ON THE LOOSE – On The Loose

Titolo: On The Loose
Autore: On The Loose
Nazione: Portogallo
Genere: Epic / Doom Metal
Anno: 2022

Formazione:

Flávio Lino: voce
Marco Marouco: chitarra, basso
João Pedro Ventura: batteria
Alex VanTrue: Cori


Tracce:

01. Midnight
02. Deceiver
03. Desire
04. Path
05. Lust
06. Dreamer
07. On The Loose


Voto del redattore HMW: 7.5/10
Voto dei lettori: 10.0/10
Please wait...

Visualizzazioni post:173

Nati nel periodo in cui le varie restrizioni tentavano di arginare il diffondersi della pandemia, dopo un primo singolo lo scorso settembre i portoghesi On The Loose scelgono l’equinozio di primavera 2022 quale data per la pubblicazione, in forma autonoma, del loro primo ed omonimo album, disponibile sia in CD che in formato digitale: un disco sbucato dal nulla questo On The Loose che, come spesso accade in questi casi, si è rivelato essere una piacevolissima sorpresa!

Prima di tutto, lasciatemi spendere qualche parola per presentarvi il progetto: gli On The Loose sono la creatura del chitarrista Marco Marouco (già incrociato nelle fila dei particolarissimi El Focs Negres ed attivo anche con Extreme Unction e Perpetratör) che, inizialmente, intendeva realizzare un disco interamente strumentale e ricco di orchestrazioni, ma qualche intoppo di troppo ha convinto il musicista a percorrere una via diversa e che ha portato al coinvolgimento del batterista dei Dawnrider João Pedro Ventura, di Flávio Lino – cantante dei britannici Airforce e degli Iron Beasts, gruppo-tributo alla Vergine di Ferro più famosa del pianeta – e di Alex VanTrue (già ascoltato nei Krilloan) a cui sono stati affidati i cori.

Per quanto riguarda i testi, sono opera di Rick Thor (bassista di El Focs Negres e diversi altri, ex IronSword e Ravensire) e sono piccole storie che riconducono, a modo loro, ai sette peccati capitali.. e sarebbe un peccato se questo On The Loose passasse inosservato, poichè la musica qui contenuta è piuttosto buona! Parliamo di un epic / doom metal corposo e fluttuante alquanto efficace nel trasmettere avvolgenti emozioni dai toni chiaroscuri, ottenuto miscelando con gusto e personalità l’epica consistenza sonora dei maestri svedesi Candlemass e dei Sorcerer alla maestosa intensità dei mai troppo lodati While Heaven Wept, oltre che percorso da una leggera venatura malinconica e completato dalla voce potente ed evocativa di Flávio Lino, cantante che ricorda da vicinissimo Bruce Dickinson e vero valore aggiunto di questo album!

Complessivamente buoni i suoni di un disco che si compone di sette pezzi per poco più di tre quarti d’ora di musica: le canzoni di On The Loose sono affascinanti e ben strutturate, come testimoniano opportunamente le varie “Deceiver”, “Path” (di cui potete vedere il video qui sotto) e la più oscura “Lust”, brano contenente certe atmosfere inquietanti e tenebrose che mi hanno ricordato gli Angel Witch. Con l’aumentare del numero degli ascolti, On The Loose si mantiene vivo ed interessante, garantendosi così una certa longevità nel mio stereo: onestamente non sento la necessità di passare ad un altro disco, e questo fattore – sommato a quanto descritto in precedenza – va ad alimentare una domanda: com’è possibile che questo valido album veda la luce senza l’adeguato supporto di un’etichetta?!? In attesa di trovare una risposta, il consiglio è di accaparrarvi il prelibato bocconcino epic / doom che gli On The Loose di Marco Marouco hanno saputo realizzare: un gran bel debutto, complimenti!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.