Helloween – United Alive in Madrid (2019)

Titolo: United Alive In Madrid
Autore: Helloween
Genere: Power Metal
Anno: 2019
Voto: 8,5

Visualizzazioni post:278

Sicuramente una delle reunion più volute, richieste e osannate degli ultimi anni nel power metal. Tra i capostipiti del genere, i geni dell’happy metal si (ri)uniscono in una formazione risalente al 1987, in versione allargata. Ricapitoliamo dunque dando uno sguardo a chi abbiamo  in line-up: Kai Hansen, inizialmente prima voce del combo tedesco, poi scalzato a chitarra e seconda voce con l’ingresso del carismatico e più che dotato Michael Kiske, per molti la vera voce degli Helloween. Abbiamo poi Michael Weikath e Markus Grosskopf rispettivamente alla chitarra e basso. Siamo ai tempi di “Keeper Of The Seven Keys pt 1”, insindacabilmente una delle pietre miliari del power metal e non solo. Forse un disco essenziale per molti metallari di tutto il mondo. E questa è storia. Troveremo poi in questo quartetto un’altra grande voce delle zucche di Amburgo, Andi Deris, che si è guadagnato il rispetto dei più grandi detrattori dell’ex Pink Cream 69 negli anni da oggi all’ormai lontano 1994. Si è poi deciso di integrare i due più giovani Sascha Gerstner e Dani Loble rispettivamente alla terza chitarra e alla batteria. Il primo, in formazione dal 2002 già famoso per aver militato nei Freedom Call, il secondo, presente invece dal 2005, degno sostituto del più famoso Ingo Schwinchtenberg, suicidatosi nel 1995 in seguito ad una grossa depressione.
Ma saranno dunque questi i nuovi Helloween o sarà solo una piacevole e temporanea parentesi? Questo non è ancora dato a sapersi, anche se c’è già qualche notizia di un disco in produzione, ma quello che ci interessa è che siano spariti almeno per ora i dissapori (specialmente i noti litigi tra Weikath e Kiske nda) e ci sia stata data una grande opportunità di vedere davvero storia e professionalità uniti sui palchi di tutto il mondo. Passati anche in Italia per ben due date con un grande sold out presso il Mediolanum Forum di Milano e un open air al Firenze Rocks di supporto agli Iron Maiden, i nostri power metallers hanno deciso di recuperare le registrazioni di Madrid (e non solo come vedremo) per immortalare quello a cui in tanti purtroppo non hanno potuto assistere. Le riprese nel DVD racchiudono tre date nello specifico: quella a San Paolo, Brasile, davanti a 8.000 spettatori, quella a Madrid, Spagna davanti 14.000 fans e quella a Wacken, Germania di fronte a 70.000 metallari.
La scaletta è uno spaccato della storia degli Helloween a partire dalla preistoria fino a raggiungere giorni più recenti. Dall’opener “Halloween”, proseguendo per “Dr Stein” e “I’m Alive” possiamo valutare come la formazione si sia preparata ad uno show vero e proprio dove ogni musicista ha il suo spazio e può mostrare la propria bravura e tecnica sul palco. L’amalgama di tre chitarre, così come già sperimentato precedentemente dagli Iron Maiden, fa il suo effetto sia visivo che tecnico, specialmente nell’utilizzo di riff, assoli e riempitivi che uniti al basso di Grosskopf non possono che essere apprezzati. Il drumming moderno e preciso di Loble aiuta tantissimo un sound più aggressivo e pieno soprattutto nei brani più datati, ma la sfida aperta è tra i due grandi cantanti di Amburgo, anche se più che una sfida, il testa a testa tra Kiske e Deris sembra davvero una collaborazione vera e propria. Una prova di forza dimostrativa di due voci grandiose ed inossidabili dell’heavy metal mondiale. Gli acuti del duo teutonico si sostengono e si accompagnano nei brani più storici che abbiamo già conosciuto in entrambe le versioni come in “Eagle Fly Free” e “Future World” o “I Want Out”, ma è bello poter valutare le parti di Kiske anche sui pezzi scritti per Deris come sulla struggente “Forever And One” o su “Why”, mentre altri brani verranno eseguiti esclusivamente da Deris come “I Can”, “Sole Survivor” e “Power” (purtroppo priva dei maestosi cori/sfida nei vecchi tempi, forse per la mancanza di tempo). E cosa dire della primordiale “How Many Tears” a tre voci? Insomma ce n’è per tutti i gusti e tra un medley dell’era Kai Hansen e un assolo di batteria di Loble, viene presentata anche la nuova “Pumpkins United”, scritta appunto per l’occasione. Un brano curioso e un po’ ruffiano, che trova facile inserimento in una set list alla quale non manca nulla.
Un palco addobbato di zucche per la migliore e la più grande delle feste in stile Ha(e)lloween aggiunge quel tocco scenico che sigilla questo evento privo di difetti. Consigliato a chi li ama, a chi li ha amati, a chi è potuto andare a vederli e a chi non li ha mai visti. Un DVD monumentale.

Tracklist:

  1. Halloween
  2. Stein
  3. I’m Alive
  4. If I Could Fly
  5. Are You Metal
  6. Rise And Fall
  7. Waiting For The Thunder
  8. Perfect Gentleman
  9. Kai’s Medley
  10. Forever and One
  11. A Tale That Wasn’s Right
  12. I Can
  13. Pumpkins United
  14. Drumkins United
  15. Living Ain’t No Crime
  16. Sole Survivor
  17. Power
  18. How Many Tears
  19. Invitation+Eagle Fly Free
  20. Keeper Of The Seven Keys
  21. Future World
  22. I Want Out

DVD:

  1. Halloween
  2. Dr Stein
  3. I’m Alive
  4. If I Could Fly
  5. Are You Metal
  6. Rise And Fall
  7. Waiting For The Thunder
  8. Perfect Gentleman
  9. Kai’s Medley
  10. Forever And One
  11. I Can
  12. Livin’ Ain’t No Crime / A Little Time
  13. Why
  14. Sole Sorvivor
  15. Power
  16. How Many Tears
  17. Eagle Fly Free
  18. Keeper Of The Seven Keys
  19. Mas-Kai-To
  20. Future World
  21. I Want Out
  22. Outro

Line-up:

Andi Deris – voce
Michael Kiske – voce
Kai Hansen – voce e chitarra
Michael Weikath – chitarra
Sascha Gerstner – chitarra
Markus Grosskopf – basso
Dani Loble – batteria

Links:
https://www.facebook.com/helloweenofficial
https://www.helloween.org/
http://www.nuclearblast.de

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.