Volbeat – Let’s Boogie! Live in Telia Parken (2018)

Pubblicato il 11/01/2019 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: Let's Boogie! Live From Telia Parken
Autore: Volbeat
Genere: Elvis Metal
Anno: 2018
Voto: 8

Visualizzazioni post:332

In Italia non abbiamo una band similare da paragonare ai Volbeat che in ambito rock/metal riesce a fare un concerto davanti a 48.250 spettatori. Registrato al Telia Parken di Copenhagen il 26 agosto del 2017, la band ha deciso di immortalare un evento di portata non indifferente. Gli scandinavi, infatti, nati solo nel 2001 hanno raccolto una serie di successi non da poco e non solo nella loro amata penisola, ma un po’ in tutto il mondo. Il loro stile metal rockabilly, già etichettato da molti Elvis Metal, ha trovato consensi anche tra grandi band che spesso hanno dato il loro contributo al combo capitanato da Michael Poulsen. Tanti infatti saranno anche gli ospiti di questa serata che daranno il loro sostegno ad un concerto davvero indimenticabile; un nome su tutti, proprio il batterista dei Metallica Lars Ulrich, il quale sfoggerà il suo patriottico orgoglio danese.
Oltre due ore di show che vedono una scaletta davvero ricca di tracce che ripercorrono l’intera carriera dei Volbeat. Una formazione traballante che conferma solo il singer Michael Poulsen e il batterista Jon Larsen dagli esordi. Al basso fa il suo ingresso Kaspar Boye Larsen, entrato solo da un anno in line-up, ma già in aiuto da tourneè precedenti. Invece la seconda chitarra è affidata all’ex Anthrax Rob Caggiano, in formazione fissa dal 2013. L’eclettico Rob ha dato un tocco più melodico alla band soprattutto grazie ai suoi assoli, prima invece quasi assenti nelle composizioni. La lunga serata inizia dall’opener dell’ultimo disco “The Devil’s Bleeding Crown” ed è subito follia. Si percepisce subito quanta energia può sprigionare una band quale sono i Volbeat, soprattutto sulle hit meglio riuscite e in questa serata ci sarà tempo e posto per tutto; dai brani più classici, ai più pesanti, a quelli più rockabilly e a quelli più metal.
Proseguiamo con “Heaven Nor Hell”, “Radio Girl” e “Lola Montez”. “Let It Burn” viene accompagnata dal primo guest della serata, Mia Maja, già vocalist su disco sulla stessa traccia. Dopo la groovie “Doc Holliday” si torna ad un grande classico alla Johnny Cash: “Sad Man’s Tongue” per poi passare a “16 Dollars” e “7 Shots”, quest’ultima con l’aiuto di due guest d’eccezione, Rod Sinclair al banjo e Mille Petrozza dei Kreator alla voce.
Andiamo avanti con uno dei più grandi successi della carriera della formazione – “Fallen” – e dopo il breve stacco tributo agli Slayer con “Slaytan”, ci facciamo una scorpacciata di Volbeat puri con brani nuovi e vecchi tra cui “Dead But Rising” e “Maybellene I Hofteholder” fino a tornare ad un altro pezzo arricchito da una importante collaborazione. Parliamo di Johan Olsen, professore universitario e musicista punk, che accompagna Poulsen e soci su “For Evigt” e “The Garden’s Tale”. Troviamo anche un’anteprima in questo live, ovvero “The Everlasting” che sarà probabilmente uno dei brani del nuovo disco. Nelle tante sorprese della serata avremo inoltre la possibilità di vedere Barney dei Napalm Death duettare sulle note di “Evelyn” e, come già accennato in precedenza, il principe metal di Danimarca, Mr. Lars Ulrich dietro la batteria su “Guitar Gangster And Cadillac Blood” e una cover di “Enter Sandman” (molto meglio l’interpretazione di “Sandman” dei Volbeat che la performance di Ulrich, ma la storia è storia).
Il combo danese continua a celebrare la propria festa con uno special guest d’eccezione, infatti sul brano “The Warrior’s Call” a salire sul palco è proprio il protagonista al quale è dedicato il testo della canzone, Mikkel Kessler, campione danese di boxe, un vero eroe nella penisola scandinava. Siamo giunti quasi alla fine e tocca a Danko Jones duettare con Poulsen su “Black Rose” prima della grande chiusura con due grandi successi che hanno reso famosa la formazione agli albori della loro carriera: parliamo di “Pool Of Booze, Booze, Booza” e “Still Counting”. Così i Volbeat concludono un’esibizione di 26 brani ricchi di sorprese, guest e un’energia davvero rara per un gruppo che si merita un successo mondiale capace di fare sold out in ogni venue. Attendiamo dunque l’arrivo del nuovo disco, ma intanto ci gustiamo questo live che allieterà le nostre serate.

Tracklist:

01. The Devil’s Bleeding Crown
02. Heaven Nor Hell
03. Radio Girl
04. Lola Montez
05. Let It Burn
06. Doc Holliday
07. Sad Man’s Tongue
08. 16 Dollars
09. 7 Shots
10. Fallen
11. Slaytan
12. Dead But Rising
13. Goodbye Forever
14. Maybellene I Hofteholder
15. The Everlasting
16. For Evigt
17. Evelyn
18. Lonesome Rider
19. Seal The Deal
20. The Garden’s Tale
21. Guitar Gangsters & Cadillac Blood
22. Enter Sandman
23. A Warrior’s Call
24. Black Rose
25. Pool of Booze, Booze, Booza
26. Still Counting

Line-up:

Michael Poulsen – Voce e chitarra
Rob Caggiano – Chitarra
Kaspar Boye Larsen – basso
Jon Larsen – batteria

Sito ufficiale: www.volbeat.com
Facebook: www.facebook.com/volbeat
Etichetta Universal Music – www.universalmusic.com

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.