Blind Guardian’s Twilight Orchestra – Legacy Of The Dark Lands (2019)

Titolo: Twilight Orchestra
Autore: Blind Guardian
Genere: Soundtrack
Anno: 2019
Voto: 4

Visualizzazioni post:376

Questo disco dei Blind Guardian sarà sicuramente ricordato come uno dei più attesi della band tedesca: la presenza di una vera orchestra e la lunga gestazione del progetto (più di 20 anni) fa sì che “Legacy Of The Dark Lands” si palesi come platter di indubbio interesse.
Ma, purtroppo, non tutte le ciambelle escono col buco. E da buon recensore ho il dovere di avvertirvi della cosa.
“Legacy Of The Dark Lands “ cerca di ricalcare (come struttura) il (giustamente) osannatissimo “Nightfall In Middle Earth”, ma dimenticandosi la parte fondamentale: il metal. Come giustamente mi ha fatto notare il mio amico Bruno durante uno dei miei innumerevoli ascolti, i Blind Guardian non sono presenti in questo disco. Ci sono ovviamente l’ugola di Hansi e le idee di Andrè ma manca tutto quello che negli anni ha definito il sound della band.
Quindi niente metal sinfonico di stampo fantasy potente ed evocativo, unito a quell’impronta da colonna sonora che nel 1998 ha dato alla luce uno dei dischi più belli del genere (e della carriera della band tedesca). Qui troverete solo una soundtrack con l’ottimo cantato di Hansi, priva di quella potenza ed epicità che ci si sarebbe aspettati.
“Legacy Of The Dark Lands” è la colonna sonora che narra fatti del mondo creato da Markus Heitz, ma lo fa senza mordente, cercando di emulare i grandi compositori del genere senza riuscirci, al contempo dimenticandosi della potenza dell’unione metal/elementi orchestrali che hanno tributato ai Blind Guardian onori in tutto il mondo.
Siamo quindi di fronte, a mio modesto avviso, ad un disco mal riuscito già in fase concettuale, che non sembra uscire dalla discografia dei bardi tedeschi, ma dagli studi di registrazione dell’ennesima colonna sonora di un film. Certo sarebbe stato forse troppo chiedere una versione potenziata di “Nightfall In Middle Earth”, ma qui siamo di fronte ad un’opera banale, scritta per risultare senza mordente, con qualche pezzo interessante ma che sembra incompiuto, o comunque mal rifinito. Un vero peccato perchè le attese erano di ben altro livello: speriamo che ci sia la possibilità di rivedere i Blind Guardian nella loro fase migliore, per ora ci troviamo nel punto più basso della loro carriera…

Tracklist:

01. 1618 Ouverture
02. The Gathering
03. War Feeds War
04. Comets And Prophecies
05. Dark Cloud’s Rising
06. The Ritual
07. In The Underworld
08. A Secret Society
09. The Great Ordeal
10. Bez
11. In The Red Dwarf’s Tower
12. Into The Battle
13. Treason
14. Between The Realms
15. Point Of No Return
16. The White Horseman
17. Nephilim
18. Trial And Coronation
19. Harvester Of Souls
20. Conquest Is Over
21. This Storm
22. The Great Assault
23. Beyond The Wall
24. A New Beginning

Line-up:

Hansi Kursch: voce
Andrè Olbrich: compositore
The City Of Prague Philarmonic Orchestra: orchestra

Links:
https://www.facebook.com/blindguardian
http://www.blind-guardian.com/
https://open.spotify.com/artist/7jxJ25p0pPjk0MStloN6o6

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.