CELESTIAL WIZARD – Winds Of The Cosmos

Titolo: Winds Of The Cosmos
Autore: Celestial Wizard
Nazione: Stati Uniti D'America (Colorado)
Genere: Death Metal / Black Metal / Power Metal / Heavy Metal
Anno: 2023
Etichetta: Scarlet Records

Formazione:

Amethyst Noir – voce
Nick Daggers – chitarra e voce
William Perkins – chitarra
Kyle Morgan – basso
Tim Gillman – batteria


Tracce:

01 Andromeda 2:25
02 Revenant 5:29
03 Ice Realm 4:09
04 Powerthrone 4:30
05 Eternal Scourge 5:32
06 Steel Chrysalis 4:27
07 Undead Renegade 5:05
08 Cyberhawk 4:26
09 Winds of the Cosmos 7:45


Voto del redattore HMW: 7/10
Voto dei lettori: 6.3/10
Please wait...

Visualizzazioni post:137

Quando un recensore si approccia ad un nome che non conosce, inevitabilmente ricade in due prerogative. Individuare il genere e un gruppo similare per capire come poi affrontare la recensione. Ecco con i Celestial Wizard è stato molto difficile. Prima di tutto perchè non ho individuato un solo genere e di conseguenza perchè le influenze sono davvero tante.

Andiamo per passi. Potremmo avere a che fare con gruppi estremi. Allora si parlerebbe facilmente di un genere death/black metal. Oppure ci sono quelli power/heavy, insomma, le accoppiate di generi affini. Ancora una volta sono stato disorientato da questo gruppo statunitense che passa dal death metal melodico, al power, al black metal con una estrema facilità e con ottimi risultati. E’ per pochi riuscire ad attingere un po’ da tutto e tutti e risultare in qualche modo originali pur non avendo inventato nulla di nuovo.

Winds Of The Cosmos include dunque un po’ di tutto e sono pochi i gruppi che ricordo siano riusciti in qualcosa di simile. Sicuramente posso annoverare tra i nomi più similari a questi risultati i Volcano e i Children Of Bodom. Tuttavia nei Celestial Wizard troviamo forti influenze di gruppi quali In Flames, Dark Tranquillity, così come Carcass o addirittura Iced Earth. Lo credete impossibile? Ascoltate questo disco almeno un paio di volte senza mandare avanti la traccia che state ascoltando. Non troverete un brano death metal, uno black, uno power. I genere sono incastrati alla perfezione all’interno di ogni brano.

I brani sono nove. Persino la copertina se ci fate caso porta fuori strada e anche a scatola chiusa non saprete certo cosa state comprando. La voce più brutale è quella di Amethyst Noir, mentre le parti più pulite sono affidate a Nick Daggers, che si occupa anche delle chitarre. Il quartetto di Denver riesce a coinvolgere con una carica non indifferente l’ascoltatore più dinamico al quale non interessa incasellare a tutti i costi questo genere. Chi invece cerca un’identità ben precisa si troverà, come abbiamo già detto più volte in queste recensione, confuso e disorientato.

Il mio pezzo preferito è “Ice Realm” e lo trovate qui nel video di seguito.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.