Voivod – The Wake (2018)

Titolo: The Wake
Autore: Voivod
Genere: Progressive Metal
Anno: 2018
Voto: 9

Visualizzazioni post:560

Frattali, buchi neri, assenza di gravità, alieni, pianeti remoti, esplosioni nucleari: questi alcuni topoi ricorrenti nelle liriche di una delle band più sottovalutate del metal, i canadesi Voivod.
Dopo il notevole “Target Earth” del 2013, che aveva sancito un ritorno dei nostri alle sonorità più “classiche” dopo tre album non troppo convincenti, la band aveva ulteriormente progredito il proprio sound tramite l’EP “Post Society”, ma questa volta il quartetto pare aver trovato veramente la pietra filosofale.
Il merito è in buona parte da attribuirsi a Daniel “Chewy” Mongrain, chitarrista dotato di fantasia, tecnica e il giusto appeal per gli incubi sci-fi dei canadesi: come non gioire infatti di fronte ai riff obliqui e dissonanti di chiara scuola Piggy (r.i.p.) riscontrabili in ogni frangente di “The Wake”?
Questo nuovo lavoro pare assimilare il meglio da capisaldi quali “Nothingface”, “The Outer Limits” e i due lavori più recenti, smussando anche le poche incertezze e dando quindi vita a otto brani irresistibili e voivodiani al 100%.
La veloce e aggressiva opener è una dichiarazione d’intenti: metal, sì, ma intelligente, psichedelico, melodico e originale. Metteteci anche un bell’assolo che ricalca la melodia delle strofe e una coda lugubre e il gioco è fatto.
Inutile a questo punto riportare un elenco delle tracce più riuscite, perché questo è un album che risulta perfetto sotto ogni aspetto, anche se i lidi psichedelici di “The End Of Dormancy”, nella quale affiorano flebili riferimenti ai Faith No More più sperimentali (quelli di “Angel Dust”, per intenderci), la magniloquenza sonora di “Iconspiracy”, l’incredibile “Always Moving”, dotata di uno dei refrain più orecchiabili di tutta la loro carriera e il tour de force di “Sonic Mycelium”, sorta di compendio finale di tutte le song dell’album, sono i momenti topici di quello che, lasciatecelo dire, è un capolavoro.

Amen.

Tracklist:

1. Obsolete Beings
2. The End of Dormancy
3. Orb Confusion
4. Iconspiracy
5. Spherical Perspective
6. Event Horizon
7. Always Moving
8. Sonic Mycelium

Line-up:

Denis “The Snake” Bélanger – voce
Daniel “Chewy” Mongrain – chitarra
Dominique “Rocky” Laroche – basso
Michel “Away” Langevin – batteria

Sito ufficiale: http://voivod.net
Facebook: https://www.facebook.com/Voivod
Etichetta Century Media – https://www.centurymedia.com

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.