Slider by IWEBIX

Lectern – Precept Of Delator (2016)

Pubblicato il 12/12/2016 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: Precept Of Delator
Autore: Lectern
Genere: Death Metal
Anno: 2016
Voto: 7

Visualizzazioni post:177

Ragazzi, ora è ufficiale: i Lectern sono impazziti! Dopo aver atteso quasi vent’anni per realizzare il loro album di debutto “Fratricidal Concelebration” nel 2015, quest’anno ne hanno fatto un altro! Ma stavolta i nostri hanno voluto fare le cose in grande: infatti, “Precept Of Delator”, uscito il 23 Settembre 2016 per la polacca Via Nocturna, è stato registrato, in una formazione da terzetto, presso i rinomati Outer Sound Studios di Roma con Giuseppe Orlando (ovviamente) alla consolle (e Alfonso Corace dei Lunarsea come assistente). E, oltretutto, per la titletrack è stato girato pure un video. Insomma, sono felice per questi progressi dei Lectern, che si sentono anche dal punto di vista musicale. Ragion per cui, già vi dico che “Precept Of Delator” è sicuramente migliore del debutto! Adesso vediamo perché.
Nella sostanza, i Lectern non hanno cambiato granchè della loro formula perché qui siamo sempre dalle parti di un death metal satanico di impronta americana (Deicide in primis) anche piuttosto articolato. Ma è cambiato qualcosa nella forma in cui viene espresso: ora mi pare che i Lectern suonino in un modo un pochino più immediato e meno cervellotico focalizzandosi stavolta di più sui tempi medi, come dimostra soprattutto un pezzo come “Distil Shambles”. Ergo, i blast-beats rivestono una importanza minore, seppur le sfuriate dolorosissime tanto care ai nostri non manchino di certo.
Inoltre, i Lectern hanno ampliato la loro formula includendo perfino qualche malevola deriva black qui e là (“Pellucid” e la stessa titletrack). Di conseguenza c’è una maggiore varietà, confermata per esempio da un pezzo come “Palpation Of Sacramentarian”, che è per me il migliore del lotto nella sua alternanza fra passaggi vagamente thrashy ad altri più doom con tanto di malati gemiti maschili nella parte centrale. O come conferma “Pellucid”, dove i Lectern tornano a essere realmente cervellotici… ma anche prolissi e autoindulgenti nonostante certe buone intuizioni date da un riffing nevrotico e malatissimo. Ma, di sicuro, a tutta questa varietà concorre parecchio il batterista Marco Valentine, che si dimostra molto fantasioso e quindi è lui il vero punto di forza del gruppo.
Detto ciò, “Precept Of Delator” rappresenta realmente un gran passo in avanti rispetto al deludente “Fratricidal Concelebration”, pur non facendo mancare, come si è già visto, qualche vecchio difetto. Ergo, i Lectern hanno corretto molto il tiro riuscendo anche a partorire dei bei pezzi (“Palpation Of Sacramentarian” in primis). E non dimentichiamo che i nostri hanno aggiunto un po’ più di atmosfera al proprio death metal, grazie sia agli assoli più ispirati del solito Pietro Sabato che alle derive black qui e là più qualche elemento macabro, come i sussurri maligni della titletrack contrapposti al solito grugnito bello compatto del leader Fabio Bava. Ergo, “Precept Of Delator” si becca un bel “7”. E ora speriamo che il nuovo (l’ennesimo!) secondo chitarrista Gabriele Cruz, grazie al quale i Lectern sono tornati a essere un quartetto, duri almeno un anno!

Tracklist:

1 – Gergal Profaner
2 – Palpation of Sacramentarian
3 – Fluent Bilocation
4 – Distil Shambles
5 – Pellucid
6 – Diptych of Perked Oblation
7 – Garn for Debitors
8 – Precept of Delator
9 – Discorporation with Feral

Line-up:

Fabio Bava – voce/basso
Pietro Sabato – chitarre
Marco Valentine – batteria

Sito ufficiale: http://www.lectern.in
FaceBook: http://www.facebook.com/lectern666
Etichetta Via Nocturna – http://vianocturna.com

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *