NORTHTALE – Eternal Flame

Titolo: Eternal Flame
Autore: Northtale
Nazione: Stati Uniti, Svezia, Brasile
Genere: Power Metal
Anno: 2021
Etichetta: Nuclear Blast

Formazione:

Guilherme Hirose – voce
Bill Hudson – chitarra
Patrick Johansson – batteria
Mikael Planefeldt – basso
Jimmy Pitts – tastiera


Tracce:

1 – Only Human
2 – Wings Of Salvation
3 – Future Calls
4 – The Land Of Mystic Rites
5 – Midnight Bells
6 – Eternal Flame
7 – In The Name Of God
8 – Ride The Storm
9 – King Of Your Illusion
10 – Judas Be My Guide
11 – Nature’s Revenge
12 – Ivy (Outro)


Voto del redattore HMW: 8,5/10
Voto dei lettori: 9.0/10
Please wait...

Visualizzazioni post:303

Secondo album per i Northtale, band nata dalla volontà del virtuoso chitarrista Bill Hudson, questo Eternal Flame è un lavoro che mi ha sorpreso positivamente. Ammetto di non essere un grande appassionato di power metal ma, onestamente, questo lo è.

Eternal Flame gira bene, snoccialando pezzi interessanti dove risultano evidenti le influenze principali di Hudson: i primi Stratovarius ed Helloween, ma soprattutto gli Angra con Matos (ad esempio, “King Of Your Illusions”, “In The Name Of God”,  “Ride The Storm” e la splendida”Land Of Mystic Rites”). Se da un lato quindi il gruppo paga dazio ai mostri sacri del genere, dall’altro riesce a modernizzare il tutto con un tocco personale che rende il disco tutt’altro che banale. Cosa che non riscontravo dai tempi dei Dionysus di Olaf Hayer.

Interessanti anche alcuni passaggi più aggressivi ed alcune atmosfere accattivanti , che mi hanno fatto pensare (anche per il modo di approcciarsi alle linee melodiche, non certamente nel timbro), ai nostrani Elvenking. Sarebbe interessante, nei futuri lavori, che questi aspetti venissero valorizzati maggiormente.

L’arrivo di Guilherme Hirose alla voce si è dimostrato non solo una scelta vincente, ma anche un valore aggiunto per il gruppo; probabilmente quello di cui aveva bisogno per raggiungere una maturità solo sfiorata con il precedente Welcome To Paradise (2019).

Il disco si mantiene tutto ad un alto livello di qualità: melodie dirette e spesso piacione, ritornelli che fanno presa (fra tutti, quelli di “Wings Of Salvation” e di “Eternal Flame”) e che sono avvalorati da un egregio lavoro alla sei corde di Hudson, non solo in fase di assoli (fra l’altro, molto poliedrici), il quale è sostenuto da una sezione ritmica granitica e da parti di tastiera che meritano tutta l’attenzione per il lavoro di arrangiamento di gusto non solo “classico” ma spesso anche “esotico”. Non presentando canzoni riempitive né punti deboli, Eternal Flame tocca probabilmente il suo apice con “Nature’s Revenge“, canzone che riassume egregiamente le sonorità e le caratteristiche dei Northtale.

Pezzi preferiti: “Future Calls”, che vede come ospiti Kai Hansen alla voce e suo figlio Tim che regala un assolo di tutto rispetto; la priestiana “Midnight Bells”; e soprattutto “Only Human”, una vera badilata in faccia!

Meritano infine una parola di apprezzamento la riuscitissima cover degli Iron Maiden, “Judas Be My Guide“, e la conclusiva “Ivy”, una strumentale degna di una colonna sonora di film fantasy.

Promossi a pieni voti: bravi!

Un commento su “NORTHTALE – Eternal Flame”

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.