BLAZE BAYLEY – War Within Me – ANTEPRIMA TRACCIA PER TRACCIA

BLAZE BAYLEY

Visualizzazioni post:567

BLAZE BAYLEYBLAZE BAYLEY – War Within Me
(ANTEPRIMA TRACCIA PER TRACCIA)

Tracce:
01 War Within Me 4:11
02 303 3:18
03 Warrior 3:45
04 Pull Yourself Up 4:45
05 Witches Night 4:56
06 18 Flights 3:45
07 The Dream of Alan Turing 2:47
08 The Power of Nikola Tesla 3:10
09 The Unstoppable Stephen Hawking 6:00
10 Every Storm Ends 5:08

 

Dopo l’ispirata trilogia concettuale intitolata “Infinite Entanglement”, Blaze Bayley ha deciso di non imbarcarsi subito in un’altra ambiziosa saga narrativa ma ha sentito piuttosto il bisogno di scrivere un album carico di speranza, ben consapevole delle enormi difficoltà che il genere umano sta attraversando in questo momento. “War Within Me” è l’undicesimo studio album dell’ex vocalist di Iron Maiden e Wolfsbane, scritto da Blaze in collaborazione con Christopher Appleton, suo fidato chitarrista (e componente degli Absolva come il resto della band di Blaze) e già molto apprezzato negli ultimi album. Grazie alla Blaze Bayley Recording abbiamo potuto ascoltare in anteprima questo nuovo lavoro e ve lo raccontiamo con questo track by track:

“War Within Me” – Il nuovo album parte subito sparato con la titletrack, un pezzo che incarna tanto gli elementi sonori tipici della carriera solista dell’ex vocalist di Iron Maiden e Wolfsbane quanto una sorta di manifesto di Blaze dal punto di vista umano. Da una parte, musicalmente, il brano viaggia veloce e aggressivo ma la potenza metallica della song viene in qualche modo sfumata dalla componente melodica del pezzo, a partire dai giri di chitarra à la Maiden fino ad arrivare alle catchy linee vocali. Nel testo Blaze ci esorta a non arrenderci mai, a non tirarci indietro, a lavare via la paura che ogni tanto ci assale combattendo ogni giorno, perchè ogni giorno c’è una guerra dentro di noi, “War Within Me”.

“303” è annunciata dal rombo del motore di un vecchio aeroplano e non potrebbe essere altrimenti visto che il pezzo è dedicato allo Squadrone 303, uno dei due squadroni polacchi che durante la Battaglia d’Inghilterra difesero il Regno Unito dagli attacchi dell’aviazione nazista. Il pezzo sfreccia veloce come gli Hawker Hurricane pilotati dagli ufficiali polacchi durante quella memorabile battaglia. Chris Appleton ha nel sangue questi giri melodici di chitarra tipici del british heavy metal e ci mostra di che pasta è fatto anche in sede di riffing cucendo un tappeto ideale su cui Blaze ci può raccontare un piccolo pezzo di storia della Seconda Guerra Mondiale, ancora una volta all’insegna della melodia.

“Warrior” ci riconsegna un’altra specialità di Blaze, la vocalità bassa e profonda che il vocalist padroneggia con assoluta maestria cantando sopra un bell’arpeggio di chitarra, per un brano che comincia come una ballata prima di esplodere come una palla di cannone. La voce di Bayley si distende, melodicissima ed evocativa, e il frontman nelle lyrics si chiede se è in grado di essere un guerriero. In un altro momento “tipicamente Blaze”, il testo ci ricorda che il futuro è qui, tra le nostre mani, mentre la sei corde di Christopher si rende protagonista di buoni passaggi chitarristici e di un paio di assoli.

“Pull Yourself Up” non è un vero e proprio midtempo ma è certamente meno veloce delle tracce che l’hanno preceduta, dopo una parte più dinamica in cui Blaze ci invita a rialzarci c’è un break improvviso seguito da un arpeggio che per un attimo ci ricorda la fantastica “Together We Can Move The Sun” dal secondo capitolo della trilogia ‘Infinite Entanglement’. Curiosamente, anche questo pezzo è destinato a “tirarsi su” caricandosi nuovamente di elettricità in vista del finale del brano.

“Witches Night” rialza decisamente l’andatura del disco e ci consente di menzionare anche il drummer Martin McNee, autore di una prova davvero solida mentre Appleton continua a seminare una pioggia di riff metallici sui quali Blaze poggia il suo cantato melodico e ancora una volta estremamente orecchiabile. Parlando del frontman, la sua voce in alcuni passaggi è stata registrata con un filtro che personalmente non mi fa impazzire ma che dona un ulteriore colore a una canzone che ha il suo piccolo momento di quiete prima dell’esplosione finale.

“Flights” è introdotta da un riff particolarmente tagliente e roccioso di Appleton, e visto che stiamo parlando delle chitarre ci sembra sia arrivato il momento giusto per dire qualcosa in più sulla produzione. ‘War Within Me’ sembra una versione leggermente più moderna e aggiornata del sound sentito sulla precedente trilogia, e se dovessimo accostarlo, almeno dal punto di vista sonoro, a un altro disco della carriera solista di Blaze probabilmente menzioneremmo il pregevole ‘Tenth Dimension’ che forse era un pizzico più “polished”. Tornando a ‘Flights’, il cantato di Blaze è meno vario che in altre tracce ma il citato riff circolare del brano e così trascinante che la song si lascia apprezzare ugualmente anche per l’impatto della sezione ritmica completata dal basso di Karl Schramm.

“The Dream Of Alan Turing” apparentemente è la prima di tre canzoni dedicate ad altrettanti geni in ambito scientifico, qui Blaze tratteggia uno dei più grandi matematici del XX secolo, un personaggio che influenzò fortemente la nascita dell’informatica e di conseguenza l’evoluzione verso il moderno computer con la formalizzazione di algoritmi. Per l’uomo considerato come il padre dell’intelligenza artificiale, un appassionato di sci-fi come Blaze non poteva che dedicare un brano concitato e frenetico in cui è in particolare Chris Appleton a superarsi.

“The Power Of Nikola Tesla” è ovviamente dedicata al padre della corrente elettrica alternata e di innumerevoli altri brevetti, noto anche per lo scarso senso degli affari che non gli consentì mai di raggiungere il successo economico e a tutti i riconoscimenti che avrebbe meritato. Questa canzone non lesina di sicuro nell’elettricità grazie a un muro di chitarre estremamente melodiche. C’è anche un passaggio chitarristico, che dà un flavour symphonic ad una parte del pezzo, con cui Chris sembra omaggiare l’origine austro-ungarica dell’inventore poi naturalizzato americano. Blaze, come per tutto il resto del disco, sembra quasi posseduto dal “demone della melodia” con l’ennesima prestazione convincente e dannatamente catchy dietro al microfono.

“The Unstoppable Stephen Hawking” ci riporta a un songwriting influenzato dalle composizioni epiche degli Iron Maiden per rendere giustizia allo spessore scientifico e umano di uno dei più grandi astrofisici di sempre, autore di studi sull’origine dell’universo, i buchi neri, e la quantistica nel cosmo. Per una delle composizioni più strutturate e complesse del disco, sia Bayley che Appleton si rimboccano la maniche e sono autori di una metal song estremamente potente anche dal punto di vista emozionale. Davvero spaziale.

“Every Storm Ends” fa concludere un “War Within Me” che fin qui ci ha regalato una cascata di metallo all’insegna della commozione, con i versi emozionanti interpretati da Bayley in “modalità crooner” sull’intro di chitarra pulita del suo fido partner musicale Christopher Appleton: “Il tuo cuore guarirà e le tue lacrime si asciugheranno, qualsiasi tempesta finisce”. Blaze è un uomo dal cuore grande, e ce lo ricorda ancora una volta: “Alcune persone si sono arrese, aspettando la fine, lentamente sono morte, alcune persone non ammettono la sconfitta, si fanno le proprie ali che si allineano per volare, ci saranno tempeste alle quali devo sopravvivere dentro la mia testa e dentro il mio cuore”. Una power ballad davvero struggente fa chiudere il sipario su “War Within Me”, un disco che è un reminder di Blaze e della sua arte ma soprattutto della sua grande forza emotiva.

Stiamo affrontando il momento più duro per l’intero genere umano dalla Seconda Guerra Mondiale, non possiamo abbatterci, dobbiamo tirarci su, il futuro è nelle nostre mani. Parola di Blaze Bayley. “War Within Me” sarà disponibile dal 9 aprile 2021.

Formazione:
Blaze Bayley: voce
Christopher Appleton: chitarra
Martin Mcnee: batteria
Karl Schramm: basso
Luke Appleton: chitarra

www.blazebayley.net
https://www.facebook.com/officialblazebayley
https://www.blazebayley.co.uk

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.