Slider by IWEBIX

The 69 Eyes – Universal Monsters (2016)

Pubblicato il 30/04/2016 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: Universal Monsters
Autore: The 69 Eyes
Genere: Goth'n'roll, Gothic
Anno: 2016
Voto: 7,5

Visualizzazioni post:442

I The 69 Eyes sono stati una delle band topiche della mia adolescenza, alla faccia di chi diceva che sono poser, pacchiani e che sono passati al goth per questioni di marketing (ricordiamo infatti che i loro primi tre album sono prettamente glam).
L’idillio è durato fino ad “Angels”, che considero un signor album pieno di ottimi pezzi nonché il culmine qualitativo del loro periodo goth’n’roll, iniziato col precedente “Devils”.
“Back In Blood” invece, che avevo anche recensito positivamente su queste pagine, nel lungo periodo non mi ha lasciato granché e non è un album che riascolto spesso; arrivati ad “X”, poi, ho deciso che la band era praticamente finita.  Li ho trovati intrappolati nel loro personaggio e trasformati in una parodia di sé stessi, accompagnata da videoclip di dubbio gusto e set fotografici imbarazzanti con tanto di corvi imbalsamati.
In seguito si sono presi un periodo di pausa per dedicarsi ad altri progetti (il batterista Jussi ha aperto un bar mentre Jyrki ha cantato nei The 69 Cats, che vi consiglio) e, forse, anche per decidere il da farsi.
Quindi è con molta curiosità e, non lo nego, un po’ di sospetto che mi sono avvicinata a “Universal Monsters”.
Il packaging è senz’altro uno dei più eleganti che la band abbia mai avuto a disposizione: i bellissimi primi piani dei cinque componenti sono stati realizzati dal fotografo finlandese Ville Juurikkala ed ognuno di essi può essere utilizzato come copertina del cd, a seconda di qual è il vostro musicista preferito.
Ma veniamo al sodo: com’è la musica? Si sono ripresi? Sono usciti dal ruolo in cui si erano auto-reclusi?
Comincio rispondendo all’ultima domanda e dicendo che no, non si sono ancora sbarazzati dell’ingombrante immagine vampiresca. Può essere che semplicemente non ci provino neanche e vogliano continuare a mantenere quella linea, tuttavia a questo punto il rischio di scadere nel grottesco è sempre dietro l’angolo e si manifesta in titoli autoreferenziali quali “Lady Darkness” o “Rock’n’roll Junkie”.
Ciò che però fa la differenza rispetto ai due album precedenti è una ritrovata convinzione e motivazione in quello che fanno, testimoniate da undici nuovi pezzi carichi, trascinanti, dall’attitudine puramente rock’n’roll.
“Dolce Vita”, il primo singolo, si apre con un riff praticamente metal mentre “Never” avrebbe potuto fare tranquillamente parte di uno degli album del passato; abbiamo poi “Jerusalem”, accompagnata da una voce femminile dal sapore mediorientale e “Blue”, ballatona romantica che nei loro dischi è un appuntamento obbligatorio.
La mia preferita in assoluto però è “Stiv & Johnny”, che mi ha conquistata subito con la sua melodia malinconica, tipicamente scandinava.
“Universal Monsters” costituisce per ora un gradito ritorno, speriamo che i The 69 Eyes si siano ritrovati e siano pronti per dare inizio a una nuova era.

Tracklist:

1. Dolce Vita
2. Jet Fighter Plane
3. Blackbird Pie
4. Lady Darkness
5. Miss Pastis
6. Shallow Graves
7. Jerusalem
8. Stiv & Johnny
9. Never
10. Blue
11. Rock’n’roll Junkie

Line-up:

Jyrki 69 – voce
Bazie – chitarra
Timo-Timo – chitarra
Archzie – basso
Jussi 69- batteria

Sito ufficiale: http://www.69eyes.com
Facebook: https://www.facebook.com/the69eyes
Etichetta Nuclear Blast – http://www.nuclearblast.de

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *