HYPOCRISY – Worship

Titolo: Worship
Autore: Hypocrisy
Nazione: Svezia
Genere: Melodic Death Metal
Anno: 2021
Etichetta: Nuclear Blast

Formazione:

Peter Tägtgren: chitarra, tastiera, voce
Mikael Hedlund: basso
Horgh: batteria


Tracce:
  1. Worship                         04:43
  2. Chemical Whore             05:19
  3. Greedy Bastards             04:03
  4. Dead World                         04:09
  5. We’re The Walking Dead 05:19
  6. Brotherhood Of The Serpent 04:23
  7. Children Of The Gray             05:16
  8. Another Day                         03:11
  9. They Will Arrive             04:25
  10. Bug In The Net             04:51
  11. Gods Of The Underground 04:48

Voto del redattore HMW: 7,5/10
Voto dei lettori: 8.0/10
Please wait...

Visualizzazioni post:142

Ammetto candidamente di essere nel novero di quello stuolo di persone, grandi e piccine, che questo disco degli Hypocrisy lo attendevano con una certa ansia e pure una buona dose di sana bramosia.

Era dal 2013 che il nostro caro Peter non ci deliziava con qualche nota proveniente dalla sua creatura primigenia e il compito era di saziarci e di calmare gli umori e le necessità di tutti i metallari mondiali in apprensione ed astinenza.

E così, ad un certo punto, quasi a ciel sereno, qualche mese fa il nostro ci propina delle belle notizie sul fatto che stesse registrando “cose” per un nuovo album.

Urla di giubilo, schiamazzi notturni e qualche assembramento, in barba alle restrizioni.

Arriviamo quindi al giorno in cui viene rilasciato al mondo il video della nuova “Chemical Whore”, in pieno tema attualità da abuso di farmaci e critica alla società moderna.

Subito dopo ognuno credo che sia stato colto da una piacevole sensazione, come quando ti sei mangiato un pasticcino pieno di crema chantilly o bevuto un bel sorso di Sassicaia del 2008, o dopo quell’attività da fascia protetta, oppure dopo essersi drogati (purtroppo o per fortuna non mi sono mai drogato a sufficienza per poter fare descrizioni più dettagliate): soddisfazione mista a compiacimento, misto a pace, mista a goduria pura.

Worship è questo: un ottimo disco di melodic death metal e cioè tutto quanto vi sareste aspettati dal “nuovo degli Hypocrisy”. È come la coperta di Linus, con cui ti trovi a tuo agio, da cui puoi pure separarti ma a cui non vedi l’ora di tornare. Non aggiunge nulla a quanto c’era prima e non sminuisce la storia, ma ti fa stare bene. Un po’ come un nuovo album degli AC/DC. Più o meno, ecco…

In queste undici tracce ci sono tutti gli elementi che potete pensare di trovare o ricercare in un loro album (almeno la fase più moderna, inutile sperare in un nuovo Penetralia e non avrebbe nemmeno tanto senso, a ben vedere):

  • l’attacco acustico;
  • i mid tempo sostenuti e melodici;
  • la mazzata violenta;
  • il pezzo più moderno e di facile presa;
  • il quasi “lentone” tipico loro.

Tutto al suo posto, condito con la solita perfetta produzione di Tägtgren (dalle chitarre che sono sempre un muro sonoro devastante e dalle grafiche alienistiche dalle quali si prende sempre ispirazione a fiotti).

Insomma, da come ne parlo sembrerebbe quasi che sia “il solito disco che niente aggiunge e a poco serve”, ma mi sento di dire che, nonostante tutto, si sentiva la mancanza di “questa roba qui”.

Siamo in un mercato saturo, sotto tutti gli aspetti possibili ed immaginabili, ma credo che ci sia sempre spazio per un lavoro di questo tipo. Dubito che qualcuno amante del genere (chiaro, se uno propende per un symphonic power metal alla Rhapsody, la vedo dura) possa dirsi annoiato o stufo di sentire un buon album come questo.

Foss’anche ripetitivo, ovviamente non si può nemmeno gridare al miracolo, Peter riesce a confezionare un nuovo lavoro che piace, si lascia riascoltare e non stufa, nemmeno dopo diversi passaggi e con il trascorrere dei giorni. Magari ci ha ipnotizzati tutti, inserendo messaggi subliminali o chissà che altro, però non posso che essere soddisfatto e consigliarlo a tutti gli amanti del genere.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.