Clairvoyant – Time’s Crime (2010)

Titolo: Time’s Crime
Autore: Clairvoyant
Genere: Power / Heavy Metal
Anno: 2010
Voto del redattore HMW: 7
Voto dei lettori:
Ancora nessun voto. Vota adesso!
Please wait...

Visualizzazioni post:686

Di tanto in tanto capita che una band decida di inviarci il suo materiale a distanza di qualche anno dall’uscita ufficiale: è il caso di “Time’s Crime”, rilasciato in origine nel 2010 ed approdato in Lomellina grazie al buon rapporto instaurato con Kostas Kousiouris della fanzine Hellenic Forces e alla simpatica disponibilità del chitarrista Vaggelis Keramidas. Questo disco rappresenta la seconda fatica dei Clairvoyant – gruppo nato nel 1989 a Chalkida (città della Grecia centrale) con alle spalle il debutto “Fighter’s Soul” (2000), due demo datati 1996 e 1998 e molte date live, tra cui show a supporto di Scorpions, Angel Witch e Jag Panzer – e, dopo una prima pubblicazione indipendente, vede una seconda release contenuta in una lussuosa confezione formato DVD grazie alla sponsorizzazione della versione ellenica del magazine Rock Hard. Sebbene ormai vecchiotto, vale la pena di dedicare un po’ di tempo a questo “Time’s Crime” in virtù di un power / heavy metal dove si incontrano ruvide influenze teutoniche e gli immancabili rimandi agli Eighties dei Maiden più epici, a cui aggiungere anche atmosfere evocative e solenni evidenziate dalle tastiere ed ottimi spunti chitarristici, con diversi assoli al fulmicotone firmati dal bravo shredder Vaggelis. I Clairvoyant mescolano con buona efficacia le carte in loro possesso e ci offrono una tracklist sufficientemente eterogenea, con una manciata di buoni brani da cui però non manca qualche passaggio poco interessante; la più lunga ed epica “Achilles Wrath” e la title track sono, a mio parere, le composizioni che meglio miscelano gli elementi sonori indicati, ma piuttosto valide sono anche le power song dal sapore anni ’90 “Escape (From Despair)” e “Stand And Resist”, oltre che il rovente speed metal di “Rocking Hard”. “Lord Of Twilight” e la conclusiva “Future Warning” transitano abbastanza innocue e senza regalare sussulti, così come le due “Anthem Of God” – breve e solenne la prima, una strumentale con le chitarre protagoniste la seconda – mentre assolutamente superflua è la presenza della versione metallizzata di “Total Eclipse”, pezzo dell’artista americano Kristian Hoffman, su cui il vocalist Bill “Colin“ Kontos è tutt’altro che convincente. Eh sì, perché uno dei punti su cui la band deve agire al meglio per il prossimo album (attualmente in fase di lavorazione) è proprio il comparto vocale: se sui registri meno alti il vocalist Bill Kontos si muove con sicurezza, quando si avventura verso le vette siderali sembra mostrare un po’ la corda, lasciandomi l’impressione di un cantato fastidiosamente forzato. Altro aspetto da curare maggiormente è quello relativo ai volumi dei vari strumenti dato che, purtroppo, su “Time’s Crime” la sezione ritmica ne esce decisamente penalizzata, con conseguente discapito per i pezzi in generale. In conclusione, il disco mette in luce una band capace in termini di songwriting, ma che deve limare qualche sfaccettatura ancora grezza, soprattutto in studio. C’è del buono in casa Clairvoyant, su questo non ho dubbi: ora attendo con curiosità il nuovo album!

Tracklist:
1. Anthem Of God (Ode)
2. Escape (From Despair)
3. Total Eclipse
4. Stand and Resist
5. Time’s Crime
6. Rocking Hard
7. Lord Of Twilight
8. Achilles Wrath
9. Anthem Of God II (Live Instrumental)
10. Future Warning

Line-up:
Bill “Colin“ Kontos – voce
Vaggelis Keramidas – chitarra
Kyriakos Katsiadramis – chitarra, tastiere
Chris Kalavris – basso
George Keramidas – batteria

Facebook: www.facebook.com/CLAIRVOYANT.GR
MySpace: www.myspace.com/clairvoyantgr

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.