TRANSATLANTIC – The Absolute Universe: Forevermore

Transatlantic
Titolo: The Absolute Universe: Forevermore (Extended Version)
Autore: Transatlantic
Genere: Prog Rock / Metal
Anno: 2021
Voto: 7

Visualizzazioni post:281

Recensione della versione extended dell’ultimo disco targato Transatlantic: il supergruppo prog ha dato alla luce due dischi diversi, uno in supporto singolo ed uno in versione doppio cd, catturando sicuramente l’attenzione del pubblico. La doppia versione dimostra sicuramente freschezza e voglia nella composizione/arrangiamento dei pezzi, visto che la band poteva anche limitarsi a fare un mero taglia e cuci per ricavare i due diversi prodotti.

Ma veniamo alla recensione che risulta ostica e darà sicuramente adito a discussioni: mentre scrivo non ho ancora visto articoli quindi il mio giudizio non è assolutamente influenzato dalle cose scritte dagli altri recensori, anche se ritengo il mio punto di vista abbastanza particolare e forse poco comprensibile da molti amanti del genere.

“The Absolute Universe: Forevermore” è un disco mastodontico, lungo 90 minuti ed in cui gli amanti del classico sound della band troveranno sicuramente parecchie fonti di gioia ed interesse. In molti tratti ho trovato un filo conduttore con il secondo album (che è anche il mio preferito) “Bridge Across Forever”: sono passati 20 anni ma c’è da dire che il quartetto non sembra aver sentito lo scorrere del tempo, soprattutto l’ugola di Neal Morse. Voglio appunto soffermarmi sul grande cantante statunitense, che a mio avviso è il trademark di questo supergruppo: è davvero incredibile e magico ascoltare le sue linee vocali, e basta chiudere gli occhi per viaggiare, cullati dal fantastico e caratteristico cantato di Neal.

Venendo al lato compositivo posso dire che c’è tanta carne al fuoco, tanta voglia di prog classico, ben suonato e dotato di tutti i crismi per appassionare gli amanti del genere: ma questo, a mio avviso, è anche il grande limite del disco. Ci troviamo di fronte ad un insieme di canzoni scritte per piacere ai progster, senza evoluzioni nel sound nè soluzioni particolari. Un platter che sa molto di Spock’s Beard (ma senza la magia di Ryo Okumoto), e che poggia sulle incredibili (ma ormai conosciute) qualità tecniche dei musicisti.

Quello che veramente manca a questo disco è la capacità di uscire dalla “comfort zone” e di scoprire nuovi lidi, di andare in esplorazione come indica il termina progressive. “The Absolute Universe: Forevermore” incarna quello che è definito oggi prog, ovvero un genere standardizzato, che confeziona prodotti di grande qualità tecnica e, in questo caso, con ritornelli assolutamente interessanti, ma senza quello spirito evolutivo che ha contraddistinto i grandi di questo genere.

In definitiva ritengo l’ultima fatica dei Transatlantic un disco di qualità, con musicisti fenomenali in grado di trovare la giusta breccia nei cuori degli ascoltatori, ma impossibilitati a comporre qualcosa fuori dai loro consueti schemi, venendo meno al vero significato del termine progressive. Se siete amanti di Morse, Portnoy, Stolt e Trewavas aggiungete tranquillamente un punto alla mia valutazione e godetevi questo platter, che però contribuisce a ingrandire il divario fra il prog fatto di stilemi ed il prog fatto invece di innovazione e di spinta verso il futuro, messaggio con cui era nato alla fine degli anni ’60 del secolo scorso…

Tracce:
Disc 1:
01. Overture
02. Heart Like A Whirlwind
03. Higher Than The Morning
04. The Darkness In The Light
05. Swing High, Swing Low
06. Bully
07. Rainbow Sky
08. Looking For The Light
09. The World We Used To Know

Disc 2:
01. The Sun Comes Up Today
02. Love Made A Way (Prelude)
03. Owl Howl
04. Solitude
05. Belong
06. Lonesome Rebel
07. Looking For The Light (Reprise)
08. The Greatest Story Never Ends
09. Love Made A Way

Formazione:
Neal Morse: voce, tastiere
Mike Portnoy: batteria
Roine Stolt: chitarra
Pete Trewavas: basso

https://www.transatlanticweb.com/
https://www.facebook.com/TransatlanticMusic/
www.instagram.com/transatlanticofficial
https://www.insideoutmusic.com/

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.