13/04/2018 : Machine Head (Trezzo, MI)


Visualizzazioni post:1072

13/04/2018 : Machine Head (Live Music Club – MI)

I Machine Head arrivano a Trezzo per presentare il loro ultimo album “Catharsis”, il Live Music Club ad inizio serata pre-concerto appare semideserto e c’è qualche piccola preoccupazione tra il pubblico su come si svolgerà la serata sapendo che Robb Flynn (cantante) si presenterà con problemi di salute, tanto che la band ha fatto dei tagli al tour annullando date in America ed in Europa (anche una in Italia, allo Zona Roveri di Bologna).
Ma a soltanto quindici minuti da inizio concerto la serata si rianima, l’afflusso del pubblico aumenta ed in breve il Live Music Club si trasforma in una quasi full location.
I Machine Head arrivano sul palco puntualissimi senza nessuna attesa e con una vera e propria esplosione di puro thrash metal, Robb Flynn appare questa sera in ottima forma per tutto il tempo e su tutti i brani suonati. Il resto della band accompagna Robb in vera sincronia coinvolgendo per tutta la serata l’intero pubblico di varie età che segue con molto entusiasmo esultando su tutti i loro brani.
I Machine Head suonano per ben due ore e mezza quasi ininterrottamente ventitre brani che comprendono quasi l’intera discografia spezzando solo con due pause non molto lunghe, consentendo a Robb Flynn di riprendere fiato viste le condizioni fisiche: la prima di guitar solo proposta dal chitarrista Phil Demmel, subito dopo il sesto brano e la seconda a seguito del quattordicesimo brano con una grande esibizione del batterista Dave MacClain, entrambi esaltano e stupiscono i fan con la loro bravura e le loro tecniche.
Tra le quindici tracce dell’ultimo album (“Catharsis”) i Machine Head ne suonano cinque e sono: “Volatile”, “Kaleidoscope”, “Catharsis”, “Beyond The Pale” e “Behind A Mask”, brani apprezzati ed assecondati dal pubblico, con un probabile giudizio positivo sull’intero album.
L’attesissimo brano nonchè il più famoso arriva a poco più di metà serata ed è “Davidian”, pezzo storico dei Machine Head tratto dal loro primo album “Burn My Eyes”, il pubblico esulta con moltissima euforia.
La serata prosegue ancora con sette brani e si conclude alle 23:30 con una band che non rimane per niente delusa dai fan e calorosamente li saluta regalando loro una vera e propria pioggia di plettri, bacchette e quant’altro.
Un pubblico milanese molto fortunato rispetto a quello bolognese, che purtroppo resta amareggiato e forse anche un po’ deluso ma si spera comprensivo per non aver avuto la band preferita a casa propria.
A mio parere i Machine Head sono una band di spessore con una gran lunga carriera musicale, ma in tutta sincerità mi hanno deluso un paio di cose: l’esclusione dal tour di una band di supporto e il permesso fotografico negato dal promoter a tutti i siti e alle riviste metal, che avrebbero comunque portato i buoni e meritati riscontri.

Foto di repertorio

SETLIST
1-Imperium
2-Volatile
3-Now we die
4-Beautiful Mourning
5-The Blood,The Sweat,The Tears
6-Kaleidoscope
7-Guitar solo
8-Darkness Within
9-Catharsis
10-From this Day
11-Ten Ton Hammer
12-Is There Anybody Out There?
13-Locust
14-Beyond The Pale
15-Drum Solo
16-Bulldozer
17-Killers &King
18-Davidian
19-Behind A Mask
20-Beneath The List
21-Triple Beam
22- Aesthetics of Hate
23-Game Over
24-Block
25-Halo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.