BEEKEEPER – Slaves To The Nothing

Beekeeper
Titolo: Slaves To The Nothing
Autore: Beekeeper
Genere: Thrash Metal
Anno: 2017 / 2021
Voto: 7

Visualizzazioni post:375

Quale migliore occasione di una ristampa per parlare di una band, i Beekeeper, passata ampiamente sottotraccia dalle nostre parti? L’opera in questione, “Slaves to the Nothing”, esce infatti a metà del 2017 ed un peccato il fatto che essa abbia ricevuto una pressoché nulla considerazione in Italia.

Il Trio, originario di San Diego in California, mette in campo tutte le influenze classiche di chi cresce in quella speciale zona geografica, tanto cara agli amanti delle prime manifestazioni dei generi più estremi e veloci dell’Heavy Metal, quali sono il Thrash, ma anche il Death, soprattutto quello del versante floridiano. Per tutta la durata (Breve ed intensa) delle 9 canzoni che compongono l’album, si possono avvertire chiari i loro numerosi ascolti a formazioni come gli Slayer (“Fictitious”, “Satan”) e i primi Death e Morbid Angel (“Vegeta”, “Trial of the Shredders”).

I singoli membri del gruppo poi, mostrano spiccate capacità tecniche creando riff rapidissimi e particolarmente piacevoli e, nota positiva, mai troppo derivativi o scontati, riuscendo persino nell’impresa di eliminare completamente la componente degli assoli, elemento considerato fondamentale di solito nella creazione di canzoni di questi tipo. Spicca invece l’elemento vocale della cantante e chitarrista Ally Levine, la quale conferisce grande varietà alternando efficacemente un approccio punk ad un cantato che ricorda quello aggressivo e veloce di Tom araya.

Esaltati i lati migliori è necessario affrontare anche quelli negativi. Alla prova vocale non corrisponde un altrettanto buon lavoro di stesura dei testi e ciò crea una sensazione di confusione e poca fluidità nella dinamica delle tracce. Queste poi risentono anche di poca chiarezza nella struttura, come se, consci delle loro capacità, I beekeeper avessero voluto a tutti i costi mantenere ogni idea e utilizzarla forzosamente, generando canzoni che “scorrono” senza lasciare un appiglio stabile all’ascoltatore.

Notizia degli ultimi giorni riguarda la lavorazione di un nuovo disco che, data anche l’enorme esperienza acquisita in tour negli ultimi anni, se manterrà la qualità del debutto e riuscirà a limarne i difetti, credo potrà dare enormi soddisfazioni ai fan e attrarne di nuovi.

Tracce:
1. Vargas
2. Fictitious
3. Subservient Submission
4. Vegeta
5. Kamel Krusher
6. Satan
7. Picket Fence Death Night
8. Istant Death
9. Trials of the Shredders
Lunghezza totale: 33:05

Formazione:
Adam “wally” Wollach: Bass
Dylan Marks: Drums
Ally Levine: Guitars, Vocals

https://www.instagram.com/beekeepermetal/?hl=it
https://beekeepermetal.bandcamp.com/
https://www.facebook.com/beekeepermetal
Metal assault: http://metalassault.com/metal-assault-records/

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.