DEMONICAL – Mass Destroyer

Titolo: Mass Destroyer
Autore: Demonical
Nazione: Svezia
Genere: Death Metal
Anno: 2022
Etichetta: Agonia Records

Formazione:

Martin Schulman: Basso
Ronnie Bergerstål: Batteria
Johan Haglund: Chitarra
Eki Kumpulainen: Chitarra
Christofer Säterdal: Voce


Tracce:
  1. We Conquer the Throne 03:13
  2. Sun Blackened 03:40
  3. Fallen Mountain             05:04
  4. Wrathspawn                         03:45
  5. Dödsmarsch                         04:05
  6. Lifeslave                         06:09
  7. Cemented in Ire             04:03
  8. By Hatred Bound 03:51

Voto del redattore HMW: 6,5/10
Voto dei lettori:
Ancora nessun voto. Vota adesso!
Please wait...

Visualizzazioni post:102

Scapocciate. Suoni marci. Chitarroni protagonisti. Voce dall’oltretomba. Tupa-tupa come stile di vita”.

No, scherzo, dai. Chi legge queste pagine si potrà rendere conto che queste stesse identiche parole le ho utilizzate (pochissimo tempo fa) per recensire il lavoro dei connazionali Entrails.

Però, di fatto, ci troviamo a fare ragionamenti che si assomigliano molto.

I nostri non necessitano di grandi presentazioni: sono la creatura del Sig. Schulman, che, dopo aver lasciato la creatura Centinex, ha deciso di sfogare le sue necessità compositive con una nuova, che arriva con questo nuovo Mass Destroyer al settimo lavoro in studio.

Il discorso iniziato col botto nel 2007, alla fine dei conti, non era che la continuazione del discorso metallico che con la precedente formazione era stato interrotto e, fino almeno a Death Infernal, la cosa aveva mantenuto livelli decisamente validi e qualitativi.

Dopo, qualcosa, anche fisiologicamente, si era un po’ spento e effettivamente c’erano stati dei capitoli meno ispirati, fino alla caduta di Chaos Manifesto e, almeno in parte, di World Domination. Lavori che erano sembrati abbastanza scialbi e privi di quella spinta che mantiene vivi e vivaci lavori di questo tipo, dove sperimentazione o slanci di eclettismo non sono certo all’ordine del giorno.

In questo contesto, cambiato il cantante e ripreso un vecchio amico alla batteria, ci approcciamo a questo Mass Destroyer che invece risulta più riuscito di quanto non ci aspettassimo. Pur rimanendo ancorati alla tradizione e, come detto, senza nessuno slancio, i Demonical riescono a confezionare un lavoro che si lascia ascoltare e che non stufa nella sua mezz’ora scarsa di minutaggio.

Probabilmente con un po’ più di pazienza nelle pubblicazioni e qualche momento di ulteriore riflessione, una sorta di best of delle ultime uscite avrebbe avuto un risultato più ficcante per la carriera dei nostri. Ma pare che Mr. Schulman non possa proprio esimersi dal fornire e rifornire costantemente il mondo della giusta e quotidiana dose di death metal.

Purtroppo, ci sono gruppi, sia conosciuti sia dell’underground, che hanno da offrire prodotti pur tradizionali ed etichettabili che possono risultare più frizzanti ed interessanti. Questo è un lavoro comunque più che sufficiente, ma lo consiglierei soltanto a chi non può proprio farne a meno.

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.