Slider by IWEBIX

Journey – Live In Manila (2009)

Pubblicato il 16/06/2017 da in Classici | 0 commenti

Titolo: Live In Manila
Autore: Journey
Genere: Hard Rock / Melodic Rock
Anno: 2009
Voto: 10

Visualizzazioni post:73

Nel 2009, i Journey immortalano la magia, i sentimenti più puri e un credo nel rock che non avrà fine, lo fanno davanti a 30.000 filippini nella suggestiva Manila con un dvd live che ora gode di un significativo extra: due cd audio dello stesso strepitoso concerto.
Non è un caso che sia stato scelto proprio questo luogo… perchè è importante dimostrare al mondo intero che i sogni si avverano quando meno te lo aspetti e la tua vita assume un significato del tutto diverso; sto parlando del nuovo singer Arnel Pineda, un ragazzo filippino che fino a un paio d’anni prima viveva nel disagio della povertà e venne scoperto dal chitarrista Neal Schon per puro caso su un canale Youtube: la voce splendida e profonda di Arnel incanta sia i Journey che il management e il giovane ragazzo viene contattato per una audizione che darà una svolta alla sua vita.
Ed ora eccoci qui a parlare del tour dell’album “Revelation” (2008) che fu un grandissimo successo in cui Arnel Pineda diede dimostrazione del suo incredibile talento. “Live In Manila” ne rappresenta l’essenza dal vivo, il motore tecnico ed emotivo perfetto che solo pochi live riescono a trasmettere.
I grandi classici dei Journey riveduti dal Neal Schon, uniti ai brani del nuovo “Revelation”, diventano una miscela esplosiva di puro hard rock e brani melodici dal sapore unico… assoluto. Le luci del mastodontico palco si accendono e dopo l’intro “The Jouney/Majestic”, Neal attacca con “Never Walk Away” adrenalinica all’inverosimile, Jonathan Cain lo segue con la chitarra ritmica assieme a Ross Valory al basso e al potente Deen Castronovo dietro le pelli, ma sarà soltanto all’ingresso di Arnel Pineda che esploderà il boato del pubblico.
Il nuovo singer ha in mano la situazione ed è perfettamente a suo agio con la band, seguono “Only The Young” e “Ask The Lonely”, dopo un assolo di chitarra di Neal Schon anche la potente “Stone In Love”. I Journey sono in grande forma, pausa per Arnel e dietro il microfono arriva Deen Castronovo con “Keep On Runnin'”, sicuramente portato per le songs melodiche.
Seguono la nuova “After All These Years” splendida ballata, l’energica “Change For The Better”, “Wheel In The Sky” e la lenta “Lights”, Arnel e la band non sbagliano un colpo e il pubblico è in visibilio.
Le nascenti nuove tecnologie delle telecamere ad alta definizione contribuiscono a scolpire nei cuori e nelle menti dei fans momenti irripetibili in cui tutto sembra irreale ma ti fanno capire che la cosa più importante era esserci.
Il bellissimo lento “Still They Ride” cantato dal drummer Deen Castronovo ci trasporta verso un sentito assolo al pianoforte di Jonathan Cain che segnerà l’inizio di “Open Arms”, con la quale un boato esplode fra il pubblico, Arnel Pineda ci ipnotizza con la sua voce suadente in un lento che non ha confini nè tempo.
Subito dopo è il momento delle brillanti “Mother, Father” cantata dal nostro Deen e “Wildest Dreams”, bisogna dire che il connubio tra le songs storiche e nuove è perfettamente riuscito meravigliando vecchi e nuovi fans.
Una magnifica versione di “When You Love A Woman” consacra definitivamente Arnel a livelli altissimi ed è con dinamismo che arrivano “Separate Ways (Worlds Apart)”, “What I Needed”, “Edge Of The Blade”, Where Did I Lose Your Love” e “Escape”.
I Journey – sempre energici – sono un punto di riferimento sicuro per il giovane Arnel che si muove con assoluta sicurezza sul palco. Un breve intro alle tastiere da parte di Jonathan inizia a scandire le prime note di un classico immortale: “Faithfully” seguito da un duo stupefacente quali “Dont’ Stop Believin” e “Any Way You Want It”. Il pubblico rimane senza respiro rotto dall’emozione di ascoltare tre capolavori di questo calibro tutti insieme.
E’ il momento di un brano storico come piacevole intermezzo quale “Lovin, Touchin, Squeezin'” dopodichè tocca a “Turn Down The World Tonight”. Chiude questo incredibile concerto un classico immortale: “Be Good To Yourself”, quando Neal Schon attacca con la chitarra esplode il delirio e i Journey danno il massimo affichè nulla rimanga dimenticato in questa serata speciale… la band si riunisce davanti al palco in un boato assordante, Arnel, Neal, Jonathan, Ross e Deen, cinque musicisti… cinque Leggende… ci hanno fatto venire dei brividi che solo i veri rocker possono dare.
In questa magica notte Arnel ha aiutato molta altra gente a realizzare il proprio sogno. Dedicato alla mia Dea del Rock: Ely… ovunque tu sia… sempre nel mio cuore!!!

Tracklist:

CD 1

01. The Journey/Majestic
02. Never Walk Away
03. Only The Young
04. Ask The Lonely
05. Stone In Love
06. Keep On Runnin’
07. After All These Years
08. Change For The Better
09. Wheel In The Sky
10. Lights
11. Still They Ride
12. Open Arms
13. Mother,Father
14. Wildest Dream
15. When You Love A Woman

CD 2

01. Separate Ways (Worlds Apart)
02. What I Needed
03. Edge Of The Blade
04. Where Did I Lose Your Love
05. Escape
06. Faithfully
07. Don’t Stop Believin’
08. Any Way Your Want It
09. Lovin,Touchin’, Squeezin’
10. Turn Down The World Tonight
11. Be Good To Yourself

Line Up:

Arnel Pineda: Lead Vocals
Neal Schon: Guitars
Ross Valory: Bass
Jonathan Cain: Keyboards
Deen Castronovo: Drums

Sito ufficiale: http://www.journeymusic.com
Facebook: https://www.facebook.com/journey

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *