Midnight Force – Dunsinane (2018)

Titolo: Dunsinane
Autore: Midnight Force
Genere: Heavy Metal
Anno: 2018
Voto: 6,5

Visualizzazioni post:1870

Da buon appassionato di suoni classici mi capita spesso di ritrovarmi ad ascoltare nuove uscite che hanno tutto per sembrare ristampe o dischi perduti degli anni ’80. Gli scozzesi Midnight Force, da Glasgow, rientrano perfettamente nella definizione. Classici che più classici non si può!
Dal 2016, anno di fondazione, hanno già reso disponibili in formato digitale un demo, un Ep ed un singolo. Ad inizio anno ecco arrivare il disco di debutto, anch’esso autoprodotto, pubblicato anche in formato cd e musicassetta. Andate presto esaurite le copie disponibili si fa avanti la Iron Shield Records: l’etichetta tedesca è già pronta a ristampare l’album.
Dunsinane” contiene otto pezzi in pieno stile heavy metal, che prendono spunto dai granitici Judas Priest, primi Iron Maiden e più in generale dalla NWOBHM. Va da sé, i termini di paragone più recenti stanno tra gli Amulet, Enforcer, etc… I ragazzi ci tengono a precisare come le loro influenze vengano anche dallo stile americano di band quali Manilla Road, Medieval Steel e da band tedesche come Accept e Scorpions.
Le armi in più in mano ai ragazzi sono sicuramente la grande carica e l’energia sprigionate in tutti i pezzi. Nonostante l’assenza di spunti originali, la scrittura offre brani capaci di farsi ascoltare e riascoltare con piacere. “Killer” e “The Scarlet Citadel” (titolo e testo da un racconto di Conan il Barbaro di Robert E. Howard) sono subito molto convincenti. I suoni sono poveri e sporchi, del tutto in linea con i pregi e soprattutto i difetti delle produzioni minori anni ’80… qualcuno potrebbe storcere il naso. La scelta rende meno indigesto lo stile del cantante che, “ruvido per ruvido”, si integra con lo spirito del disco e non stona nonostante qualche limite tecnico. “
Down With The King” prosegue la corsa, perché finora si viaggia su ritmi abbastanza sostenuti. “Witchfinder” lascia immaginare un pezzo più evocativo e magico, ma dopo i secondi iniziali torna sulle orme dei precedenti; poco male, funziona lo stesso. “Alesia Falls” è dedicata all’omonima battaglia, dove i romani piegarono la resistenza dei Galli. “Crystal Talon” è un pezzo più oscuro ma sempre insistito dove si intravede un certo amore per il metal più epico, ancor più evidente in “Warlord Eternal”. Chiude il lavoro “Dunsinane”, il cui nome ricorda il luogo dove avvenne la sconfitta di Macbeth, dalla tragedia di Shakespeare, anche se qui il testo prende spunto maggiormente dalle origini storiche della vicenda. É la traccia più lunga, sognante, dal gusto anni ’70, con una parte centrale heavy. Richiama i Thin Lizzy e a me ha ricordato i Voltz, per restare in ambito NWOBHM.
Come avrete capito “Dunsinane” non è un disco privo di ingenuità, ma se amate un certo modo di fare metal non state troppo a guardare il voto finale, mettete il volume alto e godetevi il disco, ce n’è abbastanza per divertirsi!

Tracklist:

01. Killer
02. The Scarlet Citadel
03. Down With The King
04. Witchfinder
05. Alesia Falls
06. Crystal Talon
07. Warlord Eternal
08. Dunsinane

Line-up:

John Gunn – voce
Ansgar Burke – chitarra, cori
Brenden Crow – basso, cori
Pete Werninck – batteria, cori

Etichetta: Iron Shield Records
Facebook: Midnight Force
Bandcamp: https://midnightforce.bandcamp.com/

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.