MONARCH – Future Shock

Monarch
Titolo: Future Shock
Autore: Monarch
Genere: Thrash metal
Anno: 2021
Voto Redazione HMW: 7+

Visualizzazioni post:91

Prima di Iniziare, mi concedo di darvi un consiglio: non mettetevi mai ad ascoltare un disco, guardare un film o leggere il nuovo numero della vostra collana di fumetti preferita, se prima avete assistito ad una cocente sconfitta della vostra squadra del cuore. Tutto apparirà terribilmente peggiore di quanto non sia in realtà. Per fortuna a questo mio errore ho potuto porre rimedio. La mia squadra del cuore invece, al suo, no.

Fatta la premessa, si passa alla recensione.
Con Future Shock, i Monarch danno alle stampe il loro secondo sforzo creativo a quattro anni di distanza dal debutto. In questo arco di tempo i ragazzi di San Diego si sono tolti grandi soddisfazioni, soprattutto in sede Live, vincendo nel 2019 la “Battaglia delle Band” americana indetta dal Wacken Open Air, garantendosi così una prestigiosa partecipazione al festival tedesco nell’estate di quell’anno. Se con Go Forth… Slaughter del 2017 si stava nei territori di un thrash metal assimilabile a gruppi come Slayer e Sepultura con grandi dosi di Death ottantiano, ritroviamo oggi un gruppo che ha ampliato la propria proposta, tralasciando in parte l’irruenza e la violenza sonora degli inizi.

La velocità e la pesantezza non mancano, ma si convogliano in canzoni più “ariose” e con ritornelli efficaci, come in “Khaos Warrior” , a tema Dragonball Z, in “Future Shock”, ispirata a Futurama, o nella stravagante e scanzonata “Swarm of the Whorenet”, la quale narra la storia del personaggio presente in primo piano sulla copertina (un po’ troppo “vecchia scuola” a mio avviso). Il richiamo alle origini è chiaro in “Nuclear Warfare” e “Collision of Bones”, vere mazzate sul volto. C’è anche il tempo di esibire la proprie capacità compositive con un brano strumentale, “Multiverse”, basato su un bel giro di chitarra acustica.

I membri del gruppo sono tutti eccezionali musicisti ma si avverte la volontà di indirizzare l’attenzione sul lavoro dei due chitarristi, Matt Smith e Casey Trask, ottimi solisti, sacrificando l’apporto del basso e soprattutto della batteria di Adam West, relegata ad un lavoro meno eclettico e dedita maggiormente all’accompagnamento rispetto al passato.

Future Shock è un album divertente e di buona qualità anche nella produzione, totalmente autonoma, e che sicuramente potrà rivelarsi al meglio durante le esibizioni dal vivo.

Tracce:
01. Blast The Seed
02. Khaos Warrior
03. Future Shock
04. Nuclear Warfare
05. Shred or Die!
06. Multiverse
07. Fatal Vector
08. Collision Of Bones
09. Swarm Of The Whorenet
10. Metal Soul
Lunghezza totale: 47:04

Formazione:
Matt Smith : Voce, Chitarra
Casey Trask: Chitarra
Gabe Mendez: Basso
Alex Pickard: Basso su “Collision of Bones”
Adam West: Batteria

https://www.instagram.com/monarch666/?hl=it
https://monarchmetal.bandcamp.com/
https://www.facebook.com/MonarchThrash/
https://monarch.band/

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.