DOWNFALL – Passive Regression

Downfall
Titolo: Passive Regression
Autore: Downfall
Genere: Thrash Death Metal
Anno: 2020
Voto: 7.5

Visualizzazioni post:295

I marchigiani Downfall ci presentano, finalmente, questo album tanto atteso: Passive Regression. All’interno troviamo 12 tracce caratterizzate dall’unione tra due generi molto forti e amati, il thrash e il death metal. Un tipico intro dai toni scuri e bui lascia subito intuire a che tipo di ascolto ci stiamo avvicinando. Senza dubbio l’influenza thrash è ben evidente, soprattutto nelle costruzioni ritmiche ma anche nello stile vocale adottato dal cantante, mentre il death è presente per quanto riguarda gli andamenti melodici. 

Il primo singolo estratto, nonché seconda traccia, “Deadlock”, parte in quinta con un ritmo thrash serrato, la cui struttura lineare lascia un piccolo spazio per un assolo rapido ed intenso; i riff sono forti ed energici, ripetuti in ogni brano dell’LP.

Lo stesso carattere viene espresso in particolar modo in “Shattered”, canzone molto diretta ed vivace, “Scars Of Rebirth”, che non ci lascia respiro, e in “Terminal”, che chiude l’album alla grande con due assoli rapidi e scattanti. 

In “Forced Shelter”, “Deliverance” e “Dam” la vena death metal si fa sentire di più; non a caso le melodie sono più scure e tenebrose, l’uso delle scale minori armoniche si fa più intenso, dando al sound generale una sfumatura più profonda. 

La cosa che più sorprende e rende interessante questo lavoro è senz’altro l’utilizzo di controtempi, tempi composti, breakdown e strutture ritmiche, non prettamente tipico nei due generi sopracitati, eppure il quartetto riesce ad introdurre queste novità senza dare l’impressione di una forzatura stilistica, anzi, questa particolarità sottolinea l’originalità della band e la voglia di ricercare nuove sonorità che rendano diverso il loro stile. Un ascolto particolare bisogna assolutamente dedicarlo a “Spiritual Extirpation”, dove la batteria diventa protagonista e rende innovativo l’intero pezzo, suggerendo l’intento sperimentale del gruppo.

E’ impossibile non notare fin da subito la varietà di riff suonati, sia lenti che veloci, rapidi cambi di tempo e la ricchezza della parte strumentale, che quasi si aggiudica il ruolo principale in alcune tracce. Se questo inizialmente sembra un punto a favore, a lungo andare può dar l’idea di un identità non ancora del tutto completa, ma di una fase di ricerca e definizione dal punto di vista creativo. 

Nel complesso Passive Regression è stato composto da musicisti che vogliono andare oltre gli schemi classici del metal, sfruttando la loro grande inventiva e fondendo ritmiche e tecniche diverse da quanto ci si aspetta da una band basata su thrash e death.

La loro bravura e, soprattutto, la loro creatività sono assolutamente lodevoli.

Tracce: 
Signal 2.2.4
Deadlock
Forced Shelter
Deliverance
Shattered
Spiritual Extirpation
Scars Of Rebirth
Dam
Progressive Decline
By-products
FBE
Terminal

Formazione:
Federico Natalini – basso e voce
Matteo Luconi – chitarra
Davide Francesconi – chitarra
Simone Medori – batteria

https://www.facebook.com/downfallthrash
https://www.youtube.com/channel/UCBUVl0gP1ztRpcmGuhWeg0A

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.