Brand New

Questa è la nostra sessione di recensioni. Ci potrete trovare tutti i dischi mainstream, i primi per importanza di etichetta e di vendite. I gruppi più famosi e i nomi più blasonati li troverete qui.

Steve Harris’ British Lion – The Burning (2020)

Ok la prendo io questa patata bollente. Immaginate, per un secondo, cosa vuol dire approcciarsi a dover recensire il lato B del più significativo ed influente bassista della storia dell’intero metallo pesante. L’eterna sfida tra Amore e Psiche, due facce di una stessa medaglia che nient’altro è che l’animo umano nella sua essenza primordiale, in ciò che rimane quando ogni … Leggi tutto

Bonded – Rest In Violence (2020)

Qualcosa nei Sodom si è rotto in modo definitivo e il frontman Tom Angelripper ha deciso di rinnovare completamente la line-up licenziando il resto del trio Makka e Bernemann, rispettivamente batteria e chitarra. Mentre il batterista era in formazione da 10 anni, il chitarrista ha fatto da braccio destro allo “zio Tom” per 22 anni, una vita se si pensa … Leggi tutto

The Murder Of My Sweet – Brave Tin World (2019)

Angelica Rylin ha una grandissima voce che ancora una volta trascina i suoi The Murder Of My Sweet in questo nuovo e quinto album intitolato “Brave Tin World”, che rispetto ai dischi precedenti è migliore nel sonwriting e nelle potenti melodie sprigionate dalle canzoni. Oltre ad Angelica dietro al microfono, abbiamo il famoso produttore Daniel Flores alle tastiere e alla … Leggi tutto

Sons of Apollo – MMXX (2020)

Davvero prolifici i Sons of Apollo, che in soli 3 anni hanno dato alla luce due studio album ed un live: il nuovo “MMXX” cavalca l’onda del nuovo che avanza, cercando di offrire qualche variazione futuristica al suono della band. Il risultato è racchiuso in 8 tracce che consolidano il sound di Portnoy & C. senza grandi stravolgimenti: e visto … Leggi tutto

A New Tomorrow – Universe (2019)

Sebbene questa formazione sia stata fondata circa dieci anni fa, gli inglesi A New Tomorrow non hanno ancora attirato l’attenzione generale. ‘’Universe’’ è l’album di debutto del quartetto di Londra che in verità è stato fondato dagli italianissimi Alessio Garavello e Andrea Lonardi. Il nostro Alessio ha avuto la sua prima esperienza musicale proprio in Inghilterra, con gli Arthemis e … Leggi tutto

Rage – Wings of Rage (2020)

Devo ammettere che ho dovuto ascoltare più e più volte questo disco, in diverse situazioni e diversi momenti. Non è mai facile recensire un album al primo ascolto, non solo se parliamo di gruppi che non conosciamo. Anzi a maggior ragione con quelli che conosciamo e ammiriamo particolarmente c’è sempre un’attenzione particolare dato che forse sono quelli dai quali ci … Leggi tutto

House Of Shakira – Radiocarbon (2019)

Il grande merito degli House Of Shakira è di aver alimentato il flebile fuoco dell’hard rock melodico, ridando fiamma e speranza alle nuove generazioni di fan che amano questo stile musicale. Il gruppo proviene dalla florida e fervente scena svedese e formatisi nel lontano 1991, trasporta un suono unico che si distingue tra le altre band dello stesso genere. E’ … Leggi tutto

Jinjer – Macro (2019)

Nelle arti visive, la macro-fotografia è un genere che permette attraverso particolare tecniche, di ingrandire in proporzione certe immagini. A titolo di paragone chissà quindi se i Jinjer con il loro ultimo album “Macro” abbiano voluto ampliare gli spunti realizzati con l’ EP Micro uscito precedentemente a gennaio. Una band che non si definisce metal ma extreme progressive, dedita all’alchimia … Leggi tutto

Edge Of Forever – Native Soul (2019)

Devo ammettere che Alessandro Del Vecchio ha veramente una bella voce che non ha nulla da invidiare ai migliori cantanti metal in circolazione, ma il nostro connazionale è conosciuto soprattutto come cantautore, tastierista, affermato produttore ed è anche la punta di diamante della nostrana Frontiers Records. Da quando Alessandro si è legato all’etichetta italiana è diventato un nome di riferimento … Leggi tutto

Officium Triste – The Death Of Gaia (2019)

La devozione nei confronti di una delle correnti più significative del metal anni novanta ha sempre caratterizzato, nel bene e nel male, la cifra stilistica degli Officium Triste. La precoce infatuazione per il miglior death-doom (chi ha detto Peaceville Three?) partorito all’inizio di quella decade spinse gli allora Reïncremated ad abbandonare un death metal poco brillante per imboccare definitivamente l‘oscuro … Leggi tutto