Slider by IWEBIX

Ottone Pesante – Brassphemy Set In Stone (2016)

Pubblicato il 1/12/2016 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: Brassphemy Set In Stone
Autore: Ottone Pesante
Genere: Heavy Brass Metal
Anno: 2016
Voto: 8

Visualizzazioni post:328

Ad un anno di distanza dalla pubblicazione del loro primo Ep, tornano i faentini Ottone Pesante, reduci da un’ intensa attività live, con l’uscita del loro album “Brassphemy Set In Stone”.
Scordatevi lo stereotipo del trombettista jazz o musicista militante in un gruppo punk perché questo trio tromba-trombone-batteria è pronto a dissacrare ogni canone. I riff sono affidati alla tromba di Paolo Raineri, le note basse al trombone di Francesco Bucci – il maggior compositore del gruppo – il tutto “martellato” dalla batteria della new entry Beppe Mondini.
Come veri e propri fabbri del metal i tre ragazzi aggrediscono fisicamente l’ascoltatore, senza compromessi, spaziando ogni genere sin dalle prime note della solenne “Brutal” in puro stile Brass Metal per continuare la cavalcata ritmica con “Bone Crushing”, classica canzone da Ottone Pesante nel senso positivo del termine perché racchiude tutte le potenzialità della band: velocità, fisicità, alternanza di ritmiche e melodie. Non a caso il brano è stato scelto come primo singolo estratto dall’ album.
Con “Torture Machine Tool” il ritmo diventa più cadenzato in puro stile death così come si differenzia l’ arrangiamento strumentale rispetto ai primi brani, stesso percorso per “Trombstone” , una vera e propria marcia funebre doom. Devo ammettere che questi due brani a mio avviso mostrano la maturità degli Ottone Pesante, i quali piuttosto che giocare semplicemente sui loro punti di forza che ho indicato precedentemente, hanno cercato di ampliare il più possibile il raggio di sonorità rimanendo pur sempre in ambito metal, fedeli a sé stessi, accattivando l’ ascoltatore. In questo modo l’ album mantiene originalità evitando che le canzoni si uniformino.
Dopo una breve pausa si riparte con i muscoli carichi sulle note grind di “Copper SulpHate” mentre con “Melodic Death Mass” i ritmi pur sempre serrati lasciano spazio anche a intermezzi melodici. L’ album si conclude con la complessa “Apocalips”, brano di quasi quattro minuti perché la strada verso gli inferi è lunga e necessita tempo.
Concludendo, se ora pensate di aver raggiunto il massimo sforzo fisico e mentale durante l’ascolto e i nervi sono ben tesi per l’adrenalina, non vi resta che andare a vederli dal vivo e liberare i vostri istinti animali: gli Ottone Pesante meritano davvero anche nella dimensione live tanto da essersi esibiti lo scorso luglio con Napalm Death e Cattle Decapitation.

Tracklist:

1. Brutal
2. Nights Blood
3. Bone Crushing
4. Torture Machine Tool
5. Trombstone
6. Copper SulpHate
7. Pig Iron
8. Melodic Death Mass
9. Redsmith Veins
10. Apocalips

Line-Up

Francesco Bucci – Trombone
Paolo Raineri – Tromba
Beppe Mondini – Batteria

Sito ufficiale: www.ottonepesante.it
Pagina Facebook: https://www.facebook.com/ottonepesante
Etichetta B.R.ASS –  https://www.facebook.com/brassection

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *