Slider by IWEBIX

Mob Rules – Tales From Beyond (2016)

Pubblicato il 17/05/2016 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: Tales From Beyond
Autore: Mob Rules
Genere: Heavy / Power Metal
Anno: 2016
Voto: 7

Visualizzazioni post:252

Una delle band di settore attive da oltre vent’anni – i Mob Rules – ci presentano il loro ottavo disco “Tales From Beyond”, il primo dopo l’uscita nel 2014 di “Timekeeper”, raccolta in occasione del ventennale della band. Sicuramente i Mob Rules non sono tra le band di punta del genere, ma sono sicuramente autori di ottimi lavori e sono riusciti nella loro carriera a diventare una band conosciuta ed apprezzata.
Come le prime note di “Dykemaster’s Tale” escono dalle casse la mente va immediatamente in una direzione: Iron Maiden. Le assonanze sono davvero molte, un misto tra “Dance Of Death” e “The Clansman” e questo sarà una costante per tutto il disco. Se si ascolta il brano senza per forza cercare paragoni si riesce ad apprezzare un buon lavoro di oltre otto minuti, un inizio promettente e che si allontana lievemente dalle produzioni precedenti dei Mob Rules.
Si prosegue con una serie di pezzi interessanti come “Somerled” e “Signs”, più vicini al power tedesco; ritmiche potenti e chitarre lanciate in melodie continue ad inseguire la voce di Klaus che trova linee vocali perfette per ogni situazione. Dopo un inizio piuttosto incerto il disco prende un piega decisamente più interessante: “On The Edge” è più sullo stile Gamma Ray e compari, un bel pezzo tirato quanto basta con tutte le caratteristiche per essere cantato ai concerti.
Per la successiva “My Kingdom Come” un appunto va fatto all’intro, quelle note arpeggiate sono sempre troppo maideniane. Senza quei 28 secondi iniziali nessuno avrebbe pensato null’altro a sentire un bel brano, caratterizzato da un intro in crescendo ben costruito; si passa direttamente al ritornello, uno dei più azzeccati del cd. Se non fosse per la lunghezza anche questo brano sarebbe da mettere in alto in classifica.
Molto meglio “The Healer” e “Dust Of Vengeance” che in meno di cinque minuti riescono a svilupparsi e terminare senza fronzoli inutili. Arriva il momento della titletrack, una lunga suite divisa in tre parti, ben strutturata e con momenti molto interessanti. Qui viene fuori la vena più heavy della band, con una particolare attenzione alla parte relativa ai cori. La seconda parte è molto cadenzata e morbida, si alternano assoli a linee vocali ispirate. Quando attacca la terza parte vengono in mente soluzioni stile “Operation:Mindcrime”, qualcosa che va oltre alle canzoni power che potremmo aspettarci in un disco del genere. A seconda delle versioni circolano delle bonus track, “Outer Space” in questo caso, ma anche “Ghost Town” nella release su Itunes.
In definitiva questo “Tales From Beyond” è un buon disco, sicuramente con alti e bassi ed influenzato da soluzioni che magari non saranno apprezzate da molti. Forse un disco di transizione, visto che sembra ondeggiare tra due o tre generi diversi.
Il sound generale è di qualità, l’artwork non troppo ricercato: voto positivo ma senza esagerare con l’entusiasmo.

Tracklist:

01. Dykemaster’s Tale
02. Somerled
03. Signs
04. On The Edge
05. My Kingdom Come
06. The Healer
07. Dust Of Vengeance
08. A Tale From Beyond Part 1: Through The Eye Of The Storm
09. A Tale From Beyond Part 2: A Mirror Inside
10. A Tale From Beyond Part 3: Science Save Me!

Bonus Track:

11. Outer Space

Line-up:

Klaus Dirks – Voce
Matthias Mineur – Chitarra
Sven Lüdke – Chitarra
Jan Christian Halfbrodt – Tastiere
Markus Brinkmann – Basso
Nikolas Fritz – Batteria

Sito ufficiale: www.mob-rules.de
Facebook: www.facebook.com/mobrulesband
Etichetta Steamhammer/SPV – www.spv.de

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *