Green Carnation – Leaves of Yesteryear (2020)

Green Carnation
Titolo: Leaves of Yesteryear
Autore: Green Carnation
Genere: Prog Rock
Anno: 2020
Voto: 7,5

Visualizzazioni post:155

Dopo quattordici anni di silenzio tornano i Green Carnation: la band norvegese da alle stampe “Leaves of Yesteryear”, disco con cinque pezzi.

Entrando a fondo nella disamina del disco notiamo che i nuovi pezzi sono solo tre: infatti il sestetto nordico paga omaggio a se stessi (“My Dark Reflections of Life and Death”) e ai propri idoli (con la cover di “Solitude” dei Black Sabbath).

Andando a valutare i tre pezzi nuovi possiamo dire che i Green Carnation hanno ottima tecnica al servizio di buone idee: l’opener e title track “Leaves of Yesteryear” è il brano che mi piace di più, con una partenza molto gotica che si apre poi in un classico ma sempre efficace prog rock d’impatto. Anche “Sentinels” e “Hounds” si fanno ben volere, rendendo strong “Leaves of Yesteryear” un disco/EP interessante per tastare il polso di questa reunion, in attesa di avere fra le mani un prodotto completamente nuovo.

Per ora quindi possiamo dire che i norvegesi sono tornati con buone idee e con la voglia di fare bene: vedremo già dalla prossima volta se potremo dire che i Green Carnation sono tornati quelli di un tempo o no…

Tracce:
01. Leaves of Yesteryear
02. Sentinels
03. My Dark Reflections of Life and Death
04. Hounds
05. Solitude

Formazione:
Kjetil Nordhus: voce
Terje Vik Schei: chitarre
Bjørn Harstad: chitarre
Stein Roger Sordal: basso
Kenneth Silden: tastiere
Jonathan Alejandro Perez: batteria

www.greencarnationmusic.com
www.facebook.com/greencarnationnorway
www.instagram.com/green2carnation/

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.