Slider by IWEBIX

21/04/2016 : Blood Ceremony (Ravenna)

Pubblicato il 6/05/2016 da in Live report | 0 commenti


Visualizzazioni post:287

21/04/2016 : Blood Ceremony – Bronson (RA)

BLOOD CEREMONY

Grande ritorno agli anni ’70 lo scorso 21 aprile per una delle due date italiane dei Blood Ceremony, band culto della scena doom internazionale.
Ad aprire il concerto dovevano esserci i compagni di etichetta Beastmaker, ma a causa di un problema al tour bus , non hanno potuto raggiungere in tempo la location, ovvero il Bronson di Ravenna.

Istvan 1

Si è deciso quindi di giocare in casa e all’ ultimo momento sono saliti sul palco i forlivesi Istvan, in giro per locali a promuovere  il loro disco di esordio appunto sotto etichetta Bronson Recordings.
Suoni psichedelici e attitudine grunge per questo trio che ha presentato un set quasi esclusivamente strumentale se non per qualche raro momento vocale. Una continua alternanza tra strumenti e distorsioni che semplicemente cattura, solitamente non amo lo strumentale ma questi ragazzi mi hanno decisamente convinto.

Blood Ceremony 1

Terminata la prova di questi “salvatori”, è il turno dei protagonisti della serata , ovvero i Blood Ceremony. Per loro giacchetto con le frappe e gilet di velluto in stile country-folk, per noi presenti un sound che ci ha catapultato appunto negli anni ’70, sembrava di essere a un concerto hard rock in stile Led Zeppelin e Black Sabbath, da cui spuntavano l’organo e il flauto di Pan della cantante Alia O’Brien di pura matrice andersoniana.  Non a caso il chitarrista Sean Kennedy ha definito la band in un’intervista “folkier Sabbath”.
La scaletta ha riassunto le hits di tutta la loro discografia, in particolare degli ultimi album “The Eldritch Dark” e del nuovo “Lord Of Misrule”, in cui le liriche sono scandite dalla voce graffiante della canadese dagli occhi spiritati che racconta le canzoni gesticolando continuamente, quasi ad inquisire, in un’atmosfera magica e dissacrante.
Bisogna ammettere che la band non è fisicamente molto dinamica, si intrattiene raramente con il pubblico giusto ogni tanto per ringraziare o per presentare i titoli della canzoni, con la O’Brien centrale sempre “nascosta” dietro la tastiera. Ciò nonostante il pubblico non è sembrato affatto infastidito dalla scarsa presenza scenica, anzi, ha pensato bene di fare più “casino” possibile pur di omaggiare questo quartetto comunque così originale, in un mercato musicale spesso monotono.

Scaletta:

Old fires
Goodbye Gemini
Witchwood
Hop toad
Drawing down the Moon
Half  Moon Street
Lord of Misrule
Lord Summerisle
Holiver Haddo
The eldritch dark
The magician

Extra:  Hymn to Pan

Di seguito altre foto della serata, tutte realizzate dalla nostra psichedelica Michela Olivieri (qui il suo profilo fotografico su Facebook).

Istvan:

Istvan 3  Istvan 2  Istvan 4

Blood Ceremony:

Blood Ceremony 3  Blood Ceremony 2  Blood Ceremony 6  Blood Ceremony 5  Blood Ceremony 4

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *