FUOCO FATUO – Obsidian Katabasis

Fuoco Fatuo
Titolo: Obsidian Katabasis
Autore: Fuoco Fatuo
Genere: Funeral Doom / Death Metal
Anno: 2021
Voto: 6/7

Visualizzazioni post:108

Lavoro ostico questo Obsidian Katabasis dei Fuoco Fatuo.

I nostri si muovono su terreni difficili ad un ascoltatore poco abituato o propenso a certe sonorità e serve una certa base per poter approcciare questo disco in maniera oculata.

La band arriva nel 2021 al terzo album, il secondo sotto Profund Lore, etichetta notoriamente dedita a pubblicazioni a cavallo tra il black e il doom più oltranzista ed estremo, e lo fa con una maturità e una naturalezza interessante.

Sin dalle prime note, l’immagine che si forma nella mente porta a una creatura gigantesca e poco definita, quasi un mostro interiore che si muove lentamente, molto lentamente, che incede tra le nostre sinapsi. Un megalodonte che racchiude tutte le nostre paure e i nostri lati oscuri e che decide di portarci in un viaggio lungo e fitto di ostacoli attraverso i limiti che la mente può creare.

Il lavoro consta 3 tracce di circa 15 minuti e di altrettanti intermezzi dalla durata più “popolare”. Nella sua interezza, la creatura avanza imperterrita, inesorabile verso il centro della vostra mente, facendovi visitare più emozioni e spiagge possibili, senza darvi scampo, senza lasciare un momento alla riflessione, ma sbattendovi in faccia i pensieri più cupi e reconditi.

Questo viaggio è anche, almeno alle mie orecchie, molto psichedelico (e credo sia nell’intento della band), avvicinandomi a lidi più vicini a quelli dei nostrani Nibiru, piuttosto che ad altri esponenti del genere. Difficile trovare similitudini con la melodia e la delicatezza di certi passaggi di Mournful Congregation o Ahab, oppure violenza più ragionata e death oriented à la Esoteric.

Qui il “campo di gioco” è legato ad altri aspetti. Ma il rischio è un eccessivo appiattimento delle tracce sulla lunga distanza. Poiché si fatica a distinguere in maniera netta e chiara un pezzo dall’altro, dato lo stesso (oscuro) calderone che li alimenta.

E’ decisamente un disco maturo, di un act che ha le idee ben chiare e che sa perfettamente quali sono le sue carte e come giocarle. L’amalgama è completa e coerente, i suoni sono l’incarnazione perfetta per la creatura che si muove nelle 6 tracce, il mixing è pastoso il giusto, perché ci addentriamo nelle paludi della mente e non su un prato fiorito.

Però è anche un album indicato per un orecchio allenato, profondo conoscitore di queste sonorità e questo genere di abissi sonori.

Dopo diversi ascolti, da intenditore, promuovo questo Obsidian Katabasis, ma avverto che serve perseveranza e ostinazione.

Tracce :
1. Obisidian Bulwark (Creation of the Absurd)
2. I
3. Thresholds of Nonexistence Through Eerie
4. II
5. Psychoactive Katabasis
6. III

Formazione :
Andrea Collaro – Bass
Giovanni Piazza – Guitars
Milo Angeloni – Vocals, Guitars
Davide Bacchetta – Drums

https://www.facebook.com/FUOCO666FATUO/
https://www.profoundlorerecords.com/?s=fuoco+fatuo
https://fuocofatuo.bandcamp.com/

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.