Oiled

Conception – State Of Deception (2020)

“Chi non si aspetta l’inaspettato, non scoprirà la Verità”. Lo avrà mai detto Eraclito? Io, sinceramente, ne dubito, però sbagliava poco, il pensatore di Efeso…deve aver fatto anche qualche tuffo nel lago Mjøsa, ad un passo da Gjøvik, Norvegia meridionale, giusto per preannunciare quel πάντα ῥεῖ (tutto scorre) reso celebre dal suo discepolo prediletto…no, eh? Decisamente troppo lontano… bene, riproviamoci, … Leggi tutto

Pure Reason Revolution – Eupnea (2020)

Avrà giovato la pausa decennale? Sicuramente il tempo trascorso permette di osservare gli eventi sotto una luce diversa, più fredda e neutrale. Potrebbe, per esempio, aiutarci a comprendere i passaggi intermedi che hanno condotto a questo “Eupnea”, rivelandoci l’opportunità o meno delle scelte compiute dalla dotta brigata londinese. Facciamo chiarezza: la metamorfosi radicale che ha stravolto la fisionomia dei Pure … Leggi tutto

Seance – Fornever Laid To Rest (1992)

Linköping, Florida. La nostra retrospettiva potrebbe terminare ancor prima di cominciare. Aggiungiamo un dettaglio: Dan Seagrave; la cittadina della Svezia meridionale, l’assolato stato della federazione d’oltreoceano, l’autore, prontamente riconoscibile, della grafica di copertina e, superfluo a questo punto, il genere indicato qui sopra… I più maliziosi ed esperti (attempati come il recensore e la sua cricca?) avranno già tratto la … Leggi tutto

Depressive Age – Symbols For The Blue Times (1994)

Altro che azzurro (al mondiale del 2006 mancavano ancora dodici anni…). Nel 1994 il cielo sopra Berlino era blu cobalto, non c’erano in giro angeli benevoli con la faccia di Bruno Ganz e le sfumature di grigio scuro erano predominanti, dopo un solo lustro dalla caduta del muro. Il pensiero deprimente che l’unificazione fosse di fatto fallita e la rinascita … Leggi tutto

Psychotic Waltz – The God-Shaped Void (2020)

Ho sempre attribuito alla musica degli Psychotic Waltz un valore antropologico, quasi fossero autentici depositari di un sapere ancestrale. Come sciamani, giunti tra noi da un’era in cui i confini tra magia, religione e scienza erano impercettibili, in grado di stabilire un collegamento fra il mondo spirituale e quello terreno grazie alle emanazioni prodigiose della loro musica. Un lasso di … Leggi tutto

Sylosis – Cycle Of Suffering (2020)

Undici secondi. Poi la lama fredda, affilata, arriva alla gola. Il taglio è netto e preciso ed il sangue comincia a sgorgare… È un attacco all’arma bianca quello di “Empty Prophet”, feroce, rapido e letale come un solco profondo nella carotide. Josh Middleton è tornato a casa e con lui si apre un nuovo “Cycle Of Suffering”. Sono trascorsi cinque … Leggi tutto

CrΩhm – Failure In The System (2020)

Il clima alpino della regione più piccola e meno popolata d’Italia ha evidentemente influito in modo decisivo anche sulla scena metal locale: congelati per 26 anni i CrΩhm vengono liberati dal calore, è proprio il caso di dirlo, di vecchi fan ed appassionati nel 2014, in seguito ad una rassegna/evento di carattere nostalgico verso gli indimenticati (ed indimenticabili) anni ’80. … Leggi tutto

Svart Crown – Wolves Among The Ashes (2020)

Comincia con un presagio di morte imminente “Wolves Among The Ashes”, un estratto dal famigerato “Death Tape” registrato da Padre Jones sotto il cielo carico di pioggia della Guyana francese, il 18 Novembre del 1978: oltre novecento adepti del Tempio Del Popolo stanno per morire compiendo un “atto rivoluzionario irreversibile” passato alla storia come il Massacro di Jonestown, un immane … Leggi tutto

Deathwhite – Grave Image (2020)

Ad ogni passo l’aria gelida è più rarefatta. Il gesto semplice e naturale, eseguito senza sforzo cosciente, di disporre in sequenza un respiro dopo l’altro per restare vivi, può diventare estenuante mentre la mente si annebbia ed il bianco accecante avvolge lentamente gli ignoti viandanti, insinuando in loro il torpore che anticipa il sonno pre-morte. L’imperativo è resistere, ancora pochi … Leggi tutto

Jester’s March – Beyond (1991)

Il sipario da strada, una semplice tenda di stracci, si è appena aperto dinanzi alla folla in trepida attesa… cosa succederà oggi? Attore, mimo, musico o ciarlatano? Uno e plurimo, il giullare vagabondo ha un unico scopo, sopravvivere della sua arte incantando le folle da vero intrattenitore proteiforme. Cantastorie, giocoliere, acrobata o buffone, è difficile catalizzare l’attenzione di un pubblico … Leggi tutto