SIXX:A.M. – James Michael


Visualizzazioni post:194

SIXX:A.M. – Parole tra i Diari

Questa intervista nasce dal desiderio e la curiosità di saperne di più su un nome che a mio parere gira troppo poco per il suo valore. I tre membri originali della formazione (tra i quali spicca inevitabilmente Nikki Sixx dei Mötley Crüe) sono il fulcro delle sonorità dei Sixx:A.M. Tuttavia tale progetto ha uno scopo ben preciso: fare da colonna sonora alla vita tormentata dell’ex Crüe, autore di un paio di libri in cui i temi, delicatissimi e personalissimi, mettono a nudo l’artista e le sue debolezze, i suoi errori, i suoi tarli interiori. Molte persone si confrontano ogni giorno coi temi affrontati nei testi dei Sixx:A.M., ma tramite la musica l’autoanalisi diventa molto più forte. Quindi questo progetto non solo serve a fare ammenda ma può, in qualche modo, farci riflettere sulla nostra vita, sui nostri problemi. La musica è un mezzo molto forte, a volte forse quello perfetto a dare uno sfondo alle parole, quelle giuste per l’auto-confronto. Ecco perché i Sixx:A.M. (così come molti altri, ovviamente) potrebbero essere una medicina terribilmente forte! Qui di seguito l’intervista, con tutti i miei dubbi e le mie domande, a James Michael, voce di questo progetto!

Sixx A.M. cliccate sulla copertina per vedere la nostra recensione

eng click on the flag to get to the English version

Partiamo da questo nuovissimo album, HITS, una raccolta di molti dei vostri migliori brani, ma non si tratta solo di singoli. Come siete arrivati a scegliere quali brani inserire?

Volevamo che HITS fosse una raccolta di canzoni che riflettono ciò che è diventato il progetto Sixx:A.M. nel corso degli anni. Non solo successi radiofonici bensì canzoni che sono risuonate dentro ai nostri fan. Alcuni dei pezzi di HITS non sono mai stati singoli da radio ma si sono fatti strada nel cuore delle persone. A volte questi sono quelli che hanno l’impatto più profondo e siamo orgogliosi di poter essere riconosciuti in questi pezzi.

Avete dato una nuova veste ad alcune canzoni, come “Talk to Me”, “Skin” e l’incredibile versione pianistica di “Life Is Beautiful”. Quanto può essere importante ricreare alcuni dei vostri stessi brani, in una nuova versione?

Penso che, se si è artisti, è importante avere un’idea chiara di chi si è e di cosa si può fare per il proprio pubblico. Nel nostro caso, credo che siamo fortunati ad essere dei buoni musicisti e ad avere un’ottima squadra di collaboratori alle spalle. L’idea di dare nuova vita a parte delle nostre canzoni è stata una buona maniera per allenarci alla scrittura.

Avete optato per la versione originale di “Maybe It’s Time”, anche se ne avete una fantastica con altri artisti. Come mai non avete scelto quest’ultima? Come siete arrivati a decidere di fare questa versione con altri cantanti?

È solo perché la nuova versione fa parte di una campagna di beneficenza, Artists For Recovery, e quindi non è stato possibile inserirla in HITS. Per quanto riguarda l’idea di avere altri nomi all’interno della canzone, è successo perché è sempre un piacere lavorare con amici e artisti incredibili… Siamo estremamente orgogliosi di questa esperienza.

Le nuove tracce “The First 21” e “Penetrate” hanno ancora il marchio di fabbrica dei Sixx:A.M. Cosa dobbiamo aspettarci dal nuovo album e quando vedrà la luce?

Finito il tour del 2016, ricordo che siamo andati subito in studio e abbiamo iniziato a scrivere e registrare nuove canzoni. In quel momento abbiamo capito che, in definitiva, volevamo mettere insieme l’album HITS e volevamo includervi del materiale nuovo. Sicché il processo di scrittura delle nuove canzoni è iniziato a fine 2016 / inizio 2017. Allora abbiamo scritto “Waiting All My Life” e “Penetrate”. Dopo aver finito quelle, abbiamo deciso di fare una lunga pausa perché eravamo ancora tutti piuttosto stanchi dopo gli anni passati a registrare e fare concerti. Naturalmente, una volta arrivato il coronavirus si è fermato tutto bruscamente e non abbiamo scritto nulla per un po’ di tempo. Poi, circa tre mesi fa, quando Nikki stava per completare il suo nuovo libro, abbiamo deciso di scrivere “The First 21” perché accompagnasse il libro stesso. È stato bello tornare a vederci dopo una pausa tanto lunga. Ci sentivamo tutti creativi e parecchio ispirati.

Qual è la tua canzone preferita per la musica e quale per il testo, e perché?

Credo che lo stile dei Sixx:A.M. sia unico non solo per via della nostra musicalità ma anche per il nostro comune apprezzamento della musica di tutti gli stili e generi. Credo anche che all’inizio siamo stati molto avvantaggiati dal non cercare di essere un “gruppo”. Eravamo semplicemente tre amici che stavano bene insieme, a comporre canzoni. All’inizio non avevamo obiettivi se non quello di creare musica che ci divertisse. Quindi non ci sentivamo obbligati ad aderire alle regole. Abbiamo questa mentalità dall’inizio della nostra carriera e questo ci ha dato la libertà di seguire il cuore e l’istinto ovunque ci portassero. Direi che questo è il fattore principale che contribuisce al nostro stile. Onestamente, non ho un’idea su quale sia il brano migliore o il testo migliore. È semplicemente un piacere avere l’opportunità di far parte del gruppo.

Il libro « The First 21 » dovrebbe parlare degli anni di sobrietà di Nikki. Quanto è diverso da « The Heroine Diaries » e quanto si riflette questo sulla vostra musica?

Il nuovo libro è una sorta di riassunto di come Nikki sia diventato una rockstar. Da quando era bambino sino al periodo prima di « The Heroine Diaries ».  Mi è sempre piaciuto avere un libro o una storia come ispirazione per scrivere musica e testi. Quando ci siamo messi a scrivere The Heroin Diaries Soundtrack, stavamo letteralmente scrivendoci un film in testa. Questo ha reso il processo di scrittura molto entusiasmante e stimolante, un po’ diverso dal nostro normale processo di composizione. Quando hai un libro come ispirazione guida, ti aiuta a focalizzare la creatività e ti dà degli obiettivi da raggiungere. Quindi riuscire ad inserirci nello stesso ordine di idee che avevamo quando abbiamo scritto “The First 21” è stato molto divertente!

Avete iniziato come un trio ma poi nel 2015 avete aggiunto ufficialmente Dustine alla batteria e Amber e Melissa ai cori. Possiamo considerare i Sixx:A.M. come un vero gruppo o suona ancora più come un progetto?

Sixx:A.M. è un gruppo di fratelli. Penso sia il modo migliore per descriverci.

Sixx A.M.Torniamo indietro, agli inizi. Siamo nel 2007 e avete appena mosso i primi passi come Sixx:A.M. Come è arrivata la formazione a qualcosa di più ispirato e concreto e perché?

Come ho spiegato prima, la prima cosa se si è parte di un gruppo, è che servono due cose importanti: amicizia e una squadra di professionisti alle spalle. Come sai, abbiamo una formazione incredibile fin dall’inizio ed è per questo che dopo solamente pochi mesi non è stato un problema avere delle canzoni che spaccano e un piano per il futuro!

Qual è il tuo rapporto con i fan tramite i social o nella realtà e quanto può essere difficile vivere una vita da rockstar?

Sono infinitamente grato ai nostri fan. Loro sono il membro principale dei Sixx:A.M. sin dall’inizio. Mi piace parlarci, farmi un’idea di come si avvicinano alla nostra musica e alla nostra idea di “vita”. Al riguardo dei social, penso di non essere la persona giusta per rispondere a questa domanda. Io preferisco la vita reale e la mia famiglia.

Descrivimi chi sono Nikki, Daren e James come persone reali dentro e fuori dai Sixx:A.M.

Le parole migliori per descriverli sono “AMICI” e “GENTE CHE LAVORA SODO”, dentro e fuori dal gruppo.

Quanto è stata importante per te la musica nella tua vita e perché?

La musica è una delle cose più importanti per la mia vita, senza dubbio.

Sei libero di chiudere l’intervista ringraziando qualcuno di veramente importante per il tuo successo, e magari con qualche parola per i vostri sostenitori italiani, che vi aspettano sempre…

Grazie mille! Siamo davvero grati di tutto il supporto che ci avete mostrato negli anni. Ci sentiamo molto fortunati e onorati di poter presentare il nostro HITS a tutti voi. È stato un viaggio incredibile!

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.