Devangelic – Ersetu (2020)

Ersetu
Titolo: Devangelic
Autore: Ersetu
Genere: Brutal Death Metal
Anno: 2020
Voto: 7/8

Visualizzazioni post:473

In quei giorni, in quelle notti in cui cielo e terra vennero creati, in quegli anni, in cui i destini vennero fissati, Enki, modellatore del mondo, e Ninmah, dea della nascita sua sorella, bevvero birra ed i loro cuori si scaldarono. Ninmah si rivolse al fratello: «Il destino dell’uomo sarà buono o cattivo, secondo il volere del mio cuore»? Ed Enki rispose: «Per via della tua saggezza il destino sarà buono o cattivo». Ninmah prese l’argilla dalle terre a nord dell’Abzû, bagnate dalle fresche acque del sottosuolo, e creò un uomo, ma egli non teneva le mani diritte… decretò così il suo destino e lo mise a lavorare nei campi, come servitore. La seconda creazione fu invece un uomo che sfuggiva la luce ed Enki, che tutto conosce, s’accorse che l’uomo la rifuggiva… decretò allora il suo destino e ne fece un abile musicista…” [Dal mito sumero della Genesi nella tradizione di Eridu, 2200 a.C.]

Giunge a noi nientemeno che dalla congerie stratificata della mitologia mesopotamica, la descrizione della nascita del primo artista death metal, orditore fotofobico d’antiche trame musicali! Come già i Sarcolytic di “Thee Arcane Progeny”(2010) anche i Devangelic subiscono il fascino indiscusso delle teogonie e delle teorie creazioniste elaborate partendo dai racconti sumerici: le origini aliene della civiltà umana, derivata dal DNA divino degli Anunnaki, il viaggio di Ningishzidda nel mondo sotterraneo, Marduk e la Religione Delle Stelle, subentrano all’abusato impianto dantesco di Phlegethon (2017), secondo album che aveva collocato con prepotenza la compagine romana ai vertici della scena brutal death europea. Un corpus mitologico colossale ed oscuro, come il tetro ziqqurat a nove gradoni innalzato da questo Ersetu: da “Swarm Of Serpents” all’evocazione di “Cryptic Resurrection” senza respiro, dalla terra fino al cielo, in totale sintonia con il simbolismo cosmico dell’architettura sacra nella Mezzaluna Fertile. Corpus affrontato mediante un approccio da manuale, debitore sì della scena nord-americana (Condemned, Disgorge, Nile e gli intoccabili Immolation e Suffocation), ma interpretato con una perizia tale da decretare, senza tema d’infamia, il passaggio da epigoni a nuovi maestri. Seppur ipotizzabile, alla luce (fioca) dei progressi fatti lungo la precedente discesa nei gironi infernali della Comedìa, lo sviluppo è sorprendente ed interessa ogni singolo comparto: imponente Paolo Chiti, un vero demone Utukku, la cui voce è il “turbine violento, il nembo che provoca l’oscurità, l’uragano devastante che irrompe ed avanza, come il Diluvio…”; provate a calarvi gradualmente, se ci riuscite, nell’atmosfera epica e solenne generata da “Subterranean Revelations” e “Sigils Of Fallen Abominations”; a carpire gli arpeggi melodici di “Throne Of Larvae” o ancora le aperture dissonanti di “Vomiting The Infected”… nuovi, interessanti spunti d’evoluzione che si aprono nei fitti ripiegamenti ritmici di Mario Di Giambattista e del “nuovo” Alessio Pacifici (Buffalo Grillz, Dr. Gore), freschi di dottorato in Saturazione Inarmonica; e cosa dire del tentacolare Marco Coghe? Inquietante. Tutte screziature, preziose e ben visibili, nel monolite inattaccabile scolpito nei 16th Stellar Studio dall’ex Hour Of Penance Stefano “Saul” Morabito. Le grafiche maestose di Nick Keller (Disentomb, Heresiarch, Fallujah) rivelano esplicitamente il messaggio sottilmente vergato, in calce ad ogni pagina della storia, con il nostro sangue mortale: l’uomo è solo l’inerme, umile schiavo, delle divinità che gli hanno dato la luce. Ecco perché la Willowtip vende biglietti di sola andata per Nēberu

Tracce:
1.Swarm Of Serpents
2.Upon The Wrath Of Divinities
3.Eyes Of Abzu
4.Subterranean Revelations
5.Embalmed In Visceral Fluids
6.Throne Of Larvae
7.Vomiting The Infected
8.Sigils Of Fallen Abominations
9.Cryptic Resurrection

Formazione:
Mario Di Giambattista – Chitarre
Paolo Chiti – Voci
Marco Coghe – Batteria
Alessio Pacifici – Basso

https://www.devangelic.com/
https://it-it.facebook.com/devangelic.official/
http://www.willowtip.com/bands/details/devangelic.aspx

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.