30/03/2019 : Folkstone (Trezzo D’Adda, MI)

Visualizzazioni post:590

30/03/2019 : Folkstone (Trezzo D’Adda, MI)

I Folkstone tornano in concerto al Live Club di Trezzo sull’Adda (Mi) presentando il nuovo album “Diario Di Un Ultimo”, – uscito lo scorso 8 marzo – anche in una edizione deluxe che contiene il Dvd live, registrato alla Latteria Molloy (Bs) lo scorso ottobre 2018. Settimo lavoro in studio per la formazione folk metal, che porta dal vivo i nuovi brani con una line-up rinnovata: Teo e Andrea, storici membri della band che hanno condiviso il viaggio della carovana Folkstone sin dall’inizio, hanno infatti deciso di proseguire per altre strade lasciando il posto al polistrumentista Marco Legnani.

Hard rock accostato a strumenti che la tradizione vuole solitamente in veste acustica, spezzando quindi ogni schema, dove i protagonisti diventano cornamuse, bombarde, arpa, cittern, bouzouki, ghironda e flauti. Questi sono gli elementi di un concerto targato Folkstone, dove l’energia è sempre la protagonista; con questo mood siamo pronti a dare il via alla serata!

Mancano davvero pochi minuti all’inizio del concerto e il colpo d’occhio in sala è notevole! Pieno da non riuscire nemmeno a vedere la porta d’ingresso da dove mi trovavo, fino su sopra il terrazzo e lungo tutto il corridoio in alto a sinistra che termina con una scala a chiocciola, in zona divanetti. I fan dei Folkstone dai più giovani a quelli non più giovani hanno risposto alla chiamata, per quanto mi riguarda è la terza volta che li vedo ed ho sempre assistito a folle numerose ai loro live, e qui lo riconfermano. Non so se abbiano fatto sold-out, ma il locale era davvero al limite!
C’è chi si è fatto parecchi chilometri per essere qui stasera, dalle Marche con tanto di striscione in bella vista attaccato alla transenna, a ragazzi arrivati dalla Liguria.

I Folkstone fanno il loro ingresso sul palco e vengono accolti da un boato di ovazione, iniziano subito con “Diario Di Un Ultimo“ e “I Miei Giorni“, i primi due brani estratti dal loro ultimo lavoro, per poi andare a ripescare nello loro discografia; hanno alternato nuovo e vecchio con il sostegno e il calore del pubblico che ha cantato per tutto il tempo. Si sono scambiati i ruoli di cantante, Lorenzo ha ceduto il posto a Roberta, che il pubblico ha molto apprezzato.

Come in ogni concerto folk non è mancato il crowdsurfing che ha tenuto impegnati i due della security sotto al palco, tenendo d’occhio le persone in modo che nessuno si facesse male. Non mancano le sorprese, Lorenzo scorge nel pubblico Andrea Locatelli (ex cornamusa, percussioni, rauschpfeife e voce), chiamandolo a salire sul palco a suonare con loro, Andrea con un balzo felino salta la transenna e arriva sul palco, accompagnato da applausi e da uno scambio di abbracci sul palco. E via verso il gran finale in cui vediamo scendere giù dal palco Lorenzo, che va a stringere le mani di chi si trova in prima fila, “imprigionato” in abbracci fra i suoi fan per poi mettersi in piedi sulla transenna e gettarsi a sua volta in un crowdsurfing, sostenuto dalle braccia del pubblico per poi ritornare con i piedi per terra e salire sul palco. Infine la classica foto di rito con il pubblico alle spalle; ma il pubblico non sembra intenzionato a lasciarli andare via e neanche loro; a chiudere Edo come ricordo della serata lancia tra il pubblico sia le bacchette della batteria che le pelli (per gli amanti dei cimeli dei concerti questi sono “regali“ assai graditi! ).

Setlist:

1. Diario di un Ultimo
2. I Miei Giorni
3. Nebbie
4. Frerì
5. Escludimi
6. Simone Pianetti
7. In Caduta Libera
8. Astri
9. La Maggioranza
10. Elicriso (C’era un Pazzo)
11. Naufrago
12. Pelle nera e rum
13. Supernova
14. Scintilla
15. Non Sarò Mai
16. Una Sera
17. Dritto al petto
18. Mercanti Anonimi
19. Un’Altra Volta Ancora
20. Rocce Nere

Encore:

21. Omnia Fert Aetas
22. Prua Contro il Nulla
23. Fossile
24. Anime Dannate
25. Con Passo Pesante

Live report e foto di Francesca Cipriano. Si ringraziano il LIVE MUSIC CLUB, Faustini Produzioni, Folkstone.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.