Slider by IWEBIX

Mad Agony – Chernobitch (2013)

Pubblicato il 2/04/2014 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: Chernobitch
Autore: Mad Agony
Genere: NWOBHM
Anno: 2013
Voto: 7+

Visualizzazioni post:652

I Mad Agony sono una band di Padova che ha avuto una vita artistica pieni di alti e bassi: la prima incarnazione (anno 1991) era composta da Massimo Mad Zanetti (vocals), Samael Von Martin, (chitarra), Marco Vettore (basso) e Stefano Argenti (batteria). Dopo un anno i ragazzi pubblicano il demo “The Only Way To Die” che contiene, tra le altre, tre canzoni che verranno incluse anche in questo debut album.
Ma l’iniziale, ed interessante, carriera musicale del quartetto cessa intorno al 1993, anno in cui Samael lascia, e da lì in poi tutti i delicati equilibri si sfaldano.
Dopo vari ed infruttuosi tentativi di ripartire si arriva alla volta buona nel 2011: Massimo e Samael rimettono insieme la macchina Mad Agony che riparte, pronta a macinare chilometri (e ossa) nel nome dell’ heavy metal in pieno stile NWOBHM.
E veniamo quindi a “Chernobitch”, il tanto atteso full-lenght targato Mad Agony: le dieci canzoni presenti sono un vero e proprio inno al metal anni ’80, suonate con bravura e passione. Ritengo infatti che sia la passione la chiave di lettura di questo disco: “Chernobitch” non è certo esente da difetti, anzi a volte alcuni passaggi risultano un po’ forzati, traboccanti di attitudine e passione ma magari deficitari dal punto di vista del songwriting. Comunque siamo di fronte ad un prodotto genuino, privo di qualsiasi trovata ruffiana o di scelta stilistica dettata dal gusto del pubblico. Sopra il disco potrebbe esserci un bell’avviso con scritto: “Noi siamo i Mad Agony e questo è il nostro sound, fatto di sudore, passione e birra. Se non vi piace sono affari vostri” (sostituite affari con una bella espressione colorita).
Certo, si può fare di meglio e si deve se si vuole conquistare il pubblico amante di queste sonorità: io però ritengo che la base di partenza sia di buon livello e forte come il granito. Ora il destino musicale è nelle mani di questi musicisti che ci devono dimostrare di crescere e di spaccare su disco come già fanno nei live: io sono fiducioso che il prossimo cd sarà un vero calcio nel culo. Ora spetta a Max, Samael, Andrea, Demian e Mega Die farci vedere che sono fatti di puro ed infuocato metallo ottantiano.

Tracklist:
01. Intro – Industrial Waste
02. Chernobitch
03. Subconscious Fear
04. The Poetry Of Rage
05. Eclipse Of A Friend
06. Back In Town!
07. Boundaries Of Death
08. Presence
09. Tribute Of Blood
10. Mad Agony

Album Line Up:
“Mad” Max Zane – vocals, poetry & scream
Samael Von Martin – Lead Guitar, rage & backing vocals
Andrea “Babe” Babetto – Rhythm Guitar
Demian De Saba – Drums
Dario Dugo – bass guitar

Post Album Line Up:
“Mad” Max Zane – vocals, poetry & scream
Samael Von Martin – Lead Guitar, rage & backing vocals
Andrea “Babe” Babetto – Rhythm Guitar
Demian De Saba – Drums
Mega Die – Bass guitar & backing vocals

Facebook: https://www.facebook.com/MadAgonyOfficial

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *