AMARANTHE + BEYOND THE BLACK + BUTCHER BABIES + AD INFINITUM


Visualizzazioni post:204

EVENTO: AMARANTHE + BEYOND THE BLACK + BUTCHER BABIES + AD INFINITUM
LUOGO: LIVE MUSIC CLUB – TREZZO SULL’ADDA, MILANO
DATA: 25.10.2022

EUROPEAN CO-HEADLINE TOUR 2022

Il concerto era programmato per il 1° dicembre 2020 a Trezzo sull’Adda (MI), Live Club, inizialmente posticipato al 26 aprile 2021 e al 26 gennaio 2022 è stato posticipato al 25 ottobre 2022

Non so perché, ma ho in mente questa frase: “questo concerto non s’ha da fare“, ho sinceramente perso il conto di quante volte è stato cancellato e posticipato, maaaaaaaaaa…

FINALMENTE!!! Ci siamo, questo tour ha preso il via ai primi di ottobre, precisamente il 6 a Vienna con diverse date sold out come Antwerp, Londra, Lione, Zlín, Göteborg e Stoccolma (se la giocano in casa!), le ultime due date di questo tour europeo.

L’ultima volta che sono passati dall’Italia hanno sfiorato il sold out, e al Live di Trezzo sull’Adda ormai sono di casa… ne vedremo delle belle!!!

Arrivata nel pomeriggio intorno alla 16.30, trovo già una discreta fila di ragazzi; la maggior parte di loro ha partecipato al meet & greet con i Beyond The Black, e ci sarebbe dovuto essere anche quello con gli Amaranthe, ma all’inizio del tour è stato cancellato. Purtroppo non a tutti i fans è arrivata la comunicazione:

Gentile acquirente di biglietti Metaltix,
prima di tutto vorremmo ringraziarla per aver acquistato i biglietti su metaltix.com!
Purtroppo dobbiamo informarti che l’evento AMARANTHE – VIP Upgrade è stato cancellato a causa dell’attuale situazione di Corona.
La data di AMARANTHE – VIP Upgrade – 25.10.2022 – Live Music Club (Milano), Mailand non avrà luogo!
Dichiarazione degli Amaranthe:
“Sebbene la pandemia sia abbastanza sotto controllo da permetterci di intraprendere di nuovo un tour europeo, il virus COVID rappresenta ancora un rischio per un cantante che non può esibirsi correttamente per diverse settimane – e noi abbiamo tre cantanti negli Amaranthe. Pertanto, con nostro grande rammarico, riteniamo che la linea d’azione responsabile sia quella di cancellare i VIP Upgrade (Meet & Greet) per il momento, al fine di garantire che gli spettacoli siano il meglio possibile. Tutti i VIP Upgrade saranno naturalmente rimborsati”.
Vi ringraziamo per la vostra comprensione.
Rimanete in salute e sostenete l’industria degli eventi continuando a utilizzare i vostri biglietti!
Cordiali saluti,
il vostro team Metaltix

 

Creando non pochi malumori e delusioni, dopo due anni di continui rinvii non è stato il massimo e a tutt’oggi a molti non è ancora arrivato nulla. Metaltix, che si è occupato di questa cosa, non ha fatto una bella figura, mi auguro che si faccia perdonare con i rimborsi in maniera celere, ma torniamo alla serata che si preannuncia bella infuocata.

 

Ore 18.30 spaccate, danno il via gli Ad Infinitum, formati nel 2018 da Melissa che è fondatrice nonché frontwoman insieme a Niklas, Korbinian e Adrian.

Avevo avuto modo su YouTube di vedere dei loro video e già mi erano piaciuti, ma addirittura aver la possibilità di gustarmeli dal vivo è un’occasione unica; peccato dover suonare in un locale non ancora affollato, ma questo non li ha scoraggiati. Sono stai accolti positivamente dai fan presenti in sala e sono riusciti a soddisfare le loro orecchie e non solo. Una buona tenuta di palco e presenza scenica altrettanto valida, Melissa ha una voce molto versatile, sa cavarsela anche con il growl, particolare che mi ha spiazzata ma al contempo me l’ha fatta apprezzare tantissimo; unica nota stonata – mettiamola così – che ci devono salutare, hanno esaurito il tempo a loro disposizione. Mezz’ora scarsa, un vero peccato, la classica foto di rito con il pubblico alle loro spalle e lasciano il palco fra applausi più che meritati, assolutamente promossi dalla sottoscritta e mi auguro ritornino presto!

 

Dopo un breve cambio strumentazione è il turno delle Butcher Babies , un gruppo heavy metal statunitense, fondato nel 2010 a Los Angeles, California, da Heidi Shepherd e Carla Harvey, entrambe ex modelle di Playboy pubblicarono autonomamente il primo EP nel 2011 , Il gruppo afferma di essere influenzato da Marilyn Manson, Slayer, Slipknot e molti altri gruppi del mondo thrash e nu metal.

Mi spiace dirlo, ma fin da subito purtroppo le voci delle due cantanti non si sentono, sovrastate da batteria, basso e chitarra; non ho idea se da una posizione più arretrata, la situazione audio fosse migliore. Le due fanciulle ce l’hanno messo tutta, difficile starle dietro per il continuo muoversi e saltare sul palco; sulla presenza scenica, nulla da ridire, ma per tutto il resto esibizione da dimenticare, non mi è piaciuto per nulla.

 

In perfetto orario, se non con qualche minuto di anticipo, giunge il turno dei Beyond The Black, gradito ritorno qui al Live; già di passaggio in quel di Trezzo sull’Adda qualche anno fa (una piacevole scoperta!), in sala il pubblico è decisamente aumentato e la band viene accolta con un boato da tutti i loro fan presenti, che li hanno sostenuti per tutta la durata della loro esibizione. Jennifer Haben è in splendida forma vocale e ci ammalia con una presenza scenica davvero buona, si è sentita tutta la loro carica, data dalla possibilità di tornare di nuovo su un palco; dopo la classica foto di rito, lancio di scaletta, bacchette e plettri, cimeli sempre graditi ai fans che rimangono come indelebile ricordo, lasciano il palco fra applausi più che meritati! Speriamo tornino presto!!!

Scaletta Beyond The Black

  1. Intro / Is There Anybody Out There?
  2. Lost in Forever
  3. Songs of Love and Death
  4. Reincarnation
  5. Human
  6. Dancing in the Dark
  7. Heart of the Hurricane
  8. Winter Is Coming
  9. Heaven in Hell
  10. When Angels Fall
  11. In the Shadows
  12. Shine and Shade
  13. Hallelujah
  14. Outro

Ultimo cambio palco previsto per la serata e l’attesa si fa sempre più carica; si spengono le luci in sala, ma si riaccendono sul palco giochi di luce sul violetto, fumo, un’intro che sembra non finire mai… Arrivano Morten (batteria), Johan e Olof (basso e chitarra), ma il pubblico esplode con l’arrivo di Elize, Richard Sjunnesson, che ha preso il posto Henrik “GG6” Englund Wilhelmson, che ha lasciato qualche mese fa (si è sentita la sua mancanza stasera) e Nils. Partono subito con la marcia ingranata con “Fearless”, brano che fa parte di Manifest, album uscito due anni fa; fanno cantare e saltare per tutta la durata del concerto, senza un attimo di respiro. Presentano un brano inedito, “Find Life”, uscito poco prima dell’inizio del tour europeo (chissà se sarà inserito nel nuovo album); mi sarei aspettata di veder sbucare fuori Jennifer dei BTB, per un duetto con Elize su “Make It Better”, invece si rallentano i ritmi infuocati e si riprende respiro sulle note di “Crystalline”. La tregua dura davvero poco: altri due brani dai ritmi davvero veloci fino al classico immancabile, sto parlando della splendida ballad “Amaranthine”. Si riparte con i ritmi veloci che ci accompagnano fino alla fine; da quando hanno iniziato non sembra nemmeno sia passata già un’ora, e sarà forse l’attesa, il loro modo di coinvolgere, ma il tempo è letteralmente volato. Anche per loro foto di rito e lancio di cimeli, per la gioia dei fan presenti. Tornate presto!!!

Scaletta Amaranthe

  1. Intro/Fearless
  2. Viral
  3. Digital World
  4. Hunger
  5. Find Life
  6. Make It Better
  7. Strong
  8. Helix
  9. Maximize
  10. Crystalline
  11. Dynamite
  12. The Nexus
  13. Amaranthine
  14. Call Out My Name
  15. Archangel
  16. That Song
  17. Drop Dead Cynical

 

In chiusura come, sempre i doverosi ringraziamenti agli organizzatori della serata: il Live Music Club, Vertigo e Vertigo Hard Sounds, grazie per averci fatto emozionare e vivere una serata top, dopo due anni di stop ci voleva!!! Si torna a casa stanchi, ma felici!

Foto di Francesca Cipriano

Ad Infinitum:

Butcher Babies:

Beyond The Black:

Amaranthe:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.