto “live”, cosa determinata da un cantante che spara dei “let’s go!” e “all right!” che farebbero felici di sicuro tipi come il Cronos dei bei tempi andati. E parimenti, se voi volete essere felici con un disco speed metal che pesca a piene mani non solo dai Venom e dai Motörhead ma anche dai Tank, dai Warhead, dai Bulldozer e dagli Acid, allora “In Satan We Trust” è veramente qualcosa di imperdibile. ITALIAN STEEL!

Tracklist:

1 – Commando of the Inverted Cross
2 – In Satan We Trust
3 – Hellbreaker
4 – Underground Demons
5 – Triple Six
6 – Infernal Overdrive
7 – Whiskey Rocker
8 – Eleg (Farao cover)

Line-up:

Necrovomiterror – voce/chitarra
Angel Trosomaranus – chitarra
S.V. Goat Necromancer – basso
S.R. Bestial Hammer – batteria

FaceBook: http://www.facebook.com/pages/Baphomets-Blood-official/116241875112834
Etichetta Iron Bonehead Productions – http://www.ironbonehead.de

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *