NECK CEMETERY – Born In A Coffin

Neck Cemetery
Titolo: Born In A Coffin
Autore: Neck Cemetery
Genere: Heavy Metal
Anno: 2020
Voto: 6/7

Visualizzazioni post:109

Usciti da una cripta segreta, i Neck Cemetery sembrano davvero arrivati dal nulla, invece si tratta di musicisti con una discreta esperienza. I componenti del combo teutonico appartengono al bacino della Ruhr, area già nota per aver dato i natali ai più noti thrashers della triade Sodom, Kreator e Destruction.

In effetti troviamo in formazione, uno degli attuali membri dei Sodom, Yorck. Tuttavia questa band ha ben poco a che vedere con il thrash metal, dato che abbiamo a che fare con un heavy metal più classico. Tutti i membri appartengono comunque a formazioni più o meno note, ma sicuramente di una certa dimestichezza.

Questo “Born In a Coffin” è appena definibile un full lenght dato che è composto da 7 tracce (la prima è un’inutile intro di circa un minuto), ma veniamo a noi. Stilisticamente ci troviamo di fronte a qualcosa di molto semplice e diretto. Tutti i riff non godono di chissà quale tecnica, così come i ritmi di batteria di Lukas e i testi ispirati ai “Racconti dalla Cripta”.

Tuttavia tutto il disco scorre piuttosto piacevole lasciando un senso di piacevolezza tra le melodie catchy di “King of the Dead”, di cui gode di un ottimo assolo; stessa cosa possiamo dire dell’oscura “The Fall of a Realm” e della classicissima heavy “Banging In The Grave” accresciuta dalla collaborazione del troppo facilmente identificabile Chris Boltendhal dei Grave Digger.

In “Feed The Night” la performance più accattivante è a opera del ritmato basso di Mad Matt, coadiuvato da una prova vocale distinguibile di Jens. Velocissima e diretta, quanto classica è come possiamo definire “The Feed”. Sono rimasto invece un po’ deluso dalla chiusura forzata e lunga di “Sisters of Battle” un po’ lunga forse per dare spazio alla chitarra di Michael Koch degli Atlantean Kodex, che avrebbe potuto accrescere il valore di questo lavoro, tutto sommato molto diretto e sincero.

Difficile poter consigliare l’acquisto ad occhi chiusi, ma sicuramente vale la pena di approcciarsi a questa band e vedere se possono fare al caso vostro. Un po’ di buon heavy classico non fa mai male; curiosissimo di vederli dal vivo!

Tracce:
1. L.F.I.R.S
2. King of The Dead
3. Castle of Fears
4. The Fall Of A Realm
5. Banging In The Grave
6. Feed The Night
7. The Creed
8. Sisters of Battle

Formazione:
Jens Peters – Voce
Boris Danger – Chitarra
Yorck Segatz- Chitarra
Mad Matt – Basso
Lukas Strunck – Batteria

https://neckcemetery.bandcamp.com/
https://www.facebook.com/neckcemetery/

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.