CRYSTAL THRONE – Crystal Throne

Titolo: Crystal Throne
Autore: Crystal Throne
Nazione: Francia
Genere: Heavy Metal
Anno: 2021

Formazione:

Terry DeFire – voce
Max Waynn – chitarra
Jefferson Brand – basso
Alex Gricar – batteria


Tracce:

1. Fate & Triumph
2. Rise To Glory
3. Timescape
4. Shades Of Existence
5. Steelbirds
6. Foreshadowed Sands
7. Valkyrie Ride
8. Mechanical Tyranny
9. Crystal Warrior


Voto del redattore HMW: 7.5/10
Voto dei lettori:
Ancora nessun voto. Vota adesso!
Please wait...

Visualizzazioni post:201

Sono usciti molti album di valore nel corso dell’anno appena concluso: tra questi, uno degli ultimi ad approdare nel mio stereo è quello realizzato dai francesi Crystal Throne, autori di un disco omonimo che, grazie ai suoi contenuti, sarebbe delittuoso non presentarvi attraverso le nostre pagine!

Pubblicato in forma autonoma, “Crystal Throne” rappresenta il disco di debutto assoluto per la band originaria della zona di Metz, dove si forma nel 2019: messi in piedi dal chitarrista Max Waynn (ex Drenalize e Mechanical Leech) e dal cantante Terry DeFire (nome a me ben noto in quanto Terry è stato la voce dei non più attivi Horacle dal Belgio), i Crystal Throne iniziano subito a scrivere nuova musica e completano i ranghi con Jefferson Brand (basso, anche nei Catalyst) e Alex Gricar (batteria, ex Drenalize). Con questa formazione – e con il contributo di artisti come Sonia Anubis (Cobra Spell, Crypta, ex Burning Witches) e del chitarrista degli ADX Neo – i Nostri registrano i nove brani che compongono questo album: un azzeccato esordio che pone le sue basi su un poderoso heavy metal dal flavour eighties e dalle corpose venature progressive, dove le influenze di primi Fates Warning e Queensrÿche si fondono all’energia dei Judas Priest.

Dunque, heavy metal robusto, graffiante e che sfoggia un bel dinamismo oltre ad un buon gusto melodico, ed in cui si possono apprezzare le capacità tecniche dei musicisti, qui messe al completo servizio dei brani e quindi mai fini a se stesse: in particolare, mi piace molto l’operato incisivo della chitarra di Max Waynn così come, più in generale, ho apprezzato il contributo della sezione ritmica e mi hanno soddisfatto le vocals di Terry, decisamente bravo sui registri medio/alti ma meno efficace nei rari momenti in cui il suo cantato cerca di essere più ruvido e grezzo, come nella parte iniziale di “Shades Of Existence”.

Come detto in precedenza, “Crystal Throne” è un debutto di valore – forse manca qualche ritornello facilmente memorizzabile e, forse, si può migliorare qualcosa nella produzione – potente, piacevolmente articolato e di ascolto scorrevole, con ottimi pezzi come l’opener “Fate & Triumph”, il primo singolo “Timescape”, la travolgente “Steelbirds” che potete ascoltare qui sotto o le atmosfere variegate della conclusiva “Crystal Warrior”, ma è il disco nella sua interezza che continua ad essere godibile anche dopo un nutrito numero di passaggi.

Che dire.. come avrete intuito, il disco dei Crystal Throne mi è proprio piaciuto e, anche se “Crystal Throne” non è certamente un capolavoro, è sicuramente un gran bel biglietto da visita per il quartetto francese: se amate l’heavy metal un po’ più strutturato provate ad avvicinarvi alla musica dei Crystal Throne, e come dice sempre il nostro Pol.. supporto!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.