03/09/2018 : Nick Mason’s Saucerful of Secrets (Copenaghen, DAN)

Visualizzazioni post:2298

03/09/2018 : Nick Mason’s Saucerful of Secrets – Forum Black Box, Copenaghen (DAN)

“Non siamo i Roger Waters australiani e nemmeno i David Gilmour indonesiani, noi siamo Nick Mason’s Saucerful of Secrets”. Con queste parole pronunciate subito dopo aver aperto il concerto con una magistrale “Interstellar Overdrive”, questo incredibile gentleman in camicia bianca si presenta al suo pubblico.

photo Gaia Micatovich

Solo pochi giorni fa a Copenaghen si è esibito con ben due date Roger Waters. Sembra inevitabile fare dei paragoni. Questa sera, però, non ci sono effetti speciali e giganteschi gonfiabili ad intrattenere il pubblico. Oggi sarà soltanto la musica che, come per mano, ci porterà nelle atmosfere psichedeliche dei Pink Floyd del primo periodo. Si ricomincia subito con “Astronomy Domine”. Ora si parte davvero, la band è praticamente composta da fenomeni: al basso Guy Pratt, per anni turnista coi Pink Floyd mentre a voce e chitarra abbiamo niente di meno che Gary Kemp, sì proprio lui, mente dell’iconica band anni ’80 Spandau Ballet. Penso che sia proprio grazie al background new wave che i tutti i pezzi viaggiano compatti e potenti, tuttavia senza perdere l’onda ipnotica e lisergica. I brani risultano quindi una versione più attuale e di immediato approccio. Si pesca in quella parte del repertorio pinkfloydiano che va dal primo singolo “Arnold Layne” ad “Obscured By Clouds”.

photo Gaia Micatovich
photo Gaia Micatovich

 

Proprio con “Obscured By Clouds” assistiamo ad uno dei tanti momenti magici della serata. Lampi di luce viola vengono speziati da giochi di colore ad olio su vetro che sono proiettati sul retro del palco. Assieme alle note di questo pezzo, ingiustamente dimenticato, il pubblico del Black Box Forum rimane incantato.

È bellissimo inoltre notare come il pubblico sia totalmente perso nella musica. Non si vede nessuno fotografare o registrare con il telefonino. Nick Mason ad un certo punto confessa di non essersi mai divertito così tanto a suonare in pubblico da anni. C’è sicuramente da credergli, perché sul palco ci sono serenità ed allegria. I musicisti si scambiano infatti spesso sorrisi e sguardi di intesa.

photo Gaia Micatovich
photo Gaia Micatovich

 

Con mia grande gioia viene eseguita per la prima volta anche “Atom Earth Mother”, il brano che mancava dalle setlist dei concerti precedenti. Pertanto si gode, si gode tanto.

Si trova anche il tempo per l’immancabile frecciatina a Roger Waters. Il buon Nick Mason racconta al pubblico come il suo ex collega abbia sempre avuto dei problemi nel condividere le cose. Quello che più lo disturbava però era il fatto che Roger volesse essere il solo a suonare il gong. Questa sera quindi è davvero felice. Felice di avere un gong tutto per lui. Ecco che dopo il rintocco prolungato ed intenso del gong parte una “Setting Control For The Heart To The Sun” eseguita con la perfezione di una sinfonia.

photo Gaia Micatovich

In molti aspettavano questo momento e penso che siano stati soddisfatti. Si prosegue sdrammatizzando con pezzi meno drammatici come “See Emliy Play” e “Bike”. Quest’ultima a mio parere è forse la canzone d’amore più divertente mai scritta. Un nuovo picco si raggiunge con “One Of These Days”, grossa, ridondante e piena di energia. Si chiude così il concerto per poi ripartire con il bis. Il brano che dà il nome al progetto non poteva mancare ecco quindi che si ricomincia con “A Saucerful Of Secrets” seguita da “Point Me At The Sky” dove Guy Pratt da davvero il meglio di sè come voce.

photo Gaia Micatovich

E´il momento di salutare questo fantastico settantaquattrenne e la sua combriccola. C’è solo da dire una cosa a quest’uomo: grazie Nick, grazie per averci fatto rivivere le emozioni di quel fantastico periodo dove non eravamo ancora nati.

Setlist:

Interstellar Overdrive
Astronomy Domine
Lucifer Sam
Fearless
Obscured by Clouds
When You’re In
Arnold Layne
Vegetable Man
If
Atom Heart Mother
The Nile Song
Green Is the Colour
Let There Be More Light
Set the Controls for the Heart of the Sun
See Emily Play
Bike
One of These Days
A Saucerful of Secrets 
Point Me at the Sky

photo Gaia Micatovich
photo Gaia Micatovich

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.