Slider by IWEBIX

Chthonic Cult – I Am The Scourge Of Eternity (2015)

Pubblicato il 19/04/2016 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: I Am The Scourge Of Eternity
Autore: Chthonic Cult
Genere: Black / Death / Doom Metal
Anno: 2015
Voto: 8

Visualizzazioni post:352

A forza di ascoltare gruppi chiamati Khthoniik Cerviiks e Chthonic Cult mi è venuta la curiosità impellente di sapere a cosa si riferiscono questi tipi con i loro nomi. Bene, cos’è quindi il culto “ctonio”? E’ un culto risalente all’Antica Grecia che si basava sulla venerazione degli dei del sottosuolo (infatti, “Ctonio”, parola greca che sta per “Sotterra” oltrechè personificazione della Terra nuda e cruda) legati alle forze sismiche o vulcaniche.
E un’impressione simile la danno, appunto, gli Chthonic Cult, un trio (ora diventato duo con la recente dipartita di Skandaz) polacco-tedesco nato nel 2014 che ha scosso la Necroshrine Records, la quale l’anno scorso ha fatto uscire su formato CD il loro album di debutto “I Am The Scourge Of Eternity”, subito doppiata dalla sua alleata Iron Bonehead Productions, che invece l’ha reso disponibile in formato vinilico.
“I Am The Scourge Of Eternity” è un album dai tratti oserei dire monumentali. Pensate, esso contiene solo quattro pezzi per la bellezza terrificante di 46 minuti di durata! In tutto questo arco di tempo gli Chthonic Cult tirano fuori un black/death metal caratterizzato dai latrati sgraziati opportunamente riverberati del chitarrista Hyperborean; da un riffing che alterna un cavernoso e sporco (ma decisamente comprensibile) riffing death con uno più black pregno talvolta di melodie apocalittiche (come in “The Abyss Triumphant”) non facendo mancare neanche certe intuizioni “storte” e allucinate; da un basso dal suono grezzo e robusto e da un batterista che sa picchiare in blast come un ossesso ma che sa prodursi anche in buchi neri di stampo doom che occupano praticamente tutti gli undici minuti di “Asunder!”, pur non essendo così importanti nel resto dei pezzi come invece, per esempio, negli australiani Temple Nightside. Senza contare poi che i nostri amano ripetere ossessivamente lo stesso riff per il finale di OGNI pezzo, asfissiando così l’ascoltatore.
Ma, a differenza delle più classiche frequenze black/death/doom metal che vanno per la maggiore nell’underground più estremo, gli Chthonic Cult non sono così asfissianti. Questo lo si percepisce già nell’iniziale “As The Void Beckons” che, a parte i primi sei minuti quasi totalmente in blast-beat, lungo la parte centrale contiene non solo tempi doom ma anche tempi medio-lenti addirittura più groovy con un vago retrogusto thrash, per non parlare di certi momenti in tupa-tupa (non così sfrenato, comunque) mostrando di conseguenza una certa inventiva e dinamicità non proprio da tutti (cosa che si nota anche nei paranoici momenti finali magari contrassegnati dall’assolo interminabile – l’unico di tutto il disco – di “Asunder!”).
Curioso poi notare che, se “As The Void Beckons” parte con i blast-beats, la seguente “The Abyss Triumphant” con i tupa-tupa per poi andare al doom apocalittico (e con qualche riff “solista” desolato) di “Asunder!” mentre si ricomincia a picchiare con la conclusiva titletrack, comprendente fra l’altro un fantastico climax lungo il finale che parte, come spesso accade da queste parti, da una lenta pausa utile anche per riprendere un po’ di fiato. Che altrimenti, ragazzi miei, ci si strozza!
Insomma, “I Am The Scourge Of Eternity” è veramente un bell’album. Certo, talvolta la struttura dei brani è un po’ data per le lunghe ma, visto e considerato che pezzi così interminabili non sono MAI facilmente gestibili neanche per gli Iron Maiden (e si è visto!), gli Chthonic Cult riescono spesso e volentieri a risolvere tutto l’ambaradan con dei bei climax, specie in “As The Void Beckons” e nella titletrack, la quale chiude il cerchio anche perché è lunga ben tredici minuti proprio come la prima. E poi i nostri sanno essere particolari proponendo un black/death/doom metal vario e dinamico, cosa che spesso non capita nei gruppi del genere.

Tracklist:

1 – As the Void Beckons
2 – The Abyss Triumphant
3 – Asunder!
4 – I Am the Scourge of Eternity

Line-up:

Hyperborean – voce/chitarre
Skandaz – basso
D.S.P. – batteria

FaceBook: https://www.facebook.com/chthonic.cult
Etichetta Iron Bonehead Productions – http://www.ironbonehead.de
Etichetta Necroshrine Records – http://www.necroshrinerecords.de

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *