Nightrage (Marios Iliopoulos)

Visualizzazioni post:706

Nightrage : heavy metal senza confini!

L’heavy metal non ha confini e ce lo dimostrano da anni i Nightrage, nei quali il loro leader Marios Iliopoulos ha seguito con convinzione l’idea di suonare heavy metal di stampo svedese arrivando perfino a trasferirsi nel Paese scandinavo. Sono passati anni, i Nightrage si sono guadagnati consensi e una bella dose di pubblico. Nel frattempo Marios è tornato in Grecia ma parte della band è ancora là. Di questo e di altre interessanti questioni abbiamo parlato con il loquace frontman!

Ciao Marios e benvenuto sul nostro sito! Con questo nuovo disco “Wolf To Man” mi pare che prosegua una sorta di narrazione cominciata con il precedente “The Venomous”. L’album è simile per sonorità o ci sono stati cambiamenti?

Ciao a voi! Sì, la storia di questo album è di fatto il seguito del precedente “The Venomous”, anche questa volta abbiamo parlato del cammino che l’umanità sta facendo verso la propria scomparsa. In questo disco siamo già alla fine del percorso distruttivo, pronti a saltare sul caos che abbiamo creato noi stessi: non c’è ritorno indietro e dobbiamo accettarlo.
Per quanto riguarda le sonorità, ci siamo affidati al mix ed al mastering di Ronnie Björnström, un vero talento! In fase di songwriting la collaborazione tra me, Magnus e Ronnie Nyman è stata perfetta, abbiamo avuto una chimica sorprendente facendo del nostro meglio per avere materiale dannatamente buono nelle nostre mani.
Io e Magnus abbiamo scritto tutta la musica e Ronnie tutti i testi e le melodie vocali, abbiamo fatto un sacco di arrangiamenti insieme, comporre ed ascoltare l’album man mano che viene creato è un lavoro di squadra, abbiamo un livello di democrazia nella band al quale teniamo sempre, manteniamo il nostro ego al di fuori perchè il lavoro collettivo è la cosa migliore per i Nightrage.

In “Wolf To Man” ci parlate di una inevitabile fine del genere umano, vuoi parlarci del disco dal punto di vista dei testi?

Sì, Ronie si è ispirato a questo proverbio latino “Homo homini lupus est” che si traduce grossomodo con “Man is Wolf to Man” (l’uomo è lupo tra gli uomini) e purtroppo questa è la nostra realtà e ciò che siamo diventati. Odiarci l’un l’altro.
Siamo un cancro in questo mondo e noi siamo i nostri peggiori nemici, abbiamo un’oscurità che risiede in noi e purtroppo questo è ciò che ci condurrà alla fine. Questo è il cammino che stiamo seguendo facendo le cose sbagliate e non guardando il sentiero della luce e la strada verso la redenzione. È un concetto piuttosto oscuro quello messo nel nuovo album ma alla fine della giornata vogliamo credere che sta a noi cambiare questo e trovare la strada per la salvezza e non per il percorso distruttivo che abbiamo già avviato.

I vostri due turnisti Francisco Escalona e Dino George Stamoglou sono ora diventati membri effettivi dei Nightrage. Che cosa hanno portato alla band questi due musicisti?

Siamo molto soddisfatti di Dino e Francisco, ora sono i nostri nuovi membri della famiglia. Conosco Francisco, il nuovo bassista, da parecchio tempo, siamo davvero buoni amici e mi ha aiutato molto, mi ha dato ospitalità a casa e quando avevamo bisogno di un nuovo bassista è stato il primo ragazzo a chiedere di unirsi alla band.
Dino invece l’ho conosciuto nello studio dove sto lavorando a Salonicco (Otsemusicstudio) e sono rimasto colpito dal suo carattere e dalla sua abilità musicale, così quando abbiamo avuto bisogno di un batterista per aiutarci per il tour con i Voivod si è fatto avanti e si è dimostrato il ragazzo giusto per suonare nella band. Ora ci sentiamo completi e il legame familiare è più forte che mai. Franco e Dino sono grandi ragazzi e musicisti impressionanti che prima di tutto ci fanno suonare meglio poi sono anche amici, ci hanno dimostrato quanto sono bravi nel recente tour con i Voivod. È davvero importante per noi avere brave persone nella band e non rockstar che pensano solo al business, per noi la musica viene prima e non vogliamo lasciare noi stessi e il percorso che abbiamo iniziato tanti anni fa. Quindi avere bravi ragazzi accanto è molto importante per noi per far sì che tutto nella band vada alla grande.

Abbiamo una domanda anche sulla bellissima copertina! Come è nata e cosa vorrebbe rappresentare?

Dobbiamo dire grazie al talento di Vagelis Petikas del Revolver Design, che ha fatto tutte queste grandi copertine sia per l’album completo che per tutti i singoli digitali. Abbiamo dato a Vagelis alcune idee dei testi e gli ho anche inviato alcune demo per ascoltare e avere un’idea di che tipo di concetto avevamo per il nuovo album. Lui poi ci ha presentato tutte queste idee artistiche brillanti e siamo stati davvero colpiti da quello che aveva creato per l’album. Questa è la seconda volta che lavoriamo con lui dal momento che ha già fatto tutti i lavori per il precedente album “The Venomous”, ma questa volta si è davvero superato.

Voi Nightrage siete una band davvero internazionale, come siete dislocati attualmente?

Attualmente siamo in due sedi, Salonicco (Grecia) me e Dino e il resto dei ragazzi a Uppsala (Svezia), al giorno d’oggi è facile prendere un aereo e andare ad incontrare i ragazzi della band per le prove, registrazioni, ecc. e abbiamo anche un ottimo contatto praticamente quotidiano. Grazie a Internet manteniamo la band collegata in modo da non perdere la grande chimica e il grande legame presente tra di noi.

Mi pare che non sia stato ancora annunciato un tour di supporto all’album, c’è qualche novità? Passerete anche per l’Italia?

Abbiamo già avuto uno spettacolo da headliner ad Atene in Grecia il 12 aprile insieme a Caelestia, Anthology e Evil Within, un tour di supporto ai Cryptopsy a maggio per cinque date e un altro festival come headliner al Warhorns Festival britannico, altre date saranno confermate mano a mano. Ci teniamo a venire in Italia e in generale a fare il maggior numero possibile di concerti per promuovere “Wolf To Man” nel miglior modo possibile.

Mi sembra sia un ottimo momento per il death metal melodico, abbiamo gruppi che vanno sempre alla grande come i Dark Tranquillity o gli Arch Enemy, ringiovaniti da Alissa White-Gluz e non dimentichiamo i “classici” Kataklysm o anche i nostri Fleshgod Apocalypse. Come la vedi?

Sì, ci sono sempre grandi band che escono da ovunque, stiamo cercando anche noi di dare il nostro contributo senza mai dimenticare di essere una band metal. Ci sono così tanti gruppi e tante uscite ogni mese, sicuramente si può trovare musica di qualità. Posso dire che il death metal melodico sarà sempre lì e non morirà mai. Il futuro sembra certamente luminoso!

Da diversi anni molte band, più o meno famose, scelgono di andare in tour suonando un intero album del loro passato per celebrare particolari ricorrenze. Potrebbero farlo un giorno anche i Nightrage?

Non lo so, ad essere onesti non ci ho mai pensato, queste operazioni nostalgia a mio parere hanno senso a certi livelli, ma mi piace vivere sul presente e non sul passato, quindi ritengo che al momento i Nightrage attuali siano composti da una grande line-up ed è meglio per noi lavorare sul presente senza guardare troppo al passato.

In questi anni, per questioni anagrafiche, molte band stanno facendo tour di addio, dai Black Sabbath agli Slayer, fino ai Judas Priest o ai Kiss o ai Deep Purple. Ci sono nuove band pronte a prendere il loro posto o è un movimento musicale che non si rinnoverà?

Sì, questi gruppi sono leggendari e hanno lasciato il segno sulla scena metallica, sarà davvero difficile per le band più giovani essere in grado di sostituirli, ma forse sarà anche più salutare, forse lavorando duro molti gruppi arriveranno in alto e questa grande popolarità attuale per così poche band potrebbe “dividersi” tra tante più piccole, aiutando la scena. Penso però che non sarà la stessa cosa, questi grandi gruppi erano veramente innovatori e con quello che hanno portato nel mondo del metal (o dell’hard rock) sarà quasi impossibile per le nuove band avvicinarsi a quel tipo di popolarità, talento e fama. Ma il tempo ovviamente farà il suo corso e ce lo dirà!

Tu hai vissuto parecchi anni in Grecia. Da tempo i giornali non ci parlano più della situazione di questo Paese dopo il referendum del 2015. Che notizie ci dai?

Sì e posso dirvi che tutto è OK qui intorno e per favore non leggete le notizie e le cazzate dei giornali, perché la vita va avanti e qui va abbastanza bene. La maggior parte delle volte è solo propaganda che si diffonde intorno come una malattia e fa credere alle persone che queste bugie siano vere. Viviamo in un mondo dove la gente non si preoccupa nemmeno di fare una ricerca su internet per verificare le cose che si leggono online. Ci sono stati certamente problemi con la nostra economia, ma non siamo affatto un Paese del terzo mondo come viene detto da alcuni. Sono “fake news”, fratello!

Abbiamo saputo che sei uno dei testimonial della nuova piattaforma Pindify. Che cosa offre questo sito e come mai hai deciso di farne parte?

Sì, Pindify è una grande nuova piattaforma che può aiutare gli artisti a guadagnare soldi dal contenuto che stanno pubblicando on-line. Ho ricevuto un invito da un amico che si è incontrato con il team Pindify e mi ha assicurato che sono davvero persone serie che vogliono aiutare gli artisti ad avere un guadagno migliore dal loro lavoro. Pindify mi è piaciuto, pubblicano notizie e sono veramente attivi, ci hanno fatto loro ambasciatori e hanno anche fatto un comunicato stampa e un’intervista per promuovere la nostra musica là fuori. Quindi li consiglierei sicuramente a qualsiasi band o artista serio se non altro per provarlo e non vedo l’ora di vedere questa piattaforma crescere nei prossimi anni. Sicuramente porterà benefici e vantaggi alle band come noi che hanno intenzione di salire di livello e a tutte quelle che, lavorando solo nel mondo della musica, trovano difficile riuscire a guadagnare qualcosa.

L’intervista è finita, grazie per il tempo che ci hai dedicato! A te l’ultima parola per un saluto ai lettori italiani!

Grazie mille per l’intervista, voglio mandare i nostri più calorosi saluti a tutti i nostri amici italiani là fuori. Il nuovo album “Wolf To Man” è uscito, andate a comprarlo, sosteneteci, non vedo l’ora di vedervi tutti ai nostri concerti e ricordate sempre che “l’uomo è lupo per gli uomini”!
Massimo rispetto!

Sito ufficiale: https://nightrage.com
Facebook: https://it-it.facebook.com/nightrage
Etichetta Despotz Records – https://despotz.se

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.