SCHELETRO – Un Feto Schiacciato Senza Tre Falangi

Titolo: Un Feto Schiacciato Senza Tre Falangi
Autore: Scheletro
Nazione: Italia
Genere: Metal / Punk
Anno: 2022
Etichetta: Time To Kill Records

Formazione:

Lo Scheletro: Voce
Hell Nenni: Chitarrista
Fitz Ravik: Bassista
Senzafaccia: Batterista


Voto del redattore HMW: 6.5/10
Voto dei lettori:
Ancora nessun voto. Vota adesso!
Please wait...

Visualizzazioni post:63

Esprimersi pienamente in un genere non convenzionale non è mai semplice, gli Scheletro ci hanno provato tramite il loro ultimo album: “Un Feto Schiacciato Senza Tre Falangi “.

L’ album, uscito il 20 settembre 2022 per l’etichetta “Time to Kill Records”, si presenta come un’opera Metal / Punk con sfaccettature thrash metal, con un tema interessante alle spalle, ovvero il voler rendere l’album un effettiva raccolta di casi di cronaca, più o meno spinti, ma tutti raccontati dettagliatamente nella loro brutalità e con fare a dir poco nichilista tramite la voce riconoscibile del cantante della band; i testi sono accettabili ed adatti per l’opera, ma in alcuni pezzi non all’altezza degli altri brani, come per esempio ne “L’accollo sei tu” e “Se respirare servisse a qualcosa”; molto apprezzato invece “né acceso né spento”, il pezzo più riuscito dell’album secondo me e quello che tra tutti esprime meglio il concept. I pezzi risultano ascoltabili, a mio parere nessuno di essi spicca per originalità ma nel complesso l’album scorre senza troppi problemi data la lunghezza modesta e il suo essere composto da otto brani, quattro per lato.  Quel che comunque traspare dall’album e dalla stessa formazione è una gran voglia di suonare questi pezzi dal vivo, in quanto il passato del complesso è scandito soprattutto da spettacoli che hanno dato loro modo di produrre il loro primo album: Farfalle dentro al Vomito, a parer mio qualitativamente migliore dell’ultimo arrivato.

“Un Feto Schiacciato Senza Tre Falangi” ha sicuramente un’ idea intelligente dietro ai brani, ma che poteva essere esplorata più a fondo; a meno che non siate grandi amanti del genere difficilmente apprezzerete l’album in tutte le sue sfaccettature, ma il tema dietro è interessante e merita almeno un ascolto.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.