Slider by IWEBIX

Lectern – Fratricidal Concelebration (2015)

Pubblicato il 3/02/2016 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: Fratricidal Concelebration
Autore: Lectern
Genere: Death Metal
Anno: 2015
Voto: 6

Visualizzazioni post:522

I Lectern sono uno dei gruppi veterani della scena death metal capitolina visto che sono in giro addirittura dal lontano 1999. Hanno avuto però una carriera un po’ accidentata perché nello stesso anno se ne uscirono con un EP per poi scomparire dal punto di vista discografico per 11 lunghi anni giusto per partorire un altro EP nel 2010 e un altro ancora nel 2014.
Il gruppo nel tempo ha bruciato una masnada assurda di musicisti nel suo cammino gravitando sempre intorno al super-appassionato del death metal che fu Fabio Bava (qualche parentela con Mario?).
Finalmente i Lectern l’anno scorso sono riusciti dopo tanto patire a realizzare il proprio album di debutto, ovvero “Fratricidal Concelebration”, il quale è uscito a Gennaio 2015 per la statunitense Sliptrick Records con una copertina poi censurata per problemi di copyright (?), ragion per cui il disco è stato rieditato nel mese di Giugno con una differente (e più bella, a dirla tutta) copertina disegnata dall’indonesiano Rudi Yanto (ed è quella che potete ammirare qui).
Allora, “Fratricidal Concelebration” si compone di nove pezzi per 31 minuti di un death metal altamente satanico devoto alla vecchia scuola ma per certi versi particolare. Questo perché il riffing, che conta pure qualche strana melodia quasi “egizia” e maestosa, è spesso e volentieri arzigogolato mentre i cambi di tempo sono innumerevoli tanto che la complessità dei pezzi, tutti molto nervosi e non così digeribili, può rimandare a quella del death metal tecnico. E pure gli assoli, comunque non così frequenti ma presenti il giusto in ogni canzone, denotano un gusto personale e anche un po’ raffinato.
Al contrario, a mitigare un po’ la complessità dei pezzi ci pensa la loro durata media di tre minuti (solo i primi due durano un minuto in più) mentre moooolto tradizionale è il comparto vocale tipicamente americano che alterna un grugnito a qualche bell’urlo malevolo di rinforzo. E fra l’altro, la musica imprevedibile dei Lectern possiede delle derivazioni thrash capaci di far muovere il culo durante i passaggi più groovy o di far volare gli anfibi durante i passaggi più da headbanging sfrenato, cosa che si percepisce soprattutto in un pezzo come “Pulpit Of Tormentation”.
In questo disco c’è però qualcosa che non mi va a genio. I Lectern infatti sono talvolta così complessi e frenetici che certe soluzioni molto avvincenti vengono suonate per brevissimi attimi mentre non risulta così efficace neanche la struttura piena di pause e stacchi di chitarra con annesse ripartenze di alcuni pezzi perché così si spezzetta un po’ troppo il discorso senza arrivare a dei climax memorabili. A tutto ciò si somma una produzione sì pulita e ascoltabilissima ma comprendente una batteria dal suono plasticoso e quindi poco incisivo che è praticamente lo stesso problema rilevato tempo addietro da me al tanto atteso ma deludente terzo album dei cileni Unaussprechlichen Kulten.
Insomma, “Fratricidal Concelebration” (che ha inoltre alcune parti campionate qui e là come le frustate sadiche di “Libidinal Tabernacles”) non mi ha così impressionato senza comunque essere un brutto disco, beninteso.
Il fatto è che, dopo aver visto dal vivo i Lectern, mi aspettavo veramente qualcosa di più ma, come al solito, le sorprese sono sempre dietro l’angolo. E infatti, altra sorpresa, il nuovo chitarrista Fabio Mariantoni, che nel 2015 ha sostituito Enrico Romano (il quale ha suonato nell’album), se n’è andato recentemente dal gruppo, adesso diventato un trio. E in apertura parlavamo di instabilità della line-up…

Tracklist:

1 – Fratricidal Concelebration
2 – Labial of Inveigher
3 – Genuflect for Baptismal Transubstantiation
4 – Falsifier Bribed in Desanctification
5 – Pulpit of Tormentation
6 – Lordless
7 – Deign of Ceremonier
8 – Golgothanean
9 – Libidinal Tabernacles

Line-up:

Fabio Bava – voce/basso
Enrico Romano – chitarra
Pietro Sabato – chitarra
Marco Valentine – batteria

Sito ufficiale: http://www.lectern.in
FaceBook: http://www.facebook.com/lectern666

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *