Gunjack – The Cult Of Triblade (2019)

Titolo: The Cult Of Triblade
Autore: Gunjack
Genere: Heavy Speed Metal
Anno: 2019
Voto: 7

Visualizzazioni post:749

Il trio dei Gunjack arriva da Milano e propone un heavy speed metal insindacabilmente influenzato dai Motorhead. In primis per la voce al vetriolo di Mr Messerschmitt, ispirato innegabilmente a quel mix di whisky e sigarette di Mr Kilmister, tanto da potersi a tratti quasi confondersi con l’originale. Ma non dobbiamo lasciarci trarre in inganno da un solo elemento del combo: se ci addentriamo nello stile della formazione meneghina, troviamo tante altre influenze che vanno da Iron Maiden a Judas Priest, tanto per citare i nomi più noti della NWOBHM.
“The Cult Of Triblade” è il secondo capitolo della saga del droide Gunjack e nei testi evocativi si nascondono i suoi obiettivi che prendono vita nei curiosi titoli di “District 9”, “Fukushima”, “Immortals”. Il sound della formazione tricolore, sebbene ancora acerbo e grezzo, presenta una volontà di ammodernare un genere ancora molto apprezzato nella scena heavy. Infatti se da un lato sentiamo una produzione sgarbata e volutamente lasciata “al naturale”, dall’altro lato possiamo notare un desiderio di esplorare svariati territori musicali, grazie ad una distorsione efficace nella chitarra di Gamma Moser ed ai suoi assoli puliti e decisi; peculiarità che ritroviamo nel drumming di M47, preciso e volitivo dietro le pelli. I Gunjack inseriscono persino dei passaggi più cattivi, in riff che richiamano il thrash teutonico come nell’esempio di “Kneel Down”, lasciando poco spazio alla melodia, ma rassicurando l’ascoltatore con un heavy incalzante e bastardo.
Se vogliamo dirla in poche parole, siamo di fronte a dei Motorhead 2.0, dove è inutile nascondere l’innegabile accostamento vocale, senza però tralasciare il desiderio dei nostri di muoversi trasversalmente tra le tante influenze heavy speed che sono passate nelle orecchie del trio in questione.
Ci incuriosisce la definizione “Drunk n Roll” dell’attitudine che riguarda le performance live della band, la quale ci porterà a doverli valutare in futuro in sede live. Per ora teniamo d’occhio i Gunjack per vedere quali altre sorprese riserveranno prossimamente.

Tracklist:

1 – The Cult Of Triblade
2 – Behind The Truth
3 – I’m Not Innocent
4 – District 9
5 – Fukushima
6 – New Cold Soldier
7 – Immortals
8 – Mind’s Annihilator
9 – Kneel Down
10 – Normandy
11 – Lake Of Uniforms
12 – Triblade
13 – Last Conflict

Line-up:

Mr Messerschmitt: voce e basso
Gamma Morser: chitarra
M47: batteria

Links:
www.facebook.com/GunJack666
www.youtube.com/channel/UCdJIG83uUjUJnNpLXmnK3ZQ
https://gunjack666.bandcamp.com/album/totally-insane
https://twitter.com/GunjackBand
https://www.instagram.com/gunjack_band/

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.